Vattimo ad Affari: la chiusura italiana genera gesti folli

Mercoledì, 16 dicembre 2009 - 17:00:00

di Virginia Perini

vattimo
Gianni Vattimo
"Sono dell'opinione di Di Pietro e Rosy Bindi. Di Pietro sembra solo più cattivo ma in realtà la Bindi ha detto la stessa cosa" Dopo la condanna all'aggressione del premier dei filosofi Fulvio Papi e Salvatore Natoli, un altro grande pensatore italiano sceglie Affari per dire la sua. E' Gianni Vattimo, conosciuto in molti paesi come padre del "pensiero debole", la filosofia che abbandona i grandi sistemi otto-novecenteschi per abbattere i dogmatismi e garantire una progressiva riduzione della violenza e il superamento delle ingiustizie sociali. E' sicuro nella sua analisi: "In Italia c'è un clima di chiusura assoluta per quanto riguarda la possibilità politica. Con la maggioranza parlamentare di Berlusconi e con l'uso che ne fa è difficile che chi non tollera più la situazione non si arrabbi".

In un certo senso capisce il gesto?
"Sono naturalmente scandalizzato. E condanno il gesto. Ma non ne traggo conclusioni catastrofiche. Dicono che sia un pazzo - sorride - io addirittura sospetto che l'aggressore sia un mafioso mandato apposta... Fa talmente gioco al premier questa situazione. Mi vengono in mente le torri gemelle: non arrivo a pensare che l'attentato sia stato organizzato da Bush, ma che l'abbia utilizzato per bene lo penso tranquillamente".

Ma dicendo queste cose, da intellettuale e filosofo, non si sente un po' un cattivo maestro?
"Macchè cattivo, non l'hanno mica ammazzato. Mi sento... lo ripeto do ragione a Rosy Bindi. E sarò provocatorio, aggiungo un'affermazione paradossale. Dato che tutto si gioca con mafiosi che lo accusano e mafiosi che lo difendono, non vedo perché non possa esserci anche una figura costruita per l'occasione. Bè certo, poi le situazioni sfuggono di mano, in quel caso il modellino del duomo di Milano poteva essere più leggero e avrebbe generato lo stesso effetto. Naturalmente la mia è un'affermazione provocatoria, solo una battuta".

Fulvio Papi ad Affari: non sanno fare politica e usano le mani

Salvatore Natoli ad Affari: l'aggressione? Negazione della politica

Silvio colpito, la condanna del filosofo Emanuele Severino: "Sono disgustato certe cose non dovrebbero accadere. La filosofia deve insegnare il metodo, in questo caso spiegare che la politica si combatte con la politica. Deve aprire la strada alla tecnica, cioè mostrare che non esiste alcun limite nell’agire dell’uomo, e questi limiti sono ancora una volta Dio e la tradizione filosofica occidentale. Deve aiutare la nostra epoca a vivere nel presente valutando la necessità di un passato che è passato nel rispetto del senso stesso della vita e del rispetto dei diritti di individui che si adattano a un tale superamento"

Una provocazione forte...
"Gliela ribalto. Deve essere proprio fesso il signor Tartaglia. Un gesto simile nel momento in cui Berlusconi ha tutti i vantaggi dell'essere vittima. Infatti si sono mobilitati tutti per lui".

Non teme che questi atteggiamenti possano riproporre uno schema già visto, quello degli anni Settanta, quando da qualche cattedra sono partiti percorsi di odio e di morte?
"Ma no. Quale odio. Credo che in Italia la gente sia fin troppo tollerante. E gli italiani fin troppo pecoroni. Non mi auguro che il nostro diventi un popolo di tiratori di statuine naturalmente, ma vorrei che si muovesse di più dal punto di vista politico. Non c'è rabbia, solo rassegnazione. Nessuno odia nessuno, ma tutti cercano di arruffianarsi i potenti. A parte qualche pazzo. E poi gli anni Settanta erano chiusi, ancora più chiusi di oggi. Noi qualche programma di sfogo ce l'abbiamo, AnnoZero"

Ma il ruolo degli intellettuali non è forse quello di spiegare che certe cose non vanno fatte e che l'opposizione non si fa con la violenza?
"Il ruolo degli intellettuali è quello di farsi sentire, ma anche loro sono stanchi. In Italia c'è anche il problema dei media che sono o di proprietà di Berlusconi o di persone che non vogliono esagerare. Esistono poche voci contro il premier. Lo ribadisco, un'anomala chiusura che produce anomale reazioni".

Come l'aggressione di Tartaglia...
"Dicono che sia un pazzo. In cura da dieci anni. Ma quanta gente è in cura... Chi può dire se davvero è un malato di mente o è un esasperato?"

Ma allora qual è il limite all'antagonismo?
"E' la costituzione, se Berlusconi si facesse processare nessuno gli tirerebbe più le statuette. Il clima civile c'è se si segue la giustizia. Ora la saluto, - sospira, poi sorride - spero di non andare in galera... ma per fortuna ho l'immunità parlamentare"

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA