A- A+
Culture
Piazza dei brevetti e dell’Innovazione della ricerca italiana

Presentata in conferenza stampa a Milano InnovAgorà, la piazza dei brevetti dell’innovazione italiana che si terrà presso il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano dal 6 all’8 maggio. Questa iniziativa, promossa da Miur, Cnr, Museo della Scienza,  ha come protagoniste 171 innovazioni messe a punto da ricercatori provenienti da  48 università italiane,  13 enti di ricerca, e suddivise in   tematiche che rappresentano le sfide più significative della ricerca di frontiera per i prossimi anni: robotica  e intelligenza artificiale, nuovi farmaci, edilizia sostenibile, manifatture e materiali innovativi, agroalimentare, energia.  Un made in Italy industriale di tutto rispetto. Insomma InnovAgorà non rappresenta solo una sfolgorante vetrina, ma vuole essere un catalizzatore di idee, favorire una vera collaborazione tra ricerca  pubblica e imprese, prospettare soluzioni adeguate  alle problematiche odierne stabilendo anche un confronto costruttivo  sulle  criticità.

Come ha esordito il presidente del Cnr Massimo Inguscio citando una famosa frase di Leonardo “ la luce della scienza cerco e il beneficio”, InnovAgorà trasforma  per tre giorni il Museo in una grande piazza per progettare il futuro.

E’ tempo che il patrimonio di cultura tecnologica dell’Italia  – questa l’opinione anche di Giuseppe Valditara responsabile del  Dipartimento Università del Miur- venga valorizzato come si compete a un paese che nella ricerca vanta 3900 brevetti attivi. Quello che manca è la scarsa attitudine  a fare rete. Per questo uno degli scopi di InnovAgorà è quello di puntare sul trasferimento tecnologico: dalla ricerca all’impresa.

E proprio in questo prospettiva viene ripresa  l’idea della candidatura di Milano come nuova sede del Tribunale europeo dei brevetti, ancora per poco residente a Londra.

Per rafforzare ulteriormente la collaborazione tra ricerca e impresa si sta pensando, da parte del Miur, di istituire una nuova figura di dottorato industriale da svolgersi per buona parte all’interno dell’impresa. La ricerca è asset centrale e volano di crescita per un paese moderno, tanto più per l’Italia,  se si tiene conto che un miliardo investito in ricerca contribuisce a un aumento del Pil dello 0,2%.

Questa iniziativa punta in modo vigoroso a rivalutare il ruolo della ricerca e della ricerca applicata in particolare, rinforzando quella collaborazione tra università e mondo imprenditoriale essenziale   in un paese moderno per produrre crescita e benessere. Forse  ci si sta accorgendo con enorme ritardo che gli investimenti in ricerca e sviluppo, oltre a quelli dedicati alla formazione, sono fondamentali per innescare una crescita strutturale e duratura.

Commenti
    Tags:
    innovazionebrevetti
    in evidenza
    David e Cristina, la svolta al falò Una coppia si è detta addio...

    TEMPTATION ISLAND, I COLPI DI SCENA DELLA 4° PUNTATA

    David e Cristina, la svolta al falò
    Una coppia si è detta addio...

    i più visti
    in vetrina
    Wanda Nara, Tiki Taka e Amici Vip! I rumors su lady Icardi

    Wanda Nara, Tiki Taka e Amici Vip! I rumors su lady Icardi


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mahindra strizza l’occhio all’Europa

    Mahindra strizza l’occhio all’Europa


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.