A- A+
Culture
La Gran Bretagna copia l’Italia: via la Storia dell’Arte dalle scuole
La Royal Academy di Londra

Un paradosso. Il paese che ha dato i natali a storici dell’arte del calibro di Herbert Read, Francis Haskell, Ernst Gombrich, Douglas Cooper, Edward Lucie-Smith, cancella lo studio della Storia dell’Arte dai programmi delle scuole secondarie. Come se lo facesse il paese che ha dato i natali a Giotto, Piero della Francesca, Michelangelo, Raffaello, Leonardo, Caravaggio: cosa del resto parzialmente accaduta da una diecina d’anni. Già, quella Gran Bretagna che a dispetto di ogni previsione pare essere passata più o meno indenne da una rivoluzione come la Brexit, ora si mette a copiare l’Italia in una riforma certamente meno strutturale, ma potenzialmente rovinosa nella formazione delle nuove generazioni. Se l’Italia – prima con la “riforma” Gelmini, poi con la “buona” scuola targata Renzi – aveva eliminato la Storia dell’Arte dai programmi del biennio dei licei (dal ginnasio, per capirci) e da altri indirizzi, ora gli inglesi vogliono cancellarla radicalmente dalle materie per il diploma di maturità, secondo la nuova controversa struttura dell’Ebacc introdotta dall’ex segretario scolastico Michael Gove.

Contro la riforma si è ora alzata forte la protesta di oltre cento artisti, che hanno firmato una lettera aperta sul Guardian invitando il Regno Unito a rivalutare la nuova qualifica dell’Ebacc. Da Anish Kapoor a Phyllida Barlow, Jeremy Deller, Tracy Emin, Wolfgang Tillmans, Rachel Whiteread. I quali sostengono anche che – oltre alle ragioni culturali ed etiche – l’arte e la cultura costituiscono una delle industrie di maggior successo nel Regno Unito, generando oltre 125 miliardi di dollari per l’economia del paese. “Questo pensiero malato sulle politiche e l’atteggiamento nei confronti delle arti è una tragedia. Le persone, giovani e meno giovani, vengono private delle opportunità di scoprire i loro talenti e le loro abilità come artisti e innovatori all’interno delle discipline a tutti i livelli“, ha tuonato la Barlow. “Pensare in modo creativo è ciò che porterà la Gran Bretagna attraverso molte delle sfide dei prossimi dieci o venti anni“, le ha fatto eco Deller.


Fonte:  http://www.artslife.com

Tags:
gran bretagnacopia l’italiavia la storia dell’arte dalle scuole
in vetrina
Harry e Meghan a Nizza col volo privato, ira ambientalisti. MEGHAN MARKLE NEWS

Harry e Meghan a Nizza col volo privato, ira ambientalisti. MEGHAN MARKLE NEWS

i più visti
in evidenza
E' scontro Richard Gere-Salvini ' Baby Trump '. 'Buonista milionario'

Migranti

E' scontro Richard Gere-Salvini
'Baby Trump'. 'Buonista milionario'


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel Combo Cargo, con il sistema Surround Rear Vision addio angolo cieco

Opel Combo Cargo, con il sistema Surround Rear Vision addio angolo cieco


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.