A- A+
Culture
La Madonna col Bambino del Bronzino al grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino
Sylvain Bellenger, direttore del Museo di Capodimonte, Chiara Appendino, sindaco di Torino, e Michele Coppola, responsabile attività artistiche di Intesa Sanpaolo, alla presentazione della mostra dedicata alla Madonna con il Bambino del Bronzino al grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino.

La Madonna con il Bambino del Bronzino al grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino

 

Fino al 7 gennaio 2018 presso il grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino sarà esposta la Madonna con il Bambino, sant’Elisabetta e san Giovannino di Agnolo di Cosimo di Mariano, detto il Bronzino, opera proveniente dal Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli, che ne ha appena completato il restauro. Il dipinto sarà esposto nella sala Spazio Trentacinque dove il capolavoro cinquecentesco potrà essere ammirato in un ambiente di prorompente modernità e circondato dalla natura della serra bioclimatica. L’esposizione vuole essere il regalo che Intesa Sanpaolo offre a quanti vivono, lavorano o si trovano in visita in città in occasione delle festività natalizie. L’ingresso è gratuito previa prenotazione obbligatoria sul sito www.grattacielointesasanpaolo.com/news.

 

La Madonna con il Bambino del Bronzino al grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino. Un’occasione per accedere ai piani alti del grattacielo

 

 

Si rinnova così l’occasione per accedere ai piani alti del grattacielo dove, nell’ambito dell’iniziativa Luci d’Artista sostenuta dalla Banca, all’imbrunire sarà possibile ammirare anche “α-cromactive”, l’installazione realizzata dallo studio Migliore+Servetto Architects appositamente per il grattacielo e composta da due elementi, uno sospeso nella serra bioclimatica e uno collocato nella terrazza al 35esimo piano. Il dipinto del Bronzino, tra i capolavori custoditi a Capodimonte, sarà esposto nello Spazio Trentacinque dal 21 dicembre. Raffigura la Vergine con il Bambino sulle ginocchia nell’atto di giocare con il piccolo San Giovanni, alle spalle del quale si staglia la figura della madre Santa Elisabetta. Il dipinto, di ispirazione biblica, pone a confronto due diverse maternità, quella della Vergine Maria e quella dell’anziana Elisabetta, e simboleggia il passaggio di consegne dal profeta san Giovanni, al Messia, il Bambin Gesù. Un tema sacro reinterpretato dal Bronzino in chiave manierista, con accenti, colori e pose plastiche che ricordano Michelangelo.

 

 

La Madonna con il Bambino del Bronzino al grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino. La rassegna L’Ospite illustre

 

 

L’esposizione rientra nell’ambito della rassegna L’Ospite illustre, iniziativa che mira ad offrire ai visitatori presso le sedi di Intesa Sanpaolo - le Gallerie d’Italia o il grattacielo - la possibilità di conoscere un’opera di rilievo in prestito temporaneo da prestigiosi musei italiani e stranieri. Dopo il successo dell’esposizione, la scorsa primavera, del Ritratto del conte Antonio di Porcia di Tiziano, quest’anno al grattacielo si replica con la Madonna con il Bambino di Bronzino. Agnolo di Cosimo (Monticelli di Firenze 1503 - Firenze 1572), detto il Bronzino, forse per il colore dei suoi capelli, fu allievo di Pontormo, da cui presto si differenziò con uno stile personale, frutto della sintesi fra naturalismo ed astrazione. Lasciò Firenze solo per brevissimi periodi e svolse gran parte della sua attività al servizio dei Medici. Celebri i suoi ritratti dei membri della famiglia ducale e la decorazione della cappella della duchessa Eleonora de Toledo a Palazzo Vecchio. Nelle migliori opere sacre - ed è il caso del dipinto di Capodimonte - egli riesce ad aggiungere note di tenera umanità alla consueta preziosità delle forme e dei colori. Bronzino fu anche poeta versatile e membro dell’Accademia della Crusca.

