A- A+
Culture
Remo Bianco: le tracce della vita in mostra a Milano
Remo Biano - Impronta, 1964 - Gomma

di Simonetta M. Rodinò

La malinconica caducità del reale si traduce nelle opere di Remo Bianco nell’ossessivo e caparbio tentativo di salvaguardare ricordi piccoli, piccolissimi: quei tanti oggetti minuti che rischiano di sfuggire dalle mani.

La mostra “Remo Bianco. Le impronte della memoria”, da oggi nelle sale degli Archivi del Museo del Novecento del capoluogo lombardo, presenta una selezione, una settantina di lavori, di alcune fasi creative dell’artista milanese, mancato 66enne nella sua città. Era il 1988.

Obiettivi della rassegna “ricucire la sua creatività e fare un po’ di chiarezza, attraverso le opere e con l’aiuto di documenti storici, se non su tutti almeno su alcuni dei suoi cicli espressivi più intensi”, sostiene la curatrice Lorella Giudici.

Il percorso si apre con i Collages, passando dalle Pagode per avvicinare le Impronte, sfiorare i Tableaux dorés – forse la serie più conosciuta -, soffermarsi sui Sacchettini, sulle opere tridimensionali, sulle Sculture neve e sugli insoliti Quadri Parlanti.

I primi sono il risultato di un viaggio compiuto negli Stati Uniti, dove Bianco conosce l’espressionismo astratto e apprende da Jackson Pollock, la tecnica del dripping. E’ sviluppando questi lavori che giunge a creare i Tableaux dorés: foglie d’oro su tela. Carte che se da un lato evocano l’oriente, dall’altro ricordano anche i Tarocchi che sua madre, cartomante, scopriva davanti ai clienti.

Già dal 1948 inizia a sperimentare le opere in 3D, dipingendo su lastre di vetro, cui seguiranno nuove versioni su legno e metallo. Una sorta di mix tra arte spaziale e gioco scenico.

Ecco poi le Impronte, calchi in gesso, cartone pressato o gomma di cose destinate a scomparire, o tracce di oggetti comuni, giocattoli, palline in polistirolo, attrezzi… Che per salvaguardare non solo imprigiona nel gesso, ma seppellisce sotto una coltre di neve (le Sculture Neve, dove gli oggetti sembrano prigionieri d’incantesimi) o anche chiude come referti delicati in sterili sacchetti di plastica (Sacchettini).

L’imbustare, l’imprigionare e il seppellire per ritrovare l’oggetto ogni volta se ne senta il bisogno non sono forse il desiderio di non dimenticare?

Le Pagode, nascono dopo aver visto la Persia con le proprie moschee, i bazar, le guglie dei minareti; in mostra cinque lavori dalle sagome differenti.

L’esposizione si chiude con tre Quadri Parlanti: tele o immagine fotografica sul cui retro sono posizionati degli amplificatori che, all’avvicinarsi dello spettatore, si attivano emettendo voci o frasi registrate dall’artista. L’interazione con il visitatore si sposta dunque dal campo visivo a quello acustico, coinvolgendolo in rumori, risate, imprecazioni… Il suono dell’anima? L’eternità?

L’artista che ha sperimentato idee nuove e iter diversi non è catalogabile in alcuna corrente. Le ha sfiorate, ma non vi ha mai preso parte. Il suo eclettismo eccessivo ne ha sfilacciato il percorso.

 

“Remo Bianco. Le impronte della memoria”

Museo del Novecento – Piazza Duomo 8 – Milano

5 luglio – 6 ottobre 2019

Ingresso compreso nel biglietto del Museo: 10 euro intero, 8 ridotto

Orari: Lunedì 14.30 – 19.30; Martedì Mercoledì Venerdì; Giovedì e Sabato 9.30 – 22.30; Domenica: 9.30 19.30

Infoline: 02/88444061

Catalogo Silvana Editoriale

www.museodelnovecento.it

 

Commenti
    Tags:
    remo biancoremo bianco mostra milano
    in evidenza
    Katia disperata scoppia in lacrime Ilaria, decisione dratica. E poi...

    Bufera a Temptation Island

    Katia disperata scoppia in lacrime
    Ilaria, decisione dratica. E poi...

    i più visti
    in vetrina
    TAYLOR MEGA, topless e perizoma nero. Belen e Cecilia Rodriguez... LE FOTO DELLE VIP

    TAYLOR MEGA, topless e perizoma nero. Belen e Cecilia Rodriguez... LE FOTO DELLE VIP


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Camp Jeep 2019: edizione da record

    Camp Jeep 2019: edizione da record


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.