Clirim Muça, dall'Albania il 'poeta clandestino' & editore multietnico: "Scrivo per combattere le discriminazioni"

Quella dell'albanese Clirim Muça è allo stesso tempo una favola e un concreto esempio di lotta culturale contro il razzismo. Il poeta è arrivato in Italia nel '92 per sfuggire alla censura della dittatura e, dopo alcuni anni di clandestinità e povertà, in cui ha resistito grazie alla passione per la letteratura, si è integrato. Oggi ha una famiglia ed è un intellettuale affermato. Così Muça ad Affari: "Ho fondato una piccola casa editrice, Albalibri, che pubblica gratis autori italiani ed europei. Se penso alle difficoltà che ho superato, mi sembra di sognare. Il razzismo? Spero di aver contribuito a far cambiare idea agli italiani sugli albanesi"

Mercoledì, 12 agosto 2009 - 10:25:00
di Antonio Prudenzano

La poesia è universale, nessun muro di pietre o diffidenza può fermare il suo viaggio. La poesia è vitale, e ha salvato Clirim Muça, il poeta clandestino, aiutandolo a non perdere mai la speranza e a lottare contro la discriminazione. “Si leggeva la paura nei suoi occhi / come una gazzella nella savana / era assalito dal suo destino. (…) / Il suo destino lo precedeva / effimero e incerto / come una nuvola di passaggio”. Questi versi sono tratti da una delle liriche più autobiografiche di Muça, “Clandestino”.

VIA DALLA DITTATURA - Nato nel 1965 in Albania, a Lushnje, da un’umile famiglia di contadini, Muça è arrivato in Italia nel 1991. Come tanti altri suoi connazionali, scappava dalla povertà e dalla censura della dittatura comunista di Enver Hoxha, che impediva a lui e ad altri artisti di esprimersi liberamente. Se a inizio anni Novanta migliaia di albanesi disperati hanno raggiunto il nostro paese via mare, “invadendo” le coste pugliesi, il protagonista di questa storia di integrazione umana e culturale ha invece fatto un percorso diverso, se possibile ancor più drammatico, via terra. “Sono passato per l’ex Jugoslavia, muovendomi a piedi, in treno o in pullman, come capitava. Era inverno, e fui anche costretto ad attraversare un fiume a nuoto. Per fortuna, il quaderno che mi ero portato, e su cui avevo annotato tutte le mie poesie, si salvò. Lo conservo ancora, è stato il mio angelo custode”.




Clirim Muça legge alcune sue poesia alla Fiera del Libro di Verona

POVERO E CLANDESTINO - Clirim Muça oggi è un uomo sereno: oltre alla poesia, la sua ragione di vita, ha infatti una famiglia, una moglie italiana, due figli, e tanti amici. Dopo aver fatto praticamente qualunque lavoro, compresi i più umili, attualmente gestisce un piccolo albergo in Toscana, dove di recente si è trasferito. “Quando sono arrivato a Milano, da clandestino, non avevo nulla, se non tanta fame e la nostalgia per la mia famiglia. Ero solo, con addosso la paura di essere scoperto e rispedito in Albania. Di notte, spesso ho dormito nei tanti vagoni dimenticati lungo i binari morti delle stazioni della città...”.  “Le luci delle vetrine / le luci delle strade / le luci dei semafori / le luci delle macchine. / Mi abbaglieranno queste luci! / Perché io sono diventato delicato e sensibile / perché io adesso ho spento ogni luce. / Le luci della nostalgia…”, da “Le luci della città straniera”, racconta proprio la violenza dell’impatto dello stesso Muça con la metropoli italiana.

(Segue/ Clirim Muça 'salvato' dai versi, fonda Albalibri, casa editrice multierìtnica e indipendenti che dà spazio ai nuovi autori italiani ed europei...)

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA