A- A+
Cura di sé
Salute, burro alla riscossa: è sano, buono e naturale
Il burro? Un alimento prezioso per l'organismo. Digeribile, utile per la crescita, ma soprattutto buonissimo, fondamentale nella dieta mediterranea. È il parere di nutrizionisti, studiosi, esperti di cucina e chef stellati che, anche sulla scorta degli studi apparsi negli ultimi mesi sulle più autorevoli testate internazionali, nell'anno di Expo 2015 ne decretano la definitiva riabilitazione dopo mezzo secolo di considerazioni infondate, pregiudizi e luoghi comuni.
 
"Il burro è più che mai parte della dieta mediterranea, spiega Pierluigi Rossi, medico specialista in Scienza dell'Alimentazione, Ottenuto dal latte di vacca, porta nel nome stesso la sua origine mediterranea: deriva infatti dal greco βουτυρος, che significa formaggio bovino. Il burro è un'emulsione di acqua e molecole lipidiche. È un alimento naturale il cui carattere nutrizionale lo rende ben tollerato anche da chi soffre di allergie alimentari".
 
Ma le qualità del burro sono molteplici. "È un alimento ben digeribile, con pochissimo lattosio e ricco di vitamine importanti, (A, E, K). - prosegue Rossi - Tra l'altro, è uno dei pochi alimenti a contenere la vitamina D, oggi definita un ormone per la sua azione uguale agli ormoni steroidei. La vitamina-ormone D agisce sull'integrità delle ossa, e la più innovativa ricerca scientifica ha evidenziato il suo ruolo guida sul sistema immunitario".
 
"Gli acidi grassi (tra cui omega 3 e Omega 6) contenuti nel burro miscelati fra loro contribuiscono alla crescita e al rinnovo continuo delle cellule degli organismi viventi. Il burro è quindi un alimento vitale, adatto a un organismo in rapida crescita, come un bambino o un adolescente, oltre a fornire un aiuto indispensabile ai muscoli in chi svolge attività fisica. Gli acidi grassi saturi - conclude Rossi - sono utilizzati per produrre energia e mantenere costante la temperatura corporea". 
 
Dal punto di vista nutrizionale, una porzione di 10 grammi di burro fornisce meno calorie rispetto alla stessa dose di olio extra vergine di oliva: 75 calorie il burro, 90 calorie olio. Il motivo? Il burro, essendo un'emulsione, contiene circa il 15% di acqua, mentre nell'olio non c'è acqua, ma solo grassi. 
 
In quest'ultimo anno si è assistito a un vero e proprio processo di revisionismo nei confronti del burro. Merito di una serie di studi scientifici pubblicati negli Stati Uniti a partire dal 2014, che hanno mostrato le scarse basi della cosiddetta teoria lipidica che ha portato alla demonizzazione dei grassi tradizionali causa a suo dire di ogni malanno, dall'obesità infantile all'infarto alle malattie cardio-vascolari.
 
Il punto di svolta è stata la pubblicazione e il successo di The Big Fat Surprise, il libro con cui la giornalista Nina Teicholz, attraverso un lavoro durato 9 anni, ha mostrato come a partire dall'inizio degli anni '60 la comunità scientifica americana abbia demonizzato i grassi animali e di come questa visione sia stata utilizzata dalla grande industria americana del food per promuovere il ricorso a grassi di origine vegetale.
 
manifesto burro
 
Un clamore che ha raggiunto il suo apice con la copertina del settimanale Time, che nel giugno dello scorso anno titolava Eat Butter, accompagnandolo da un sottotitolo eloquente: gli scienziati avevano etichettato il burro come nemico. Perché si sbagliavano.
 
"Dopo decenni di pregiudizi e luoghi comuni, finalmente la scienza ha detto la verità sul burro, spiega Roberto Brazzale, a capo dell'azienda casearia più antica d'Italia. Anni di disinformazione hanno privato i consumatori di una meraviglia della tavola, preziosa per l'organismo. Oggi, le nuove ricerche ne sottolineano il ruolo fondamentale in una dieta sana. Festeggiamo questa splendida riconquista e ritorniamo a goderne in modo pieno, distinguendo dei suoi pregi, caratteristiche, unicità. Una grande fonte di piacere e benessere per tutti".
 
Che il burro sia tornato ad essere parte integrante della cucina italiana e internazionale non è certo una scoperta degli ultimi mesi. Si pensi al recente "affaire" del pesto alla genovese sollevato da Davide Oldani che ha spiegato come la preparazione del pesto necessiti dell'uso del burro. Una consuetudine che è andata perdendosi ma che trova ampio riscontro in gran parte delle ricette tradizionali del pesto. 
 
La scomparsa di questa sorta di "complesso del burro" la si trova, ad esempio, nell'ingresso trionfale nell'alta cucina della cotoletta alla milanese che trova nella versione di Davide Scabin la sua espressione più riuscita. Scabin non fa mistero che per friggere la sua cotoletta di filetto di fassona necessita di 150/200 etti di burro a porzione. Lo stesso accade al sud, si pensi all'ampio utilizzo di burro che non nasconde di fare nella sua cucina la napoletana Marianna Vitale, eletta dalla Guida dell'Espresso cuoca dell'anno 2015.
 
Oggi, il burro torna protagonista sulle tavole di tutto il mondo, mentre il Gruppo Brazzale lancia quello che ha l'ambizione di diventare il miglior burro sul mercato italiano, il Burro Fratelli Brazzale, realizzato con freschissima panna di centrifuga e zangolato entro 24 ore dalla mungitura.
Tags:
saluteburrodietamediterranea

in vetrina
Lavazza, Crozza canta e balla in Paradiso per Natale. FOTO e VIDEO

Lavazza, Crozza canta e balla in Paradiso per Natale. FOTO e VIDEO

i più visti
in evidenza
Oldani, lo chef sbarca su Rai 1 Ecco 'Alle Origini della Bontà'

Spettacoli

Oldani, lo chef sbarca su Rai 1
Ecco 'Alle Origini della Bontà'

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La 124 Abarth protagonista nel nuovo video clip di Sting e Shaggy

La 124 Abarth protagonista nel nuovo video clip di Sting e Shaggy

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.