A- A+
Culture
Oltre 170 mila presenze nel 2108 al Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa.

Record di presenze al Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa che registra, per l’anno appena concluso, oltre 170mila di visitatori provenienti da tutto il mondo, incrementando di oltre il 50% il numero raggiunto nell’anno precedente.

Un risultato incoraggiante ottenuto grazie alla dedizione del personale di Fondazione Fs Italiane quotidianamente impegnato nelle attività di gestione e riqualificazione del polo museale. Concerti, mostre, eventi culturali e fieristici, convegni, spettacoli per grandi e bambini sono alcune delle iniziative che hanno contribuito a confermarne il potere attrattivo. Un lavoro che premia gli sforzi volti a trasformare il Museo da semplice sito espositivo a punto di riferimento per il territorio, in grado di concentrare, promuovere e rilanciare a livello nazionale e internazionale le eccellenze non solo della Campania, ma dell’intero Paese.

Il grande successo è legato, senza alcun dubbio, anche alle dimensioni del sito -36mila metri quadrati, di cui 14mila coperti-  e alla sua particolare collocazione geografica. Affacciato come una enorme terrazza sul golfo di Napoli, con gli ampi padiglioni distribuiti lungo i viali adornati da giardini che raccolgono esemplari di vegetazione proveniente dai cinque continenti, il Museo offre spazi che possono essere utilizzati per convegni, mostre, spettacoli teatrali, concerti, eventi mondani.

La storia.                                                                                                                                                                               

E’ nata in questo luogo il 3 ottobre 1839 la prima strada ferrata italiana, durante il Regno delle due Sicilie di Ferdinando II, il giorno prima del suo onomastico. Lunga 7.411 metri, congiungeva Napoli a Portici sulla stessa direttrice della linea Napoli-Salerno, che oggi costeggia l’area del Museo. Il tragitto fu percorso in 11 minuti da due convogli gemelli, Bayard e Vesuvio, progettati dall’ingegnere Armand Bayard de la Vingtrie, su prototipo dell’inglese George Stephenson. Duecentocinquanta i viaggiatori nel viaggio inaugurale, nove ponti attraversati (quattro sui fiumi), ventiquattro i passaggi al di sotto della strada ferrata.

L’anno dopo veniva emanato il decreto reale per l’acquisto di una prima parte del terreno su cui sarebbe sorto il complesso di Pietrarsa, in una località tra San Giorgio a Cremano e Portici, in cui in epoca napoleonica era di stanza una batteria da costa, a difesa della rada di Napoli. L’obiettivo di Ferdinando II era ambizioso: affrancare il suo regno dalla supremazia tecnologica di Inghilterra e Francia. Nel 1842 veniva costruito il primo edificio del complesso. L’anno successivo un rescritto reale destinava l’officina, inizialmente vocata alla produzione di materiale meccanico e pirotecnico per le necessità della marina e della guerra, alla costruzione e alla riparazione di locomotive e vagoni ferroviari. Completamente restaurato grazie al contributo del Gruppo Fs, il Museo di Pietrarsa è oggi uno dei maggiori spazi espositivi al mondo e polo di cultura ferroviaria tra i più importanti d’Europa. In otto padiglioni trovano posto oggi treni, locomotive, modelli plastici, macchinari e oggetti d’interesse storico: dalla riproduzione della Bayard, il suo tender, un bagagliaio, una carrozza di prima classe e due di terza, alla carrozza reale costruita per le nozze di Umberto di Savoia con Maria Josè del Belgio, alle littorine, ai primi locomotori a corrente alternata trifase e continua.

Nei piani della Fondazione Fs, continuare l’opera di valorizzazione del patrimonio ferroviario. Per il 2019 sono già programmati allestimenti tecnologici e innovativi, tra cui un simulatore di guida di treni a bordo di un convoglio d’epoca, e nuovi servizi di accoglienza per rendere le visite un’esperienza indimenticabile.

Commenti
    Tags:
    napoliporticisan giorgiogranato
    in evidenza
    Cristina Chiabotto si sposa. FOTO Dice sì a Marco Roscio, c'è la data

    Costume

    Cristina Chiabotto si sposa. FOTO
    Dice sì a Marco Roscio, c'è la data

    i più visti
    in vetrina
    Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

    Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator

    Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.