A- A+
Culture
La strage della Scuola di Gorla diventa un cortometraggio

Da libro a film. L'ultimo tema in classe”, ( Edizione Montabone ) la storia romanzata del bombardamento da parte delle forze alleate, nell'ottobre del 1944, della scuola elementare Francesco Crispi di Gorla, scritta da Mario Emari, sta per diventare un cortometraggio, o, come dicono gli addetti ai lavori, uno short.

Per comprendere la logica dell'operazione occorre fare un passo indietro, quando il libro venne presentato a Milano, all'ultima edizione del Book City, dal 16 al 19 novembre scorso. Obiettivo dell'opera, oltre a ricostruire una tragedia poco nota era anche quello di sensibilizzare i giovani sugli orrori della guerra.  Il libro, infatti, viene illustrato agli studenti di vari istituti, a memoria degli orrori dei conflitti. Perchè, come recita l'incipit: “Martiri di Gorla : La guerra piace a chi non la conosce” (Erasmo da Rotterdam ).

Quella dell'autore è una testimonianza diretta.  Mario Emari, all’epoca abitava a poca distanza dalla Francesco Crispi, la scuola bombardata, nella estrema periferia di viale Monza, alle porte di Milano. Mentre, in appendice, il libro riporta il racconto di Marco Pederielli, presente in classe la mattina del bombardamento, scampato all’eccidio (dove persero la vita 184 bambini e 20 adulti)  e tuttora vivente. Le  Edizioni , stampate da Digicopy Milano, si avvalgono delle illustrazioni di Elena Manazza e dei versi della poetessa Caterina Rovatti.
Ora, sempre con l'obiettivo di una campagna di civiltà, è partita l'operazione per tradurre il libro in uno short, diviso in tre episodi dalla durata complessiva di otto minuti. Le fasi del progetto prevedono di creare una bozza per ogni scena del cortometraggio, decidendo in anticipo come effettuare ogni inquadratura. La bozza è prevista per fine giugno, mentre la delivery avverrà a fine settembre.

Interessante è il piano di finanziamento, che avverrà tramite la piattaforma di crowdfunding pioniera, Ulule. Questa permette a progetti creativi, innovativi e dedicati al pubblico di testare la loro idea e di ingrandire e rinforzare la loro community. In 6 anni, Ulule è diventata la prima piattaforma europea di crowdfunding, con oltre 20.000 progetti finanziati, più di 1,8 milione di membri iscritti nel mondo e un tasso di successo quasi del 70 %  Queste cifre sono il risultato di un lavoro di coaching personalizzato offerto ad ogni progetto, prima, durante e dopo la propria campagna.

Tags:
strage scuola di gorlal'ultimo tema in classeedizione montabonemario emari

in vetrina
Inter-Milan, ecco come Icardi ha beffato Donnarumma. L'analisi dell'errore di Gigio

Inter-Milan, ecco come Icardi ha beffato Donnarumma. L'analisi dell'errore di Gigio

i più visti
in evidenza
Portachiavi chic a forma di pino Arbre Magique contro Balenciaga

Costume

Portachiavi chic a forma di pino
Arbre Magique contro Balenciaga

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone di Padova Citroen festeggia i 50 anni di Mehari

Al Salone di Padova Citroen festeggia i 50 anni di Mehari

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.