A- A+
Culture
Max Papeschi porta il leader Kim a Milano. Arte per la libertà in Corea
Max Papeschi presenta "Welcome to North Korea" con la partecipazione di Amnesty International Italia

Kim Jong Un, Segretario del Partito del Lavoro di Corea, Presidente della Commissione di Difesa Nazionale, Presidente della Commissione militare centrale e Comandante Supremo dell'Armata Popolare Coreana è lieto di annunciare la nascita della collaborazione con l’artista Max Papeschi che è stato investito dell’importante carica di Ambasciatore del Ministero della propaganda socio-culturale della Repubblica Popolare Democratica di Corea”.

Risuonano così le parole del comunicato stampa che annuncia il nuovo progetto dell’artista italiano Max Papeschi (Milano, 1970): Welcome to North Korea è il (vero) lavoro d’artista, di cui lo stesso (falso) comunicato stampa è parte integrante.

Realizzata con la partecipazione della ONG per i diritti umani Amnesty International Italia, Welcome to North Korea è un progetto composito di arte pubblica che attraverso l’utilizzo di diversi media riunisce installazioni mobili, performance, video, scultura, fotografia e pittura.

Già da qualche settimana i cartelloni che annunciavano l'arrivo del leader Kim a Milano stavano incuriosendo i milanesi. Ieri il progetto è stato presentato per la prima voltain piazza Piemonte alla presenza dell’artista e con la partecipazione di Amnesty International Italia - Circoscrizione Lombardia. Successivamente Welcome to North Korea affronterà un vero e proprio tour artistico che toccherà diverse città italiane e straniere (Como, Sestri Levante, Desenzano del Garda, Torino, Favara e Palermo in Italia, Parigi e San Francisco all’estero). Ogni allestimento proporrà inserzioni inedite e spettacolari, per coinvolgere il pubblico in una esperienza immersiva unica.

Con Welcome to North Korea, Max Papeschi costruisce il racconto degli orrori di una dittatura contemporanea tramite l’ossimoro visivo. I campi di detenzione divengono parco giochi a tema e il passante/spettatore viene proiettato in una dimensione parallela, dove la mostruosità del regime di Pyongyang è camuffata dalla grottesca propaganda di regime.

La dimensione ludica si scontra con l’atrocità dei fatti narrati, creando un enorme cortocircuito semiotico in grado di attirare e possibilmente sensibilizzare l’attenzione del pubblico e dei media senza cadere nel didascalico.

La presentazione di Welcome to North Korea a Milano ha visto l’installazione di un “parco giochi nordcoreano” in piazza Piemonte e la rappresentazione di una performance ispirata all’opera di Vanessa Beecroft. In piazza è stato allestito un gonfiabile alto 4 metri ispirato ai campi di concentramento nordcoreani, accompagnato da una mascotte SpongeBombe a forma di missile - riferimento al millantato programma nucleare nordcoreano – e da un sagomato con il viso del dittatore Kim Jong Un, sempre disponibile a una foto con i suoi ammiratori.

L’allestimento del parco giochi a tema Nord Corea è inoltre accompagnato dalla mostra The Leader is Present, nella quale verranno esposte rielaborazioni parodistiche delle più importanti opere d'arte contemporanea di questo secolo, da Andy Warhol a Damien Hirst fino a Marina Abramovic: tema unico per tutti i lavori è ovviamente il Leader Nordcoreano, posto al centro della scena come se tutti gli artisti (perfino quelli non più in vita) avessero deciso all'unisono di rendergli omaggio attraverso la loro arte.

#wecanbeleadersjustforoneday

#welcometonorthkorea

#enjoynorthkorea

#followtheleader

#kim

L’esposizione The Leader is Present e lo Store saranno inaugurati martedì 26 aprile alle ore 18.30, con un vernissage su invito presso la Silbernagl Undergallery in Alzaia Naviglio Grande 4, e resteranno aperti al pubblico sino al 22 maggio 2016.

All’interno della mostra saranno presentati anche giochi da tavolo reinterpretati in una versione dittatoriale (Indovina chi? diventa Indovina Kim?, dove il personaggio da indovinare è solo uno), oltre a video d’arte, proiezioni di filmati d'animazione - tra cui le versioni nordcoreane di South Park e dei Teletubbies, in cui i personaggi con il viso del dittatore Kim Jong Un tessono le lodi del regime o cantano l’inno nazionale attraverso l'obsoleta tecnica sincro-vox – e videogiochi classici degli anni ‘80 realmente fruibili dai visitatori e presentati in un'edizione speciale, dove per il giocatore non c’è alcuna possibilità di successo: Kim vince sempre.

Nello Store sarà inoltre possibile acquistare gadget del finto brand Made in North Korea, tra cui magliette e pupazzetti, grazie alla partnership con l’azienda Kahuna Project. Parte del ricavato della vendita dei prodotti realizzati da Kahuna Project verrà devoluto ad Amnesty International Italia.

Il progetto è accompagnato da un sito web, www.welcometonorthkorea.org, dove – tra l’altro - gli amanti dei videogiochi potranno sfidare il Leader Nordcoreano a Kim Pong. Welcome to North Korea è anche su Facebook, Instagram e Twitter: sulle pagine social dedicate vengono pubblicati video e anticipazioni.

Welcome to North Korea è stato finanziato grazie a un’asta tenutasi nell’ottobre 2015 e organizzata in collaborazione con la casa d’aste Basezero, la galleria di Matteo Donini The Don Gallery, Kahuna Project e altri partners.

Il progetto è stato realizzato con il sostegno di The Mad Box (TMB), azienda italiana focalizzata sui mercati digital signage, digital out of home, retail media e web platform. www.themadbox.com.

L'AUTORE - Max Papeschi, classe 1970, approda nel mondo dell’arte contemporanea alla fine del 2008, dopo un’esperienza da autore e regista in ambito teatrale, televisivo e cinematografico. Il clamore mediatico sollevato da una sua opera gigante affissa sulla facciata di un palazzo nel centro di Poznan in Polonia lo proietta sulla scena internazionale, rendendolo in pochissimo tempo uno dei giovani artisti italiani più apprezzati e conosciuti all’estero. In soli 6 anni di attività ha realizzato più di un centinaio di mostre in giro per tutto il mondo. Nel 2014 è uscita in Italia la sua autobiografia “Vendere Svastiche e Vivere Felici” edita da Sperling & Kupfer (Gruppo Mondadori).

Tags:
max papeschi welcome to north koreaamnesty welcome to north koreaamnesty corea del nord
in vetrina
Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

i più visti
in evidenza
Per la Juve ottavo scudetto di fila Così entra nell'Olimpo europeo

Sport

Per la Juve ottavo scudetto di fila
Così entra nell'Olimpo europeo


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator

Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.