"L'Ilva di Taranto scomparirà per morte naturale, non per il referendum..."

ANTEPRIMA/ "Nel mio nuovo libro racconto la storia della via simbolo della mia vita, a Taranto, in cui ho vissuto per quasi trent’anni. L’ottanta per cento dei padri lavorava nell’Italsider o nell’indotto...". Cosimo Argentina parla in anteprima con Affaritaliani.it del suo nuovo romanzo, "Vicolo dell'acciaio" (Fandango): "Il referendum per la chiusura dell'Ilva? Se può servire a lanciare un messaggio può andare, ma non credo servirà alla causa. Piuttosto credo che l’Ilva scomparirà per morte naturale. Cassa integrazione ogni giorno, produzione ridotta all’osso. Dobbiamo cominciare a pensare al dopo per forza di cose". E sul suo fututo di scrittore rivela che... L'INTERVISTA

Giovedì, 4 novembre 2010 - 08:00:00

ARGENTINA SU AFFARITALIANI.IT

L'AUTORE - Cosimo Argentina ha esordito nel '99 con "Il cadetto" (Marsilio), romanzo vincitore del premio Khilgren come migliore opera prima. Nel 2008 Manni ha pubblicato il potentissmo romanzo "Maschio adulto solitario".  Tra i suoi libri più importanti va segnalato anche "Cuore di cuoio", pubblicato da Sironi nel 2004 e riportato in libreria da Fandango qualche mese fa.

Arriva da Taranto e dal Salento la 'meglio gioventù' della nuova letteratura italiana. LO SPECIALE DI AFFARITALIANI.IT

Lo speciale di Affaritaliani.it sulla nuova narrativa da Taranto e dal Salento spinge lo scrittore Cosimo Argentina a intervenire. IL TESTO IN ESCLUSIVA

Calcio & Letteratura/ Torna in libreria per Fandango "Cuore di Cuoio" di Cosimo Argentina

Cosimo Argentina ad Affaritaliani.it: "Nonostante Calciopoli, il calcio resta più pulito e giusto della vita". Lo scrittore parla dell'antologia di racconti "Messi a 90" (Manni) scritta a quattro mani con Fiorenzo Baini. L'INTERVISTA

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, e-book, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

cosimo argentina
Argentina

Professore (precario) di diritto nella vita (ai mali della scuola italiana ha dedicato il pamphlet"Beata ignoranza"), Cosimo Argentina, classe '63, è uno degli autori italiani più ingiustamente sottovalutati (almeno finora) dalla critica e dalla grande editoria. Finalmente ha trovato una casa editrice che dimostra di credere in lui (in una lunga intervista concessa qualche giorno fa ad Affaritaliani.it , il direttore editoriale - e scrittore - Mario Desiati, a proposito di Argentina, ha sottolineato quanto la Fandango punti sullo scrittore tarantino che dal 1990 vive e lavora in Brianza, ndr).

In questi giorni arriva in libreria il suo nuovo libro, "Vicolo dell'acciaio", un romanzo corale ambientato a Taranto, la città più inquinata e indebitata d'Italia. Quanto alla trama, "nel condominio di Via Calabria 75 pullulano le vite di molte famiglie tarantine irrimediabilmente segnate da una sorte già scritta. Quasi tutti vivono lì perché si è a due passi dall’Ilva, il più grande impianto siderurgico d’Europa. Quasi tutte sono toccate da un lutto o una malattia dovuta alla grande fabbrica. Il quartiere è popolato da personaggi straordinari e pittoreschi e tra questi ne svetta uno in particolare: il Generale. Uomo del nord, ma costretto a emigrare al contrario per lavorare con l’acciaio. Ha le dita che sanno di fiamme e gli occhi sempre rossi, un uomo da siderurgico in tutt’e per tutto. Veste come uno dell’Italsider. Mangia come un operaio dell’Ilva. Raramente parla dei compagni di lavoro, del lavoro e del caldo che gli porta la pressione a tremila. È un uomo fermo e autorevole, tiene il polso dentro la fabbrica, sa quando è il momento di fare sciopero e quando no, ma è anche il padre di Mino, un giovane studente che sogna di diventare avvocato e che ha una storia d’amore con la prorompente e ruspante Isa. La ragazza ha il rispetto che si accorda a una del vicolo da sempre. Come lei c’è Sudan e i suoi occhi color del miele, Pirdo che è un fedelissimo, un ultrà che se la fa coi capi della curva. E poi c’è Trottola che è un prima linea, uno che si riempie i polmoni di Italsider e infine c’è la madre, Maddalena, una femmina doc, l’unica bionda del vicolo. E ancora Napoleone Candida, Giggino Insognato, Domenico Giungato che mangia ali di pellicano per farsi una foto, Amedeo Gridelli e altri strepitosi personaggi che compongono un caleidoscopio di vite vere, che sembrano opporsi con ingenua e sincera vitalità al loro destino segnato".

