Michele Mari ad Affaritaliani.it: "I critici letterari sono diventati pigri"

IL PERSONAGGIO/ Uno degli autori italiani più raffinati, Michele Mari, dedica il suo nuovo libro, "Rosso Floyd" (Einaudi) ai Pink Floyd. Lo scrittore ha spiegato il perché della sua scelta ad Affaritaliani.it: "Ho cominciato ad ascoltare tardi i loro dischi. La morte di Syd 'Diamante pazzo' Barrett mi ha talmente colpito da spingermi a iniziare a scrivere questo romanzo dalla struttura a spirale, dove è come se Barrett, che non compare mai, fosse sempre oggetto e mai soggetto, una specie di buco nero che risucchia tutto quello che ruota intorno a lui". Poi parla della moda degli esordienti: "Mi pare effimera e costruita". E sulla critica: "Trovo che spesso nei piccoli giornali scriva gente dal talento critico molto più sviluppato rispetto a quella che scrive nei grandi quotidiani. Mi delude una certa pigrizia della maggior parte dei 'grandi' critici: le loro recensioni sono sempre più descrittive...". L'INTERVISTA

Lunedì, 17 maggio 2010 - 10:00:00

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, e-book, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

michele mari einaudi rosso floyd
LA COPERTINA
Michele Mari trasforma i Pink Floyd e le contraddizioni interne al gruppo rock che più in là ha spostato i confini della musica popolare, in una metaforica (e traumatica)rappresentazione della creatività artistica. "Rosso Floyd", in uscita per Einaudi, non è (solo) un romanzo sperimentale sui Pink Floyd, ma è (anche) un viaggio universale all'inizio (fino al termine) del processo creativo. Mettendo insieme decine e decine di testimonianze romanzate, uno dei più colti e raffinati scrittori italiani contemporanei ci porta a scoprire cosa si nasconde dietro alla musica allucinata, tormentata, rivoluzionaria, senza fine, della (ex) band formata dal "dittatore" Roger Waters (voce e basso), David Gilmour (chitarra), Richard Wright (tastiere), Nick Mason (batteria e percussioni) e dal fantasma-fardello del cantante e cofondatore Syd "Diamante pazzo" Barrett, scomparso nel 2006 nel folle silenzio nel quale si era autoesiliato.

michele mari einaudi rosso floyd
Michele Mari
Michele Mari, perché uno scrittore come lei decide di dedicare un libro proprio ai Pink Floyd?
"E' stata una sorpresa anche per me... Anche perché non sono certo un fan della prima ora. Il mio incontro con i Pink Floyd è stato infatti tardivo se non postumo, nel senso che negli anni '70 ero isolato, attardato. Ascoltavo musica classica, al massimo arrivavo a De Andrè. Ho cominciato ad ascoltare seriamente i Pink Floyd dagli anni '90. Poi, quando pochi anni fa è morto Syd Barrett, mi è capitato di leggere molti articoli sull'argomento e sono stato talmente colpito da questa vicenda di autismo e isolamento da decidere di scrivere questo libro".

Quindi è Barrett il membro della band che più le interessava come scrittore?
"All'inizio pensavo di sì. Poi, scrivendo e documentandomi, mi sono appassionato alla figura di Waters, nelle cui ossessioni mi sono riconosciuto".

Pensa di aver scritto un romanzo o qualcosa in più?
"Nonostante il tono enciclopedico moltissime parti e moltissimi personaggi sono inventati. Parlerei tranquillamente di romanzo. L'ho voluto scrivere nel modo più corale e decentrato possibile. E' come se Barrett, che non compare mai, fosse sempre oggetto e mai soggetto, una specie di buco nero che risucchia tutto quello che ruota intorno a lui come il cuore di un mulinello, ed è come se tutto vorticasse, tendesse e fosse tenuto insieme dal suo non esserci. Una struttura a spirale, che credo corrisponda all'ambiguità dell'oggetto Barrett".

Durante la scrittura di "Rosso Floyd" i Pink Floyd hanno fatto da colonna sonora?
"Ho sempre l'abitudine di ascoltare musica mentre scrivo. Questa volta ho fatto un'abbuffata di Pink Floyd...".

Qual è il suo disco preferito della band?
"Amo molto la trilogia formata da 'The Dark Side of the Moon', 'Wish You Were Here' 'Animals'... anche se il loro capolavoro resta 'The Wall' ".

Lei insegna letteratura italiana alla Statale di Milano. Cosa pensa della "moda" degli esordienti che sembra ossessionare la nostra editoria?
"Mi pare effimera e costruita, molto legata al successo delle scuole di scrittura e a un massiccio intervento degli editor. Non dico che molti libri vengano costruiti in casa editrice, ma raddrizzati sì. Ho sempre avuto un'idea quasi sacra della letteratura e ho sempre preteso che i miei libri fossero miei fino all'ultima virgola. L'idea del libro 'grezzo' che poi la casa editrice finisce di portare a termine non mi appartiene".

Quali autori italiani contemporanei apprezza?
"Dario Voltolini, Tiziano Scarpa, Aurelio Picca, Eraldo Baldini, grande autore di 'horror padani', poi mi piace il Moresco furibondo, non quello comico... E  per non sembrare troppo aristocratico, tra gli autori di bestseller apprezzo Ammaniti".

Qual è il suo rapporto con la critica?
"Dipende dalla stima che ho per il critico di turno. Trovo che spesso nei piccoli giornali e nelle piccole riviste scriva gente dal talento critico molto più sviluppato rispetto a quella che scrive nei grandi quotidiani. Mi delude una certa pigrizia della maggior parte dei 'grandi' critici: le loro recensioni sono sempre più descrittive, riassuntive e fatalmente molto contenutistiche..."

 

 

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA