Caltabellota ad Affaritaliani.it: "A lungo essere un editor ha bloccato il romanziere che è in me"

IL PERSONAGGIO/ E' stato per anni editor e direttore editoriale della Fazi ('scoprendo' casi editoriali come Melissa P., JT Leroy e Stephenie Meyer...). A 40 anni Simone Caltabellota esordisce col suo primo romanzo, "Il giardino elettrico" (Bompiani), e si racconta con Affaritaliani.it: "Per molti anni la mia scrittura è stata condizionata. L'essere un editor mi bloccava, avevo paura di confrontarmi con un romanzo, mi riuscivano solo testi brevi". E poi parla della moda degli esordienti, del suo addio alla Fazi e degli scrittori italiani contemporanei che verranno ricordati tra un secolo... L'INTERVISTA A TUTTO CAMPO

Mercoledì, 19 maggio 2010 - 12:00:00

AFFARITALIANI.IT INCONTRA GLI EDITOR DI NARRATIVA ITALIANA...

Antonio Franchini (editor degli italiani di Mondadori) si racconta a tutto campo con Affaritaliani.it e rivela: "Il nuovo libro di Paolo Giordano? Potrebbe arrivare nel 2011... La moda mediatica degli esordienti? Passerà..."

Lo scrittore & editor Mario Desiati ad Affaritaliani.it: "Vi racconto la collana di italiani ('Galleria', ndr) che curo per Fandango..."

Lo scrittore Nicola Lagioia racconta ad Affaritaliani.it la collana di culto 'Nichel' che cura per Minimum Fax

Jacopo De Michelis, editor della Marsilio, ad Affaritaliani.it: "La moda degli esordienti? Chi se ne lamenta è incoerente..."

Giulio Mozzi ad Affaritaliani.it: "Silvia Avallone? E' una scrittrice 'solida'... Il libro di D'Avenia? E' brutto..."

Con Alet gli "Iconoclasti" della nuova letteratura italiana. L'intervista di Affaritaliani.it a Giulia Belloni, la curatrice della nuova collana

Mario Bonaldi, editor degli italiani di Isbn, ad Affaritaliani.it: "Trovare scrittori italiani esordienti di qualità? Difficilissmo..."

Giulio Milani, (ri)fondatore, direttore ed editor di Transeuropa, ad Affaritaliani.it: "Cerchiamo di 'tradire creativamente' l'eredità di Pier Vittorio Tondelli. E sugli esordienti..."

 

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

Simone Caltabellota
Simone Caltabellota
Ai tempi della Fazi, dove è stato editor prima e direttore editoriale poi (tra il 1995 e il 2006), Simone Caltabellota, classe '69, ha scoperto tra gli altri Melissa P., JT Leroy e Stephenie Meyer. Che si apprezzi o meno la qualità letteraria delle tre autrici sopra citate (da poco si è saputo che dietro JT Leroy si nascondeva una ghost writer...) non si può negare a Caltabellota il merito di aver contribuito a far pubblicare futuri (e spesso inattesi) bestseller. Se il fiuto per i casi editoriali a Caltabellota (che oggi fa parte del comitato editoriale della Elliot e si occupa prevelantemente di narrativa straniera, ndr) non manca, l'uscita per Bompiani del suo primo romanzo, "Il giardino elettrico", ci fa scoprire un narratore a cui piace giocare con le atmosfere e la lingua, in modo non sempre riuscito ma di sicuro coraggioso. Una sfida ai generi e allo stile letterario, quella lanciata dall'esordiente 40enne, con cui vale la pena confrontarsi.

Simone Caltabellota
LA COPERTINA
Caltabellota, "Il giardino elettrico" è ambientato in una Roma sospesa e onirica, tra fantasmi, amori  complicati, sogni a occhi aperti, passaggi e porte che permettono l'accesso ad altre dimensioni... Com'è nato il romanzo?
"Ho lasciato la Fazi e la Lain (fondata nel 2003 da Caltabellota, ndr) nel 2006 e mi sono preso un periodo di pausa. Ne avevo bisogno. Per me era fondamentale capire cosa stava succedendo alla mia vita, che era diventata una lunga corsa in cui non mi fermavo mai. Il romanzo è nato in questo momento di transizione e di riflessione. E' la storia di un uomo che si è perso e che si ritrova con l'aiuto anche di entità soprannaturali. Mi ha sempre interessato l'ibridazione tra i generi, anche perché non ho mai amato la divisione tra 'alto' e 'basso'. In questo libro ci sono tutti i miei gusti letterari. Credo sia un romanzo fuori dai canoni del romanzo italiano contemporaneo, e lo dimostra anche la struttura non tradizionale della trama. E' un libro spirituale, di avvicinamento a un'altra realtà".

Come mai ha atteso i 40 anni per esordire?
"In realtà ho sempre scritto. Quando avevo poco più 20 anni ho esordito come poeta, pubblicando negli anni '90 su varie riviste tra cui Nuovi Argomenti. La cosa curiosa è che del gruppo di poeti di cui facevo parte molti, me compreso, hanno poi preso strade editoriali. Tra questi Marco Cassini (co-fondatore di Minimum Fax, ndr), Laura Pugno e Vincenzo Ostuni. Il passaggio da editor a scrittore è stato naturale".

Quali sono i suo i modelli letterari?
"Prima citerei due modelli cinematografici come 'Il cielo sopra Berlino' e 'Il segno del comando'. Venendo ai miei ascendenti letterari, amo molto lo scrittore e sceneggiatore Guillermo Arriaga, oltre a una linea letteraria dimenticata della letteratura italiana del '900, quella del subliminalismo del primo Soldati e del primo Cassola... ".

Crede nell'esistenza di altre dimensioni?
"Il romanzo rappresenta il mio credo nella necessità sciamanica di liberarsi di un sé che non esiste più e di scoprire e far venire fuori un altro sè".

Quando scrive riesce a essere anche l'editor di se stesso? §
"Per molti anni la mia scrittura è stata condizionata. L'essere un editor infatti mi bloccava, avevo paura di confrontarmi con un romanzo, mi riuscivano solo testi brevi. Poi improvvisamente mi sono liberato dai freni e un giorno di gennaio del 2007 a piazza Farnese a Roma ho cominciato a scrivere 'Il giardino elettrico' e da lì non mi sono più fermato. Quel giorno ho scritto la prima pagina, che poi non è cambiata. Devo ringraziare Elisabetta Sgarbi che mi ha aiutato a rendere meno misteriosi i punti più ostici del libro. Tornando alla domanda, è impossibile fare l'editor di stessi, o almeno per me è stato così. Quando ci ho provato sono rimasto bloccato".

Come mai ha lasciato la Fazi?
"Dovevo farlo per non stare male. Non mi riconoscevo più e non mi divertivo più. Come ho spiegato prima, avevo bisogno di staccare. Il lavoro era diventata tutta la mia vita. E me la stava mangiando...".

Lei che ha scoperto Melissa P., cosa pensa della moda degli esordienti?
"Non è negativa in sè. Diventa un problema se agli scrittori giovani si chiedono libri tutti uguali, scontati, senza rischi. Di recente tra gli esordienti ho molto apprezzato Paolo Giordano e Silvia Avallone".

Quali autori italiani contemporanei verranno ricordati tra un secolo?
"Si pubblicano talmente tanti libri che spesso capita che romanzi validi finiscano subito dimenticati, oscurati. Non ho la sfera di cristallo, ma penso che Sandro Veronesi resterà, così come pure 'Il signor figlio', il primo romanzo di Alessandro Zaccuri".

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA