Dan Fante si racconta con Affaritaliani.it: "La scrittura semplice e geniale di mio padre John mi ha influenzato..."

Suo padre, l'italo-americano John Fante, è stato uno dei più grandi scrittori del '900. Dan, dopo una giovinezza dedita all'alcol e al sesso, ha deciso di seguire la stessa strada del padre, diventando un grande scrittore anche lui. Ora Marcos y Marcos (ri)pubblica "Angeli a pezzi", il romanzo più autobiografico e bukowskiano di Dan Fante, che si racconta a tutto campo in un'intervista ad Affaritaliani.it: "Ho iniziato a scrivere dopo i quaranta anni e l'ho fatto come terapia per non autodistruggermi. Avevo sempre desiderato scrivere ma ero troppo folle e ubriaco per permettere al mio talento di esprimersi". E aggiunge: "Il mio stile letterario e quello di mio padre sono molto simili. La sua genialità e semplicità con le parole mi hanno ispirato"

Giovedì, 11 febbraio 2010 - 10:20:00


LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

Torna in libreria, per la nuova collana miniMarcos di Marcos y Marcos, "Angeli a pezzi", uno dei più noti e vibranti romanzi di Dan Fante, figlio di John, a sua volta uno dei più grandi narratori americani del '900, che l'Italia (e non solo...) ha scoperto tardi ma che poi non ha più abbandonato.

dan fante john fante
Dan Fante (foto di  Nicolas Guerbe)

E proprio del più che ingombrante rapporto con papà John, Dan parla nel semi-autobiografico e profondamente bukowskiano  "Angeli a pezzi". Ci sono infatti un padre in fin di vita e il suo 'complicato' figliolo che, nel bel mezzo di una esistenza al limite tutta dedita ad alcol e sesso, prova ricongiungersi in extremis...

dan fante john fante
John Fante e il cane (tra i protagonisti di molti suoi libri...)

Affaritaliani.it ha intervistato Dan Fante.

“Angeli a pezzi”  è un libro autobiografico, in cui parla di suo padre. A distanza di tanti anni, cosa le piace ancora e cosa non più di quel romanzo?
"Ero abbastanza pazzo quando scrissi quel libro. Resta però il fatto che, se non è il miglior romanzo che scritto, di sicuro è uno dei migliori".

Lei ha detto che “Chiedi alla polvere” è il romanzo di suo John Fante che preferisce. Ha detto anche che suo padre non l’ha mai incoraggiata a scrivere. Ma se suo padre non fosse stato uno scrittore, lei avrebbe mai voluto diventarlo?
"Certamente. Ho iniziato a scrivere dopo i quaranta anni e l'ho fatto come terapia per non autodistruggermi. Non avevo idea di cosa volessi scrivere ma le parole iniziarono a venir fuori a getto. Pagine e pagine provenienti dal mio cuore. Avevo sempre desiderato scrivere ma ero troppo folle e ubriaco per permettere al mio talento di esprimersi".

dan fante john fante
La copertina

Anche lei nei suoi romanzi utilizza spesso un alter ego letterario (Bruno Dante) come suo padre. Lo fa per omaggiarlo?
"No, non penso che esso sia un tributo a mio padre. Il mio stile letterario e quello di mio padre sono molto simili. La sua genialità e semplicità con le parole mi hanno ispirato, ma la mia scelta di usare un "alter ego" è derivata dalla necessità di esprimermi in modo brillante".
 
Più volte ha detto che scrivere le ha salvato la vita. Adesso che ha superato i momenti più difficili, perché continua a scrivere?
"Scrivere è un dono. Scrivere è una passione. La passione guida un artista. Scoprire ciò che ami fare nella vita e poi farlo è un dono raro".

A giugno uscirà in Italia il suo nuovo libro. Cosa può anticiparci sulla trama?
"Mi piace raccontare la storia di un uomo che può avere una grande carriera ma deve distruggere sia la carriera sia se stesso. E' una storia molto umana e molto reale".

Cosa pensa della nuova letteratura americana? C’è qualche giovane scrittore che le piace?
"Due dei miei nuovi scrittori preferiti sono Tony O'Neil (Down and out on murder mile), e Mark SaFranko. Entrambi scrivono in Inglese. Tony è inglese e Mark è americano. Mark ha scritto undici romanzi ma ne ha pubblicati solo due. Il suo libro Hating Olivia sarà pubblicato in Francia quest'anno. La sua breve fiction è anche brillante".

 

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA