A- A+
Culture
Unesco, Ivrea diventa Patrimonio Mondiale Rimandate Conegliano e Valdobbiadene
Da ivreacittaindustriale.it/

La città ideale della rivoluzione industriale del Novecento diventa il 54esimo sito italiano nella Lista Unesco La 42esima sessione del Comitato #WorldHeritage dell'Unesco, in corso in Bahrain fino al 4 luglio, ha ammesso nell'elenco dei siti mondiali Unesco la città di Ivrea. Lo ha annunciato la stessa Unesco in un twitter sul suo account ufficiale, dove si legge: "Appena iscritto come @UNESCO #WorldHeritage Site: Ivrea, città industriale del 20 ° secolo, # Italia. Complimenti!".

UNESCO: BONISOLI, IVREA SITO MONDIALE RICONOSCIMENTO A ADRIANO OLIVETTI

"Ivrea, la città ideale della rivoluzione industriale del Novecento, è il 54esimo sito Unesco italiano. Un riconoscimento che va a una concezione umanistica del lavoro propria di Adriano Olivetti, nata e sviluppata dal movimento Comunità e qui pienamente portata a compimento, in cui il benessere economico, sociale e culturale dei collaboratori è considerato parte integrante del processo produttivo". Lo ha dichiarato il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, Alberto Bonisoli, nell'apprendere dell'iscrizione di 'Ivrea Città Industriale del XX Secolo' nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Unesco. . Ivrea rappresenta, sottolinera il Mibact, un esempio distintivo della sperimentazione di idee sociali e architettoniche sui processi industriali, e un'esperienza innovativa di produzione industriale di livello mondiale che guarda in special modo al benessere delle comunità locali.

Fondata nel 1908 da Camillo Olivetti, la città industriale di Ivrea è un progetto industriale e socio-culturale del XX secolo. La maggior parte dello sviluppo di Ivrea avvenne nel periodo degli anni '30 e '60 sotto la direzione di Adriano Olivetti, periodo in cui l'azienda Olivetti produceva macchine da scrivere, calcolatrici meccaniche e computer. La forma della città e gli edifici urbani di Ivrea sono stati progettati da alcuni dei più noti architetti e urbanisti italiani di quel periodo. La città è composta da edifici per produzione, amministrazione, servizi sociali e usi residenziali, che riflettono le idee del Movimento Comunità. La città industriale di Ivrea rappresenta quindi un significativo esempio delle teorie dello sviluppo urbano e dell'architettura del XX secolo in risposta alle trasformazioni industriali e sociali, inclusa la transizione dalle industrie meccaniche a quelle digitali. La perimetrazione comprende il perimetro dell'area destinata al progetto industriale olivettiano, includendo gli edifici della produzione, gli uffici, i servizi (asilo nido, mensa, servizi sociali), le residenze. La candidatura di Ivrea, presentata all'Unesco a gennaio 2017, è stata sottoposta al processo di valutazione da parte degli Organismi consultivi dell'Unesco, durato un anno e mezzo. Gli esiti della valutazione sono stati presentati al 42° Comitato del Patrimonio Mondiale, che ne ha deciso l'iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale. La candidatura era promossa dal Comune di Ivrea e dalla Fondazione Adriano Olivetti, insieme alla Fondazione Guelpa, la Regione Piemonte, la Città Metropolitana di Torino e il Comune di Banchette ed è stata coordinata dal Segretariato Generale - Ufficio Unesco del Mibact. La candidatura si è inoltre avvalsa della collaborazione del contributo di diverse istituzioni ed esperti del mondo scientifico e culturale.

UNESCO: PICCHI, SU COLLINE PROSECCO FATTA SENTIRE NOSTRA VOCE, SUCCESSO SU IVREA 

Sull'iscrizione delle colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene nel registro Unesco del Patrimonio dell'umanità - rinviata al prossimo anno - "abbiamo fatto il massimo possibile, abbiamo fatto sentire la nostra voce, dopo essere partiti da una posizione di bocciatura espressa dal comitato tecnico". Così il sottosegretario agli Esteri Guglielmo Picchi ha commentato con l'Adnkronos l'esito del World Heritage Committee, in corso a Manama, nel Bahrein, dove si è deciso di rinviare al prossimo anno l'iscrizione delle colline del prosecco mentre la città di Ivrea, con "la sua unicità e industriale", è stata inserita nella lista. Sulle colline del Prosecco "abbiamo fatto un grande lavoro di sistema - ha rivendicato Picchi - la nostra rete diplomatica ha lavorato sui rapporti bilaterali con i Paesi membri del comitato, facendo opera di convincimento e di spiegazione dell'unicità del sito, mentre la delegazione da me guidata a Manama ha avuto bilaterali con una quindicina di Paesi. E' così che siamo riusciti a trovare un nocciolo duro di otto paesi che hanno presentato la mozione con la quale si è passati dalla bocciatura all'iscrizione l'anno prossimo. Abbiamo ottenuto la maggioranza assoluta, 12 voti su 21, purtroppo serviva una maggioranza di due terzi per ottenere l'iscrizione subito: in ogni caso siamo riusciti a ottenere il rinvio all'anno prossimo del riconoscimento che ci sono i presupposti di eccezionalità per quel sito".

Tra i Paesi che hanno votato contro, ha rivelato il sottosegretario, c'è la Spagna, che "ha avuto un atteggiamento apertamente ostile, dettato dalla competizione di un suo sito vitivinicolo" che potrebbe concorrere il prossimo anno. "Il dossier - ha sottolineato - è stato trattato in modo ingiusto a livello tecnico, non so poi se ci siano ragioni di tipo politico" che hanno ispirato la posizione di Madrid. Grandi complimenti sono invece arrivati dai francesi, che pure non sono riusciti a iscrivere un loro sito: "Si sono congratulati con noi per il modo in cui abbiamo fatto valere le nostre ragioni, per il modo in cui abbiamo fatto sentire la nostra voce in modo forte", ha raccontato ancora Picchi. Tra l'altro, ha spiegato il sottosegretario della Lega, l'eccezionalità del sito delle colline sta anche nel fatto che "i veneti hanno esportato in tutto il mondo il carattere universale di questa sinergia tra l'uomo e il territorio: in Brasile, in Cina, negli Stati Uniti, in zone complicate dal punto di vista ambientale e morfologico hanno portato le loro tecniche di coltivazione". Molto più semplice il discorso su Ivrea, "riconosciuta come sito che ha un'unicità industriale e sociale, grazie all'intuizione di Adriano Olivetti, che al luogo di lavoro associava il welfare per i cittadini". "L'iscrizione di Ivrea rappresenta un successo importante - ha concluso Picchi - perché ha riaffermato tra l'altro la leadership italiana per numero di siti e anche la nostra capacità di far considerare patrimonio dell'umanità siti che non venivano presi in considerazione secondo i criteri precedenti".

Tags:
ivrea patrimonio mondiale unescounesco ivreaivrea unescounesco conegliano valdobbiadene

in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

i più visti
in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.