 

La Madonna con il Bambino del Bronzino al grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino. La storia dell’attribuzione del dipinto

 

 

Interessante la storia dell’attribuzione del dipinto. In un inventario dei primi del sec. XIX fu attribuito ad Andrea del Sarto. A partire dal 1827 altri inventari e le guide del Real Museo di Napoli avanzano l’ipotesi dell’attribuzione al Bronzino. Solo pochi decenni fa studi più approfonditi hanno permesso di individuarne la sicura paternità, collocando l’opera nel periodo della produzione tarda del Bronzino, a cavallo del 1560. Giunto a Napoli assieme ad altri quadri in seguito al sequestro effettuato dal commissario borbonico Venuti presso il deposito rivoluzionario di San Luigi dei Francesi a Roma (prima del 1799), dal 1929 al 1994 il quadro è stato esposto a Roma presso Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

 

La Madonna con il Bambino del Bronzino al grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino. Le parole di  Michele Coppola, Direttore Centrale Arte, Cultura e Beni Storici

 

 


«L’Ospite illustre è chiaro segno del nostro modo di fare cultura. È frutto del lavoro in sinergia con musei e istituzioni culturali di tutto il mondo per poter ammirare grandi capolavori in nuove sedi e valorizzare l’arte e l’identità italiana. Il grattacielo in soli due anni è diventato un luogo di riferimento per la vita di tutta la città e ha saputo aprirsi ai dipendenti, agli ospiti e ai torinesi con una serie di iniziative non solo culturali che lo rendono per noi un motivo di orgoglio», commenta Michele Coppola, Direttore Centrale Arte, Cultura e Beni Storici.

 

 

La Madonna con il Bambino del Bronzino al grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino. Le parole di  Sylvain Bellenger, direttore del Mueo di Capodimonte

 

 

«Il Museo e Real Bosco di Capodimonte crede in una mirata politica di prestiti per valorizzare la nostra prestigiosacollezione, tra le diecipiùimportantid’Europa. Purtroppo il suo inestimabile valore è misconosciuto anche nella stessa Italia – afferma il direttore Sylvain Bellenger – ed è per questo che sono favorevole alla circolazione delle nostre opere, preziose ambasciatrici della nostra bellezza, nei più importanti musei e istituzioni culturali al mondo con cui collaboriamo. Ringrazio, perciò, Intesa Sanpaolo con le sue Gallerie d’Italia per il ruolo fondamentale nella cura e la valorizzazione del patrimonio artistico italiano».


INFORMAZIONI UTILI
Spazio Trentacinque, serra bioclimatica del grattacielo Intesa Sanpaolo Corso Inghilterra 3, Torino
21 dicembre 2017 – 7 gennaio 2018
Orario
15.00-20.00 nei giorni feriali e il 1° gennaio (ultimo ingresso ore 19.30) 9.30-20.00 sabato e nei giorni festivi (ultimo ingresso ore 19.30)
9.30-18.00 nei giorni 24 e 31 dicembre (ultimo ingresso ore 17.30) L’esposizione resterà chiusa il 25 dicembre
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su www.grattacielointesasanpaolo.com

Tags:
madonna col bambino del bronzinograttacielo intesa sanpaolo di torinomadonna col bambino del bronzino grattacielo intesa sanpaolo di torinomichele coppola intesa sanpaolosylvain bellenger museo di capodimonte

in vetrina
Kate Middleto radiosa: ecco le foto ufficiali del battesimo del principe Louis

Kate Middleto radiosa: ecco le foto ufficiali del battesimo del principe Louis

i più visti
in evidenza
Mondiali 1998, la vittoria di Ysl L'incredibile evento allo Stade de France

Costume

Mondiali 1998, la vittoria di Ysl
L'incredibile evento allo Stade de France

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Jeep Wrangler: il ritorno di un mito

Nuova Jeep Wrangler: il ritorno di un mito

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.