Smeriglio, lo scrittore esordiente di Vendola racconta la Roma violenta

ANTEPRIMA/ Massimiliano Smeriglio è un esordiente particolare. E' infatti assessore alla Formazione e al Lavoro della Provincia di Roma e membro di Sinistra e Libertà, il gruppo di Vendola. Voland sta per mandare in libreria il romanzo "Garbatella combat zone". Protagonista del romanzo è Valerio, trentenne precario che si porta dentro inquietudini capaci di trasformarlo in un lupo solitario attratto dal profumo del sangue. Affaritaliani.it ha intervistato Smeriglio: "La violenza è un rumore di fondo, costantemente presente nel libro come pure nella Roma reale. Autisti impazziti, branchi di adolescenti razzisti e omofobi. Il rancore diffuso è la cifra del nostro tempo...". E aggiunge: "Il modello Vendola è vincente e può essere esportabile. Nichi può essere l’Obama italiano. E' incuriosito dal mio libro, mi ha paragonato a Carofiglio...". L'INTERVISTA

Mercoledì, 1 settembre 2010 - 14:50:00

Voland

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, e-book, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

voland smeriglio

nei prossimi giorni manda in libreria "Garbatella combat zone" dell'esordiente Massimiliano Smeriglio.
LA TRAMA - Valerio, trentenne precario, si porta dentro filamenti di memorie acide, inquietudini capaci di trasformarlo in un lupo solitario attratto dal profumo del sangue. Le storie della sua famiglia e quelle del quartiere si intrecciano con le velenose lusinghe del Garbatella combat zone, con violenze e rapine, ferite e tradimenti. Il sogno di un Messico idealizzato e poi perduto tra le nebbie del narcotraffico torna a essere una meta, un approdo dove ricominciare prima che sia troppo tardi. Una fuga rocambolesca, un viaggio senza ritorno. Ma il passato non si può cancellare tanto facilmente, e soprattutto nulla è mai come appare.

L’AUTORE - Massimiliano Smeriglio vive e lavora a Roma. Ha pubblicato saggi e articoli sulla politica, il sociale, la città e la cittadinanza, fra cui Se Henry Ford avesse risposto al telefono (Magma edizioni, 1999), Città comune, autogoverno e partecipazione nell'era globale (Deriveapprodi edizioni, 2006), Walter ego. Gli anni del principato romano (Liberazione edizioni, 2007). Collabora con la rivista Loop – culture linguaggi e conflitti dentro l’apocalisse.

L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT A SMERIGLIO

di Antonio Prudenzano

smeriglio voland
Smeriglio

Com'è nata l'ispirazione per scrivere "Garbatella combat zone"?
"Riflettendo su ciò che manca, sui vuoti a perdere, sugli interstizi neri e disperati della città e dei suoi quartieri. E’ una storia di luoghi in via di disfacimento e di una generazione senza futuro. L’ispirazione viene dunque dalla constatazione di come muta, in peggio, il paesaggio urbano soprattutto nelle grandi aree metropolitane". 

C'è tanta violenza nella Roma che racconta. E' così anche nella realtà?
"In realtà la violenza è un rumore di fondo, costantemente presente nel libro come nella città. E se devo essere sincero, a volte la realtà è peggio di quella che viene raccontata nel libro.  Autisti impazziti, branchi di adolescenti razzisti e omofobi. Il rancore diffuso è la cifra del nostro tempo: un 'tutti contro tutti' che mina la basi della convivenza civile. Nativi contro migranti, nord contro sud, vecchi contro giovani, imprenditori contro lavoratori, lavoratori dipendenti contro lavoratori a nero, uomini che odiano e uccidono le donne, uomini e donne contro i gay. E tutti  contro i Rom. Siamo immersi in una guerra civile molecolare a cui abbiamo fatto l’abitudine. Neanche ce ne accorgiamo. La violenza del protagonista al confronto è una melodia lieve".

Quali sono gli scrittori di oggi e di ieri a cui si ispira?
"Don Winslow, 'Il potere del cane' è un libro formidabile. Jean Claude Izzo, il suo modo di descrivere il quartiere popolare di Marsiglia in cui è nato e vissuto, il Panier, è commovente. Da quel luogo periferico parla una lingua globale".

Lei è assessore alla Formazione e al Lavoro della Provincia di Roma e membro di Sinistra e Libertà, il gruppo di Vendola. Pensa che il "modello Vendola", vincente in Puglia, sia esportabile a livello nazionale in vista delle prossime elezioni?
"Il centro sinistra appare come il pugile suonato di Gassman nei 'Soliti ignoti'. Non è normale che mentre il Paese va alla malora accompagnato dalla cavalcata trionfale dell’avanspettacolo di Gheddafi ci si accapigli per una legge elettorale che non è all’ordine del giorno né in Parlamento né nel Paese. Il modello Vendola è un modello vincente, di governo radicale del territorio. Non solo è esportabile, è l’unica speranza che io vedo. Nichi può essere l’Obama italiano".

A proposito, Vendola ha già letto o leggerà il suo romanzo?
"Ne ho parlato con lui a luglio, lo inizierà a giorni, appena terminato di scrivere il suo prossimo libro. E’ incuriosito, mi ha chiesto se somiglia alle cose di Carofiglio, gli ho risposto che non lo so e che comunque il mondo non finisce in Puglia! Un invito indiretto a scendere in campo per dare una speranza al Paese".


 

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA