Teatro/ "Sonata d'autunno" di Ingmar Bergman, un testo per due spettacoli. Ed è polemica fra il regista Federico Olivetti e Rossella Falk...

Giovedì, 20 settembre 2007 - 09:00:00

Che l'opera di Ingmar Bergman sia al centro dell’attenzione di registi e drammaturghi certo non stupisce, considerato oltretutto che il regista svedese è morto meno di due mesi fa. Più sorprendente è che dei tanti testi di Bergman, uno dei più grandi autori della storia del cinema paragonabile a Fellini, Rossellini e Kubrick, l’interesse in Italia si sia concentrato su “Sinfonia d’autunno”, film girato nel 1978 con protagoniste Liv Ullmann e Ingrid Bergman nonché testo teatrale mai rappresentato dall’autore. Così nel giro di pochi mesi ecco due versioni del dramma made in Italy.

Una scena della "Sonata d'autunno" di Olivetti
Alla “Sonata d’autunno” (questo il titolo originale dell’opera) di Federico Olivetti, il primo a chiedere al teatro svedese di competenza i diritti d’autore del testo, che porterà in scena con l’associazione La Rabbia Giovane in anteprima nazionale al Crt di Milano dal 20 al 30 settembre, seguirà l’adattamento a cura del regista Maurizio Panici, con Rossella Falk e Maddalena Crippa, in tour da novembre (anteprima il 16 a Pistoia) a maggio (chiusura a Roma il 4), senza toccare però Milano.
E se la Falk ha dichiarato ad Affari che nel capoluogo lombardo la sua “Sonata d’Autunno” non sarebbe arrivata quest’anno per il disinteresse dei teatri meneghini, Olivetti ribatte: “Se non fosse stato per me la Falk non avrebbe potuto nemmeno portare in scena il testo. La verità è che il teatro svedese che detiene i diritti d’autore mi aveva chiesto se desideravo l’esclusiva dello spettacolo. Io non l’ho voluta perché mi sembra una follia far circolare una sola versione di uno spettacolo. Detto questo poi con Panici c’è stato una sorta di accordo amichevole: io avrei presentato il mio adattamento a Milano 'in esclusiva', rimandando all’anno prossimo la tournée per dare spazio ad altri progetti, lui invece avrebbe girato l’Italia. Insomma: che Milano non abbia voluto la Falk è una bugia offensiva nei miei confronti”.

E torniamo allo spettacolo di Olivetti: “La mia lettura di 'Sonata d'autunno' non è la pretesa di costringere un film a presentarsi nello scomodo spazio teatrale. Piuttosto è la riscrittura del testo composto dallo stesso Bergman per lo spettacolo teatrale mai realizzato”, spiega il regista.

Nicole Cavazzuti

Sonata d' autunno
di Ingmar Bergman
con Pia Lanciotti, Clara Galante
Martino D' Amico, Nicole Vignola, Caterina Simonelli, Silvia Corsi Regia e drammaturgia Federico Olivetti Compagnia La Rabbia Giovane Dal 20 al 30 settembre Al CRT Teatro dell'Arte, Milano
Info: tel. 02.89011644,
promozione@crt.it, www.teatrocrt.it

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA