Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Legge cinema, in arrivo il piano attuativo

Lo annuncia il ministro Dario Franceschini

Legge cinema, in arrivo il piano attuativo

“Entro l’inizio dell’estate penso avremo già emanato il piano attuativo della legge cinema e nei mesi successivi avremo tempo per eventuali correzioni”. A dirlo il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, intervenendo al convegno ‘Dove va il cinema italiano?’ organizzato a Roma dall’Anica. Franceschini si è soffermato sui tempi dei decreti attuativi della legge, spiegando: “Entro fine giugno ne avremo emanati 14. Su sei aspettiamo la bozza di testo definitivo ascoltando, come abbiamo scelto di fare in tutto questo lavoro, i pareri delle associazioni di settore”.

“C’è un problema tutto italiano, facciamo tanti tanti film, più degli altri Paesi europei e molti non vanno bene”, ha spiegato. “L’equilibrio indispensabile, ma non semplice, che cerchiamo con la nuova legge è sostenere sia l’industria cinematografica che il cinema difficile, giovane, di ricerca, cui si rivolgono proprio i i decreti”. Ci sono inoltre “incentivi sia per la distribuzione che per gli esercenti che fanno uscire prodotto d’estate”, per aiutare a superare “la mancanza di pubblico nei mesi estivi”.

“Noi vogliamo che la legge sul Cinema sia attuata nel modo più semplice e veloce possibile e che non abbia trasformazioni rispetto al suo impianto. Mi pare che il ministro Franceschini sia ben sintonizzato su questo”, ha commentato Francesco Rutelli, presidente dell’Anica. Probabilmente, ha aggiunto ancora, riprendendo uno dei temi affrontati dal ministro, “in Italia fanno troppi film ma noi siamo anche per la massima ricchezza espressiva. Perché ci sono dei film piccoli di dimensione che possono essere decisivi sul piano dell’innovazione”.

Nel corso del suo intervento Franceschini ha anche parlato del futuro di Cinecittà. “C’è una buona notizia: dal cda sono state avviate ieri le procedure per farla rientrare completamente nella sfera pubblica, anche grazie alla norma approvata in Parlamento che punta a farla diventare una cittadella del cinema e dell’audiovisivo, coinvolgendo anche la Rai”. “Ora che le procedure sono avviate – ha aggiunto – mi auguro si proceda velocemente e in modo trasparente”. “E’ un passo importante”, ha detto quindi Rutelli. “Ora servirà un piano industriale e una strategia. Negli ultimi anni, invece, ha prevalso troppo il piano urbanistico, l’idea solo di costruire”.

Il ritorno di Cinecittà nella sfera pubblica e la sua trasformazione in una cittadella del cinema e dell’audiovisivo con un coinvolgimento della Rai, come ipotizzato dal ministro Franceschini “è un’idea che personalmente vedo bene, è importante, perché è un’operazione con un nome e un cognome, sistema Paese”, ha commentato all’ANSA del consigliere Rai Franco Siddi. “Occorrerà però intendersi nel concreto sul tipo di coinvolgimento. Uno di tipo culturale e produttivo penso la Rai possa darlo da subito, mentre un impegno di tipo finanziario richiederà approfondimenti. Bisognerà sentire la linea di impostazione programmatica del nuovo direttore generale e capire qual’è il quadro delle risorse effettive di cui dispone la Rai”. Oggi ” tutti chiedono al servizio pubblico di più ma tutti hanno previsto meno risorse. E’ chiaro che bisognerà trovare un nuovo equilibrio”. La Rai andrebbe “liberata da alcuni vincoli come la mannaia Istat. È vero che quest’anno il servizio pubblico è stato esonerato dall’obbligo di essere considerato una pubblica amministrazione che deve rendicontare le proprie spese come qualsiasi Asl o istituto scolastico. Ma ne andrebbe liberata definitivamente al più presto perché così si liberano risorse”.

da http://www.primaonline.it/


In Vetrina

Sesso in pubblico ai Fori Imperiali. Roma hot e choc. FOTO E VIDEO DEL SESSO

In evidenza

Fiorello-vs Morandi show Botta e risposta sui social
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Peugeot ritorna nel mercato dei Pick Up

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.