A- A+
Culture
Gli psichiatri italiani chiedono scusa: "Appoggiammo le leggi razziali"

La SIP, la società italiana di psichiatria, fa pubblica ammenda per aver, 79 anni fa, negli anni bui e terrificanti del nazismo e del fascismo, legittimato con il suo presidente di allora, Arturo Donaggio, che ne è stato il primo firmatario, le famigerate Leggi razziali del luglio 1938. E per questa svolta storica, un vero e proprio atto di riscatto, la Spi non poteva scegliere migliore occasione che l’inaugurazione al Vittoriano di Roma della mostra 'Schedati perseguitati sterminati. Malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo' curata e realizzata dalla Società tedesca di psichiatria, che il Netforpp, il Network Europeo per la psichiatria psicodinamica fondato dalla psichiatra Annelore Homberg, ha voluto e portato in Italia.

L’esposizione, visitabile fino al 14 maggio, consta di 50 pannelli con biografie, documenti d'archivio e immagini storiche da cui si evince la feroce disumanità - oltre il brutale e ben noto genocidio degli ebrei - perpetrata contro i malati psichici e i disabili durante il naziolsocialismo: a partire dal 1934, 400 mila tedeschi di entrambi i sessi, affetti da patologie mentali considerate ereditarie e incurabili, furono sterilizzati contro la loro volontà e, tra il 1939 e il 1945, più di 200 mila persone ricoverate in ospedali psichiatrici tedeschi furono invece assassinate perché ritenute un inutile peso per la popolazione tedesca.

Una sezione particolare della mostra, già esposta a Londra, Vienna, Osaka, Citta' del Capo e Toronto, è dedicata a 'Malati, Manicomi e psichiatri in Italia dal ventennio fascista alla seconda guerra mondiale' ed è stata realizzata proprio dalla Sip: negli ultimi anni della guerra furono circa 30 mila le persone che persero la vita negli ospedali psichiatrici italiani sia per l’inedia e l’abbandono che per l’intervento delle SS tedesche che prelevarono i malati. L'atto di oggi è, ha spiegato Mencacci, "assolutamente una svolta storica significativa: pur se dal dopoguerra ad oggi la psichiatria non è stata subalterna al potere, noi dovevamo fare i conti con il passato e quindi la pubblica ammenda per non avere scheletri nell’armadio, ossia la scelta scellerata di adesione alle Leggi razziali di 79 anni fa".

Al tempo stesso la Sip non intende fermarsi a questo atto importante, di riscatto, che segue quanto accaduto e ben evidenziato dalla documentatissima mostra, organizzata con il Netforpp, il Polo museale del Lazio e l’Avi, l’Agenzia per la vita indipendente. "Siamo pronti e disponibili ad ulteriori riflessioni più approfondite, che vadano oltre il fatto documentale e storico, con altre associazioni culturali, come il Netforpp, sulla lunga catena di pensatori, come filosofi e teorici del profondo, di quel terribile periodo in cui fu delegittimata la dignità umana e si produssero divisioni, isolamento, stigma, fino al razzismo e all’antisemitismo. Una riflessione storico-filosofica che si rende opportuna perchè quanto accaduto allora non cada nel dimenticatoio e non abbia mai più a ripetersi", ha aggiunto Mencacci.

Nella lunga catena dei supposti grandi pensatori che animarono, culturalmente, il nazifascismo, il razzismo, l’antisemitismo, ci sono filosofi come Martin Heidegger e teorici del profondo come Carl Gustav Jung e lo stesso Sigmund Freud, le cui teorie sull’essere umano, sulla realtà umana, sono sempre più traballanti e seriamente messe in discussione: allora, alla prossima seconda svolta storica, magari nella direzione della 'psichiatria psicodinamica', che si rifà alla "teoria della nascita" dello psichiatra dell'irripetibile, originale e gratuita Analisi collettiva, Massimo Fagioli, recentemente scomparso, che sin dagli anni Cinquanta aveva smascherato la truffa dei supposti grandi pensatori.

Tags:
spipsichiatrialeggi razzialiautoaccusa spi
in vetrina
Isola dei Famosi 2019: Taylor Mega, Sarah Altobello e... I NAUFRAGHI. Isola dei Famosi 2019 news

Isola dei Famosi 2019: Taylor Mega, Sarah Altobello e... I NAUFRAGHI. Isola dei Famosi 2019 news

i più visti
in evidenza
Nadia Toffa torna coi suoi capelli "Non sono guarita, ma..."

LE IENE, LA BELLA NOTIZIA

Nadia Toffa torna coi suoi capelli
"Non sono guarita, ma..."


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Kia PROCEED shooting brake, l'alternativa alle tradizionali station wagon

Kia PROCEED shooting brake, l'alternativa alle tradizionali station wagon


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.