Staalesen si racconta ad Affaritaliani.it: "Il successo dei noir scandinavi? Merito della nostra grande tradizione"

"All'inizio del secolo scorso la Norvegia era uno dei più poveri paesi d'Europa, oggi è uno dei più ricchi al mondo. Solo un romanzo, in questo caso un noir, può spiegare un Paese così complesso". Gunnar Staalesen, uno dei più importanti scrittori norvegesi, famoso in tutto il mondo, ha scelto Affaritaliani.it per la prima intervista italiana su "Satelliti della morte" (Iperborea): "Gli autori scandinavi sono così bravi nel genere noir? Abbiamo iniziato per primi, ai tempi di Poe. La nostra è una grande tradizione. Gli italiani? Conosco solo Camilleri e la coppia Fruttero-Lucentini"

Venerdì, 30 ottobre 2009 - 16:10:00

L'ANTEPRIMA

LEGGI IN ESCLUSIVA SU AFFARITALIANI.IT IL PRIMO CAPITOLO DI "SATELLITI DELLA MORTE" (IPERBOREA) DI GUNNAR STAALESEN

LA NUOVA COLLANA

C'è la Larsson-mania: Iperborea si apre al giallo. I particolari sulla nuova collana 'Ombre'

L'INTERVISTA ALL'EDITORE

emilia lodigiani
Emilia Lodigiani

Emilia Lodigiani, editrice di Iperborea ad Affaritaliani.it: "La Larsson-mania? Noi lo sapevamo già..."

L'ANTEPRIMA 2/

Ecco i 'reduci del fronte domestico'. Fotografia della generazione del ‘78. Su Affaritaliani.it la recensione di "Via della trincea" (Iperborea), l'intervista all'autore Hotakainen, e in esclusiva un estratto del libro

LO SPECIALE

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

Meglio chiarirlo subito: non ha senso confrontare l'ormai stracitata trilogia di Stieg Larsson con "Satelliti della morte", nelle librerie italiane dal 4 novembre per Iperborea (che dà così il via alla nuova collana "Ombre" (VEDI BOX A DESTRA, ndr), l'ultimo potente noir del norvegese Gunnar Staalesen, che Affaritaliani.it ha potuto leggere in anteprima. Se il primo è stato autore di  thriller fin troppo contemporanei, il secondo ama i canoni classici del genere e non ha paura di citarli nè tantomeno di superarli.

staalesen
L'autore

Fatta la premessa, veniamo al bellissimo romanzo in questione: "Satelliti della morte" racconta con stile superbo e ritmi e salti temporali mai scontati l'altra Norvegia, quella 'nascosta' delle famiglie disastrate e delle infanzie tragiche, e lo fa 'giocando' abilmente con i collaudati meccanismi del noir, ambientando la vicenda a partire dagli anni '70 e servendosi ancora una volta del 'suo Marlowe', quel Varg Veum (che in norvegese significa "lupo solitario"...), detective privato fin troppo 'normale' (ed ex operatore dei servizi sociali) che vede segnata la sua esistenza dagli incontri (a distanza di anni l'uno dall'altro) con il misterioso Jan Egil...

Staalesen, classe '47, uno degli scrittori norvegesi più famosi, torna così con un altro romanzo che non fa mai annoiare. Qui di seguito la sua prima intervista italiana su "Satelliti della morte", concessa ad Affaritaliani.it

Staalesen, è evidente che il suo investigatore privato Varg Veum e il Philip Marlowe di Raymond Chandler siano molto simili. Le fa piacere il confronto?  
"Sì, sono d'accordo e non ho mai negato che Chandler di Philip Marlowe fosse la mia più importante ispirazione, quando ho creato Varg Veum. Un altro è stato Ross Macdonald e il suo detective, Lew Archer. E' stato Dashiell Hammett a creare questo genere di investigatore, che Chandler ha reso in uno stile perfetto, da cui ha preso ispirazione la maggior parte di autori di romanzi di detective privati. Ma io ho cercato di fare di Varg Veum un tipico maschio norvegese vissuto tra gli anni  ' '70, ' 80 e ' 90, così forse da renderlo abbastanza diverso da Marlowe durante i 32 anni di cui io ho scritto su di lui.". 

In "Satelliti della morte" lei presenta una Norvegia poco conosciuta: droga, situazioni familiari complesse, illegalità. La storia di Janegutte sarebbe attuale oggi?
"Temo che storie come quella di Janegutt si possano leggere sui quotidiani norvegesi una o due volte al mese. Essa potrebbe essere del tutto attuale oggi, anche se io spero che le organizzazioni che si occupano di bambini provenienti da situazioni familiari difficili lavorino meglio di quanto abbiano fatto 30 o 50 anni fa. In un giallo, si troverà sempre un'immagine più cupa o più sconfortante di ogni città o paese di quello che si può conoscere se si visita lo stesso paese in qualità di ospite o turista. Posso assicurarle che per il comune norvegese la Norvegia è un paese sicuro e buono da viverci, ma ciò non è roba da cui possono attingere i romanzi sul crimine.".

staalesen
Gunnar Staalesen

 

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA