A- A+
Culture
Cinema: morto attore palermitano, Pino Caruso
Foto: IPA

L'attore siciliano Pino Caruso e' morto oggi a Roma a 84 anni. La notizia della scomparsa dell'attore e' stata data dal sito del 'Giornale di Sicilia'. Malato da tempo, Caruso era uno degli attori siciliani piu' noti in televisione e al cinema assieme a Franco Franchi e Ciccio Ingrassia e Lando Buzzanca e uno dei simboli di Palermo. I funerali si svolgeranno domani a Roma.

"Ciao Pino. Lasci in tutti noi un grande dolore, ma certamente anche l'orgoglio di averti conosciuto e di aver condiviso un pezzo importante della nostra strada. Palermo perde un concittadino straordinario, un uomo, un artista che ha contribuito alla rinascita della citta', con la sua cultura, la sua ironia, la sua sagacia". Cosi' su Facebook il sindaco Leoluca Orlando ha reso omaggio a Pino Caruso, morto a Romna a 84 anni.

 

Pino Caruso, con lui la lingua siciliana entro' in tv 

Palermitano doc, rappresentante di una comicita' mai volgare e trascinante, Pino Caruso porto' al cinema e in tv la sua sicilianita' che caratterizzo' un'epoca insieme a Franco Franchi e Ciccio Ingrassia e a Lando Buzzanca. A meta' degli anni Sessanta approdo' al Bagaglino di Roma, diventando poi, negli anni Settanta, un volto della televisione: nel 1979 al fianco di Ornella Vanoni con 'Due di noi' poi nell'81 con Milva in 'Palcoscenico', storica trasmissione di Antonello Falqui e nel 1982 dopo il mattatore di "Che si beve stasera?" su Rai 2. Nato a Palermo il 12 ottobre 1934, ha debuttato nel mondo dello spettacolo al Piccolo Teatro di Palermo il 16 marzo 1957 con un breve ruolo in 'Il giuoco delle parti' di Luigi Pirandello. Un anno dopo, per il Teatro Massimo di Palermo, interpreta un ruolo recitante ne 'Il flauto magico' di Wolfgang Amadeus Mozart. Nel 1963 e' scritturato dal Teatro Stabile di Catania. Nel 1965 si trasferisce a Roma e passa al cabaret, al Bagaglino. Il debutto in Rai avviene nel 1968 quando viene scritturato per la trasmissione di varieta' 'Che domenica amici'. Poi una slunga serie di partecipazioni in trasmissioni di culto in cui Pino Caruso recita in siciliano ed e' tra i primi a legittimare la lingua isolana nella televisione italiana. Negli anni '70 e '80 tante partecipazioni a trasmissioni Rai di culto e ancora impegno in teatro. Dal 1995 al 1997, su nomina del sindaco Leoluca Orlando, Caruso progetta e dirige Palermo di scena, manifestazione d'arte e spettacoli. In tale occasione rinnova il tradizionale Festino, che da' il via alle edizioni kolossal della festa di Santa Rosalia, e delle prime due edizioni di Palermo di scena, autentico festival dell'estate che rilancia la citta' dopo la stagione del piombo mafioso portando negli spazi piu' belli personaggi del calibro di Sakamoto, Carmelo Bene, Dario Fo e molti altri. Nel 2001, il commissario straordinario Ettore Serio richiama Caruso a ripeterne l'esperienza.

A partire dal 2002 e' tra i protagonisti della fiction 'Carabinieri' Canale 5 per due stagioni, interpretando il maresciallo Giuseppe Capello, uscendo di scena andando poi in pensione. Nel 2003 e' protagonista del 'Tutto per bene' di Luigi Pirandello e nel 2004 de Le Vespedi Aristofane, al Teatro Greco di Siracusa. Interpreta inoltre il mafioso nel film tv 'L'onore e il rispetto' di Salvatore Samperi; il prete nel film 'La matassa' di Ficarra e Picone e Giambattista Avellino. Nel 2009 interpreta il monologo 'La voce dei vinti' e, per il Teatro Stabile di Palermo, con la coproduzione del Teatro Stabile di Catania, interpreta, curandone anche la regia, il monologo spettacolo 'Mi chiamo Antonio Calderone', di Dacia Maraini, tratto dal libro di Pino Arlacchi 'Gli uomini del disonore'. Nel 2010 Pino Caruso e' il protagonista de 'Il berretto a sonagli' (regia G. Dipasquale) ottenendo grande successo di pubblico e di critica. Grande uomo di teatro, popolarissimo per le sue incursioni televisive, Caruso ha lavorato molto anche nel cinema dove, oltre ad aver diretto un film nel 1976 ('Sedotto e violentato, episodio di Ride bene... chi ride ultimo'), ha recitato in film importanti come 'Malizia' di Salvatore Samperi (1973), 'La donna della domenica' di Luigi Comencini (1975), 'Dimmi che fai tutto per me' di Pasquale Festa Campanile (1976), 'Il... Belpaese' di Luciano Salce (1977), 'Il ficcanaso' di Bruno Corbucci (1981), 'Scugnizzi' di Nanni Loy (1989), 'Come inguaiammo il cinema italiano - La vera storia di Franco e Ciccio' di Cipri' e Maresco (2004), 'La matassa' di Ficarra e Picone e Giambattista Avellino (2009) e 'Abbraccialo per me' di Vittorio Sindoni (2016).

Commenti
    Tags:
    cinemapino carusoattore palermitano
    in evidenza
    Miley Cyrus choc, senza veli La foto che infiamma i fans

    GOSSIP

    Miley Cyrus choc, senza veli
    La foto che infiamma i fans

    i più visti
    in vetrina
    Isola dei famosi 2019, lutto per Marco Maddaloni. Isola dei Famosi 2019 news

    Isola dei famosi 2019, lutto per Marco Maddaloni. Isola dei Famosi 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot festeggia mezzo secolo di attività in Italia

    Peugeot festeggia mezzo secolo di attività in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.