A- A+
Culture
Massimo Troisi, dopo 25 anni dalla morte il ricordo della sua comicità

Massimo Troisi: la sua morte lasciò un vuoto incolmabile nel cinema italiano

Con il suo stile inconfondibile, esaltato da una capacità espressiva unica e dal suo napoletano “masticato”, Massimo Troisi è considerato ancora oggi uno dei maggiori e più talentuosi interpreti del cinema e del teatro italiano.

Sono passati 25 anni dalla sua morte, ma nessuno ha dimenticato la sua comicità mai banale e la sua risata. Troisi ha lasciato un segno indelebile nella storia del cinema, i suoi capolavori sono studiati ancora oggi ed apprezzati in tutto il mondo.

Massimo Trosi, il giorno prima della morte terminò le riprese del celebre film “Il Postino”

Era il 4 giugno del 1994 quando Massimo Troisi si spense a causa di uno scompenso cardiaco alla valvola mitralica, provocato da continue febbri reumatiche. Solo 12 ore prima aveva terminato di girare uno dei film più apprezzati: "Il Postino", con il quale ottenne ben 5 candidature agli Oscar come miglior film, miglior attore protagonista, miglior colonna sonora drammatica, miglior sceneggiatura non originale.

Nato a San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, Troisi ha sempre combattuto contro i luoghi comuni riguardanti la sua città. Attraverso la sua comicità e la sua ironia tagliente, l’attore cercava di far riflettere, presentando una nuova figura di antieroe napoletano.

Massimo Troisi: i suoi più grandi successi

Attore, regista e sceneggiatore, Troisi è stato l’autore di opere cinematografiche indimenticabili. Divenuto famoso inizialmente con il trio La Smorfia, con Lello Arena ed Enzo Decaro, Troisi iniziò una carriera che fu sempre in ascesa.

Tra i suoi più grandi capolavori vi sono “Non ci resta che piangere”, “Ricomincio da tre”, “Il Postino”, “Pensavo fosse amore…invece era un calesse”.

Troisi: dal cinema al teatro, alle poesie. Le sue battute sono passate alla storia.

Definito il “Pulcinella della maschera” o “Il comico dei sentimenti”, Troisi si è sempre presentato come un artista completo. Oltre a curare la regia e la sceneggiatura dei film in cui interpretava ruoli da protagonista, scrisse anche alcune poesie. Memorabile è “O ssaje comme fa ‘o core”, una poesia messa in musica da Pino Daniele, suo grande amico.

Sono indimenticabili i dialoghi del regista napoletano, che hanno reso unici ed esilaranti i suoi lavori.

Tutti ricordano le battute che scambiava con Lello Arena in “Scusate il ritardo”, in cui interpretava Vincenzo. Quando Lello Arena, nel ruolo gli Tonino, gli chiede se è meglio un giorno da leone o 100 giorni da pecora, lui risponde: "Tonì, he ne saccio io d' 'a pècura o d' 'o lione? Fa' cinquanta juórne da orsacchiotto".

Celebre è anche il dialogo in “Non ci resta che piangere”, capolavoro interpretato e diretto da Roberto Benigni, in cui un frate ripete a Troisi. “Ricordati che devi morire” e lui risponde: "Sì sì no... mo me lo segno, non vi preoccupate" facendo con la mano il gesto di una persona che segna un appuntamento.

Commenti
    Tags:
    troisimassimo troisitroisi frasitroisi mortetroisi vita privatatroisi il postinomassimo troisi citazionimassimo troisi il postinomassimo troisi e pino danielemassimo troisi malattia
    in evidenza
    Ashley Graham nuda al 100% 'Orgoglio di mamma'. Foto-Video

    Le foto delle Vip

    Ashley Graham nuda al 100%
    'Orgoglio di mamma'. Foto-Video

    in vetrina
    Giarrusso: "Se Renzi vuole imitare Salvini è un grande problema"

    Giarrusso: "Se Renzi vuole imitare Salvini è un grande problema"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Transit Nugget entra nel mondo dei veicoli Ford connessi

    Transit Nugget entra nel mondo dei veicoli Ford connessi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.