cosimo argentina
LA COPERTINA
Più di un anno fa, a proposito della "rinascita" della narrativa pugliese (e tarantina in particolare), lei ha pubblicato un'intervento su Affaritaliani.it (vedi box a destra, ndr) in cui, tra le altre cose, scriveva: "Il lettore vorrebbe ottimismo, cozze, belle ragazze e storie di avventura e amore e speranza. Ma lo scrittore è costretto a farsi inseguire dalle storie che lo marcano stretto. Il vero scrittore non dovrebbe studiare a tavolino le sue mosse sicché questo passa il convento… e lo scrittore si adegua.  Nasce una santa alleanza tra i personaggi e il creatore di storie, un’alleanza che funziona solo se il narratore si mette in gioco e in discussione fino alla nudità. E se questo passa attraverso i fumi dell’Ilva e le coste inquinate, be’, ragazzi, così è!". Questo suo nuovo romanzo, in cui si confronta con i lati oscuri e le contraddizioni della sua città d'origine, è (anche) una messa in pratica di quanto ha scritto allora?
"Io non ho doveri verso il lettore bensì verso i personaggi e le storie che racconto. In questo ribadisco quello che ho dichiarato. Questo libro nasce per caso. Volevo scrivere una storia a sfondo ecologico, ma a un certo punto è diventata la storia di una via, della via simbolo della mia vita, via Calabria, quartiere Italia Montegranaro, Taranto. Da quel momento ho assecondato i ricordi e le sensazioni che mi porto dentro da quando sono nato. È una specie di magia i cui ingredienti restano tutt’oggi sfumati". 

Quindi anche lei da ragazzo viveva vicino all'Ilva come i protagonisti del suo nuovo libro...
"Nella via in cui ho vissuto per quasi trent’anni l’ottanta per cento dei padri lavorava nell’Italsider o nell’indotto. Vedevamo i genitori partire per il lato opposto della città e rientrare a orari fissi. Un tempo scandito dalle sirene della fabbrica. Ma questo è un libro sull’uomo più che sulla fabbrica. Ciò che mi interessa fin da 'Il Cadetto' (il libro d'esordio di Cosimo Argentina, ndr) è l’uomo. Storie e vicende umane... non esiste argomento più affascinante, per il sottoscritto. Non c’è storia. È anche una storia sulle sconfitte e sulla parte debole dell’umanità. In questo c’è un naturale legame con 'Maschio adulto solitario'. Questo è un libro per quelli che restano in piedi poggiati a un muro ad aspettare che le cose passino, di qualunque cosa si tratti".

Lei vive in Brianza ormai da vent'anni, ma Taranto è spesso protagonista dei suoi libri. Negli ultimi anni la sensibilità della popolazione tarantina nei confronti della questione-Ilva è cresciuta e anche il Governatore pugliese Vendola si è mosso con decisione. A che punto è la situazione? Il prossimo 27 marzo i tarantini dovrebbero andare alle urne per pronunciarsi sulla chiusura totale o parziale dello stabilimento siderurgico più grande d’Europa. Qual è la sua posizione in merito al discusso referendum?
"In Italia abbiamo svuotato di significato i referendum abrogativi, figurarsi quelli consultativi! Se può servire a lanciare un messaggio può andare, ma non credo servirà alla causa. Piuttosto credo che l’Ilva a Taranto scomparirà per morte naturale. Cassa integrazione ogni giorno, produzione ridotta all’osso. Dobbiamo cominciare a pensare al dopo Ilva per forza di cose".

Sta già lavorando al prossimo libro? Taranto sarà ancora protagonista?
"Con 'Vicolo dell’acciaio' forse chiudo una quadrilogia iniziata con 'Il cadetto', passata per 'Cuore di cuoio' e per 'Maschio adulto solitario'. Nel futuro prossimo c’è un narrare di altro, anche se mi riservo Taranto per una storia ad ampio respiro già impostata nella mia testa. Ma questa sarà un'eccezione. Del resto metà della mia passata produzione è ambientata altrove, perciò continuerò a lasciarmi trascinare dalle storie che meglio di tutti noi conoscono la loro naturale collocazione".

 

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA