La 'nuova' Avallone? Sarà Barbara Di Gregorio... Michele Rossi (editor Rizzoli) a tutto campo

IL PERSONAGGIO/ Ha solo 33 anni ed è il responsabile della narrativa italiana della Rizzoli. Michele Rossi è l'editor artefice del fenomeno-Silvia Avallone. Con Affaritaliani.it si racconta a tutto campo: "Nessuna invidia per Antonio Franchini (l'editor 'rivale' della Mondadori, ndr). Lui si rilassa con le arti marziali, io con lo yoga...". E anticipa: "A inizio 2011 pubblicheremo il primo romanzo di Barbara Di Gregorio, su cui punto molto. Ha poetica e cifra stilistica diversissime da Avallone, ma come lei racconta lo spirito del nostro tempo...". Poi rivela: "Non ho un romanzo nel cassetto, non credo si possa fare il doppio lavoro". E poi parla senza peli sulla lingua del Premio Strega e della moda degli esordienti... L'INTERVISTA

Mercoledì, 14 luglio 2010 - 12:00:00

AFFARITALIANI.IT INCONTRA GLI EDITOR DI NARRATIVA ITALIANA...

Antonio Franchini (editor degli italiani di Mondadori) si racconta a tutto campo con Affaritaliani.it e rivela: "Il nuovo libro di Paolo Giordano? Potrebbe arrivare nel 2011... La moda mediatica degli esordienti? Passerà..."

"La 'nuova' Avallone? Sarà Barbara Di Gregorio...". Michele Rossi (editor Rizzoli) a tutto campo con Affaritaliani.it

Lo scrittore & editor Mario Desiati ad Affaritaliani.it: "Vi racconto la collana di italiani ('Galleria', ndr) che curo per Fandango..."

Lo scrittore Nicola Lagioia racconta ad Affaritaliani.it la collana di culto 'Nichel' che cura per Minimum Fax

Jacopo De Michelis, editor della Marsilio, ad Affaritaliani.it: "La moda degli esordienti? Chi se ne lamenta è incoerente..."

Giulio Mozzi ad Affaritaliani.it: "Silvia Avallone? E' una scrittrice 'solida'... Il libro di D'Avenia? E' brutto..."

Con Alet gli "Iconoclasti" della nuova letteratura italiana. L'intervista di Affaritaliani.it a Giulia Belloni, la curatrice della nuova collana

Mario Bonaldi, editor degli italiani di Isbn, ad Affaritaliani.it: "Trovare scrittori italiani esordienti di qualità? Difficilissmo..."

Giulio Milani, (ri)fondatore, direttore ed editor di Transeuropa, ad Affaritaliani.it: "Cerchiamo di 'tradire creativamente' l'eredità di Pier Vittorio Tondelli. E sugli esordienti..."

Simone Caltabellota (ex direttore editoriale della Fazi, oggi a Elliot) ad Affaritaliani.it: "A lungo essere un editor ha bloccato il romanziere che è in me..."

Giacomo Papi (ex direttore editoriale Isbn, attuale consulente di Einaudi Stile Libero) ad Affaritaliani.it: "La letteratura italiana di oggi? Ambiziosa e autobiografica, dopo anni di minimalismo"

di Antonio Prudenzano

michele rossi editor rizzoli
Michele Rossi

A soli 30 anni la Rizzoli ha deciso che fosse lui a scegliere gli autori italiani da pubblicare. Non capita a tutti. Oggi che di anni ne ha 33, Michele Rossi è sicuramente uno che conta, nel suo ambiente. E' l'artefice di "Acciaio" di Silvia Avallone, tanto per capirci, romanzo arrivato secondo all'ultimo Premio Strega nonostante fosse il favorito della vigilia. I primi passi nell'editoria Rossi li ha mossi a Roma, alla Meltemi. Poi lo sbarco a Einaudi, dove comincia a occuparsi di narrativa italiana ("Dalia Oggero è stata la mia prima maestra", ci racconta). Quindi l'arrivo alla Rizzoli, da redattore, dove lo chiama Benedetta Centovalli. Dal 2007 è l'editore responsabile della narrativa italiana. Nel frattempo non mancano quelle che lui stesso definisce "invasioni di campo", nel cinema come sceneggiatore-ombra. E' stato tra i fondatori del Festival del Racconto di Cremona e tiene corsi allo Ied e presso altri istituti. "Adoro partorire progetti ibridi, far parlare tra loro mondi che hanno linguaggi diversi, come appunto possono essere letteratura (buona) e cinema (buono)", dice di sé. Con Affaritaliani.it Rossi ha parlato del suo lavoro di editor alla Rizzoli, anticipando le principali novità in vista dell'autunno (compresa la "nuova" Avallone...), ma non solo...

Dica la verità: stima a parte, nutre

michele rossi editor rizzoli
L'editor della Rizzoli
un po' di invidia per "mister Strega" Antonio Franchini (il venerato editor della narrativa italiana della Mondadori, ndr)?
"Assolutamente no. Anche perché in libreria finora ha vinto 'Acciaio'. E per la prima volta, almeno stando ai miei ricordi, nelle librerie si trovano due cubi dello Strega e non solo quello del vincitore. C'è sì quello di  Pennacchi, ma anche quello di Silvia (Avallone, ndr). E poi a dir la verità mi hanno fatto un po' sorridere le parole di Franchini, che considero uno dei grandi dell'editoria italiana, sui romanzi che vincono lo Strega pronunciate all'indomani della vittoria di 'Canale Mussolini'. In ogni caso, per Silvia Avallone è stata una grande vittoria. Come Rizzoli non siamo delusi e in futuro se avremo il romanzo giusto riproveremo a vincere il premio letterario italiano più importante".

acciaio silvia avallone

Ha già individuato "la nuova" Silvia Avallone? Su quali romanzi italiani punterà la Rizzoli dopo l'estate?
"In autunno avremo molti titoli interessanti di scrittori italiani. Ne cito due: usciranno il nuovo libro della Maraini e quello di Franco Cordelli, che torna al romanzo dopo molti anni. Per venire alla prima parte della domanda no, non ho trovato una 'nuova' Avallone, perché di Silvia ce n'è una sola e tornerà in libreria con il secondo libro chissà quando... ma all'inizio del 2011 porteremo in libreria il primo romanzo di quella che credo essere una delle scrittrici italiane con più prospettiva, Barbara Di Gregorio, abruzzese classe '82. Ci stiamo lavorando da quattro anni. Lei finora ha sempre scritto racconti. Ha poetica e cifra stilistica diversissime da Avallone, ma come lei racconta lo spirito del nostro tempo. Il suo libro racconta la storia di due fratelli a cui succedono cose impensabili. E' il romanzo meno italiano pubblicato in Italia negli ultimi dieci anni. E penso che lascerà una traccia. Del resto la Rizzoli pubblica pochissimi esordi. Mandiamo un esordiente in libreria solo se siamo davvero convinti. Ed esordienti a parte, il mio obiettivo è diminuire le pubblicazioni per poter dare più tempo al singolo libro. Da quaranta novità italiane all'anno punto a scendere sotto le trenta garantendo gli stessi risultati di vendita. E' la mia piccola 'battaglia dall'interno'...".

barbara di gregorio
Barbara Di Gregorio
Avallone a parte, quali esordienti l'hanno colpita di più ultimamente?
"Senz'altro Veronica Raimo, della quale Rizzoli pubblicherà il nuovo romanzo appena sarà pronto. In generale per la narrativa italiana mi sembra un momento molto buono. Non ci  sono manifesti di poetica, gruppi e correnti. Ma c'è voglia di rischiare, soprattutto nella generazione dei nati negli anni '80, che rifiuta le regole del passato".

Tra le case editrici medio/piccole, chi lavora meglio con i nuovi autori italiani?
"Marco Monina con la sua Italic Pequod fa un ottimo lavoro di ricerca. E poi naturalmente c'è Minimum Fax, che con l'editor-scrittore Nicola Lagioia sta costruendo un percorso importante e ha introdotto un modo nuovo di pensare ai nuovi narratori italiani".

Ma quando finirà la "moda degli esordienti"?
"Oggi c'è un pubblico che ama scoprire nuovi autori e l'editoria si adegua. E' positivo che ci sia spazio per le voci nuove. Il problema è che gli editori spesso esagerano e 'inventano' esordienti, ma il pubblico se ne accorge e sa selezionare".

Come tanti altri editor anche lei ha un libro nel cassetto?
"No. Non credo si possa fare il doppio lavoro, o almeno per me è così. Mi sono avvicinato all'editoria da lettore. Da ragazzo scrivevo ma appena ho cominciato a fare l'editor ho smesso. E' un lavoro troppo totalizzante. L'editor deve essere il medium, deve mettere la scrittura degli altri davanti a sé. E' un mestiere di grande responsabilità".

Letteratura a parte, quali sono le sue altre passioni? Come Franchini anche lei si rilassa con le arti marziali? 
"Alle arti marziali preferisco lo yoga... Ho fatto tanti sport, e in generale nella vita mi piace cambiare...".

Anche lavoro?
"Ne ho fatti tanti di mestieri. L'attuale è senz'altro quanto di meglio potessi chiedere, ma non c'è nulla di definitivo...".

 

 

 

 

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA