A- A+
Culture
Massimo Troisi, dopo 25 anni dalla morte il ricordo della sua comicità

Massimo Troisi: la sua morte lasciò un vuoto incolmabile nel cinema italiano

Con il suo stile inconfondibile, esaltato da una capacità espressiva unica e dal suo napoletano “masticato”, Massimo Troisi è considerato ancora oggi uno dei maggiori e più talentuosi interpreti del cinema e del teatro italiano.

Sono passati 25 anni dalla sua morte, ma nessuno ha dimenticato la sua comicità mai banale e la sua risata. Troisi ha lasciato un segno indelebile nella storia del cinema, i suoi capolavori sono studiati ancora oggi ed apprezzati in tutto il mondo.

Massimo Trosi, il giorno prima della morte terminò le riprese del celebre film “Il Postino”

Era il 4 giugno del 1994 quando Massimo Troisi si spense a causa di uno scompenso cardiaco alla valvola mitralica, provocato da continue febbri reumatiche. Solo 12 ore prima aveva terminato di girare uno dei film più apprezzati: "Il Postino", con il quale ottenne ben 5 candidature agli Oscar come miglior film, miglior attore protagonista, miglior colonna sonora drammatica, miglior sceneggiatura non originale.

Nato a San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, Troisi ha sempre combattuto contro i luoghi comuni riguardanti la sua città. Attraverso la sua comicità e la sua ironia tagliente, l’attore cercava di far riflettere, presentando una nuova figura di antieroe napoletano.

Massimo Troisi: i suoi più grandi successi

Attore, regista e sceneggiatore, Troisi è stato l’autore di opere cinematografiche indimenticabili. Divenuto famoso inizialmente con il trio La Smorfia, con Lello Arena ed Enzo Decaro, Troisi iniziò una carriera che fu sempre in ascesa.

Tra i suoi più grandi capolavori vi sono “Non ci resta che piangere”, “Ricomincio da tre”, “Il Postino”, “Pensavo fosse amore…invece era un calesse”.

Troisi: dal cinema al teatro, alle poesie. Le sue battute sono passate alla storia.

Definito il “Pulcinella della maschera” o “Il comico dei sentimenti”, Troisi si è sempre presentato come un artista completo. Oltre a curare la regia e la sceneggiatura dei film in cui interpretava ruoli da protagonista, scrisse anche alcune poesie. Memorabile è “O ssaje comme fa ‘o core”, una poesia messa in musica da Pino Daniele, suo grande amico.

Sono indimenticabili i dialoghi del regista napoletano, che hanno reso unici ed esilaranti i suoi lavori.

Tutti ricordano le battute che scambiava con Lello Arena in “Scusate il ritardo”, in cui interpretava Vincenzo. Quando Lello Arena, nel ruolo gli Tonino, gli chiede se è meglio un giorno da leone o 100 giorni da pecora, lui risponde: "Tonì, he ne saccio io d' 'a pècura o d' 'o lione? Fa' cinquanta juórne da orsacchiotto".

Celebre è anche il dialogo in “Non ci resta che piangere”, capolavoro interpretato e diretto da Roberto Benigni, in cui un frate ripete a Troisi. “Ricordati che devi morire” e lui risponde: "Sì sì no... mo me lo segno, non vi preoccupate" facendo con la mano il gesto di una persona che segna un appuntamento.

Commenti
    Tags:
    troisimassimo troisitroisi frasitroisi mortetroisi vita privatatroisi il postinomassimo troisi citazionimassimo troisi il postinomassimo troisi e pino danielemassimo troisi malattia
    in evidenza
    Amori, tradimenti e colpi di scena Che coppie bollenti sull'Isola

    Temptation Island al via

    Amori, tradimenti e colpi di scena
    Che coppie bollenti sull'Isola

    i più visti
    in vetrina
    GIULIA DE LELLIS E IANNONE: IL PRIMO BACIO! Iannone-De Lellis, i gossip sulla coppia dell'estate

    GIULIA DE LELLIS E IANNONE: IL PRIMO BACIO! Iannone-De Lellis, i gossip sulla coppia dell'estate


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen: 100 anni di storia ed esperienza

    Citroen: 100 anni di storia ed esperienza


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.