A- A+
Culture
Matera capitale della cultura 2019. Si inizia il 19 gennaio. Il programma

Inizia l'anno di Matera capitale europea della cultura insieme a Plovdiv (Bulgaria). E' la quarta città italiana a fregiarsi di questo prestigioso riconoscimento dopo Bologna, Genova e Firenze, per la prima volta una 'capitale' del Sud. La vicenda di Matera assurge così a simbolo di riscatto e di rinascita.

La città dei Sassi è stata proclamata capitale europea della cultura nel 2014, grazie al dossier ''Open Future'' che è imperniato sul connubio tra innovazione e storia millenaria. Un esempio di questo connubio è la valorizzazione degli archivi storici che avranno nuova vita sia con una mostra sia con il programma Istituto Demo Etno-Antropologico. L'altro pilastro, oltre I-Dea, è la Open Design School, già attiva. La Fondazione Matera-Basilicata2019 ha già ricevuto il simbolico testimone da La Valletta (Malta), capitale nell'anno appena trascorso.

Il Capodanno in piazza è stata la prova generale per i grandi eventi. Quest'anno sono previste 50 produzioni e co-produzioni culturali, cinque grandi mostre, con una programmazione costante per 48 settimane. Ogni mese quattro mostre in contemporanea; ogni settimana almeno due eventi. Si comincia con l'inaugurazione europea del 19 gennaio, giorno in cui si inaugura anche la Cava del Sole, il palcoscenico ufficiale degli eventi targati Matera2019.

Per l'evento inaugurale a Matera, ed in 27 Comuni lucani, si esibiscono 54 bande di cui metà provenienti da altri Paesi europei. Prevista la presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella. Il 20 gennaio si inaugurano le prime tre mostre, tra cui una dedicata a 'Materia e Pietra', vale a dire Matera e la città giordana Petra, in collaborazione proprio con le autorità della Giordania. Alla Cava del Sole sono in calendario numerosi eventi culturali ed artistici e ben sei spettacoli originali di circo contemporaneo.

Per i cittadini di Matera e per i 'cittadini temporanei' (visitatori, turisti, ospiti) è prevista la formula del passaporto di Matera2019, un 'pass' di 19 euro per assistere agli spettacoli (12 euro per i lucani; 5 per i giovani). L'investimento pubblico complessivo è di 48 milioni di euro per sette anni di lavoro in tutto, che coprono il periodo dalla presentazione del dossier di candidatura al 2021.

Sono state instaurate varie collaborazioni che costituiscono anche la 'legacy' (eredità) per andare oltre il 2019. Una di queste è con il Comune di Ravenna per delle produzioni su Dante Alighieri (nel 2021 ricorre il 700° anniversario della morte). Un'altra collaborazione è stata creata con il Teatro lirico San Carlo di Napoli per la messa in scena della 'Cavalleria rusticana' che vedrà protagonisti i cittadini di Matera nel creare costumi e scenografie.

Commenti
    Tags:
    matera capitale cultura 2019matera capitale cultura programma
    in evidenza
    Isola dei Famosi nel 'pallone' Ecco le figlie di Mihajlovic. E poi..

    Cast, le news

    Isola dei Famosi nel 'pallone'
    Ecco le figlie di Mihajlovic. E poi..

    i più visti
    in vetrina
    Cannabis, anche uno spinello modifica il cervello di un adolescente

    Cannabis, anche uno spinello modifica il cervello di un adolescente


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mazda aggiorna il SUV CX-5

    Mazda aggiorna il SUV CX-5


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.