A- A+
Culture
Triennale Design Museum, XI edizione : “Storie. Il design italiano”
© Gianluca Di Ioia

di Simonetta M. Rodinò

 

Triennale cambia strategia. In seguito al dibattito del gennaio scorso sulla necessità di realizzare a Milano un museo del Design “permanente”, e non “a rotazione” - come avviene da dieci edizioni -, ecco la svolta: si dovrebbe realizzare  alla Triennale ampliandone gli spazi con grandi aree del palazzo non ancora utilizzate.

“La Triennale può davvero diventare il sancta sanctorum del design italiano proponendosi come museo vivo che non fugge davanti alle scelte”, spiega Silvana Annicchiarico che lo dirige dal 2007, anno della nascita.

 

Anticipazione in vista della metamorfosi è l’attuale edizione dal titolo “Storie. Il design italiano”,

che si snoda con una sequenza cronologica e una lettura a tema.

 

Attraverso una selezione di 180 opere, scelte per innovazione tecnico-formale, estetica, sperimentazione, riconoscibilità e successo, per la maggior parte provenienti dalla Collezione permanente del Triennale Design Museum, si ripercorrono cent’anni di design suddivisi in cinque periodi.

 

Lo scalone della Triennale si duplica in una grande parete specchiante. Attraversato il ponte, ecco una sorta di strada commerciale dove in alcune vetrine sono rappresentate le diverse forme di distribuzione del design, inteso come merce.

C’è anche una grande macchina-distributore che vende sedie, lampade tavolini.

 

Poi ha inizio l’ordinata esposizione delle icone sul lato curvo dell’edificio, mentre sul lato opposto, cinque sale separate contengono gli approfondimenti dei curatori. Grandi atlanti per la stanza della Geografia, archivi d’immagini fotografiche e riviste per quella della Comunicazione, una sorta di tribuna politica grazie a filmati e documenti per lo spazio dedicato alla Politica, tecnologie di piccole dimensioni, transistor, microchip…per la sala della Tecnologia e per finire la stanza dei numeri con i “valori” economici del mercato del design storico.

 

Gli oggetti esposti sono suddivisi in cinque periodi, dal 1902, anno dell’esposizione internazionale di arte decorativa di Torino - che fu invasa da culture universali – al 1998.

 

Nel segmento 1902 al 1945 s’incontrano, tra gli altri, il Bacio Perugina, la bottiglietta del Campari firmata da Fortunato Depero, il cappello Borsalino. In quello 1946-1963 la “leggera” di Gio Ponti, la Vespa, la Lambretta, la Lettera 22 e la sigla della Radiotelevisione Italiana. Altro periodo 1964-1972 il motorino Ciao, la bicicletta pieghevole “Graziella”, la lampada Eclisse di Magistretti. E ancora, 1973-1983 l’Ovetto Kinder, il Tratto Pen, la poltrona Proust di Mendini, la Panda. Infine, 1984-1998 la poltrona Feltri di Gaetano Pesce, la Embryo Chair di Marc Newson e la Ducati Monster 900  VP del designer argentino Miguel Galluzzi.

 

“Storie. Il design italiano”

Triennale Design Museum – Viale Alemagna 6 - Milano

14 aprile – 20 gennaio 2019

Orari: martedì-domenica 10,30 – 20,30

Ingressi: intero 9 euro

www.triennale.org

 

Tags:
triennale design museum

in vetrina
Grande Fratello 2018, DOCCIA BOLLENTE PER MARIANA-ALESSIA. Gf 2018 news-foto

Grande Fratello 2018, DOCCIA BOLLENTE PER MARIANA-ALESSIA. Gf 2018 news-foto

i più visti
in evidenza
Venezia premia David Cronenberg Al regista Leone d'oro alla carriera

Culture

Venezia premia David Cronenberg
Al regista Leone d'oro alla carriera

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Fiat 500 Collezione, inconfondibilmente 500

Fiat 500 Collezione, inconfondibilmente 500

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.