A- A+
Home
Dietro al no all’aborto in Argentina la Chiesa Cattolica e quella Evangelica.

Il Governo dell’Argentina, il gigante che ha dato i natali a Papa Francesco e dove ogni minuto e mezzo una donna ricorre all’aborto, ha detto no sul delicato tema dell’aborto. Si è deciso di non dare nessuna libertà alle donne di decidere sul proprio corpo in merito alla maternità.

Il Senato, dopo oltre 16 ore di Consiglio, ha rigettato per 38 voti contro 31 la legge sulla legalizzazione dell’aborto. Legge che era sorprendentemente passata vittoriosa alla Camera.

Argentina dice no all'aborto legale. Il Senato Conservatore blocca la modernità.

Nonostante il dibattito nel Paese fosse stato molto contrastato con i gruppi favorevoli, i verdi ( dal colore degli impermeabili che vestivano), e gli azzurri, i contrari, più volte siano venuti a scontri non solo verbali, l’influenza religiosa ha fatto sentire, ancora una volta, il proprio peso nella decisione.

E così l’interruzione di gravidanza in Argentina è rimasta ancorata ad una legge che risale a quasi cento anni fa ( una legge del 1921) che punisce l’aborto con quattro anni di carcere. 

Uniche eccezioni : quando viene riscontrata violenza certa e quando vi è pericolo di vita per la madre e il bambino.

 

Nonostante la visione liberale del Presidente Mauricio Macrì che aveva fortemente promosso la nuova legge, i gruppi conservatori guidati da Cambiemos ( curioso nome per un partito che vota contro la modernità) hanno fatto pesare i loro voti e bloccato la legge.

Argentina dice no all'aborto legale. La Chiesa dietro questa decisione del Senato

 

In realtà la causa di questo risultato, disastroso per l’apertura sociale e la modernità, nasce soprattutto dalla pesantissima influenza della Chiesa Cattolica e di quella Evangelica sui votanti. Non è stato un caso infatti che nella loro campagna a favore dello stop alla legge proaborto molti senatori abbiano fatto riferimento sia alla credenze religiose che alla necessità morale di salvare la vita della madre e del feto.

La vittoria alla Camera, molto più aperta al cambiamento, è stata soltanto una pia illusione per i tanti a favore, perché alla fine un Senato molto più chiuso al cambiamento, l’ha fatta fallire.

E la sintesi delle motivazioni sta tutta nelle parole del portavoce degli antiabortisti, Esteban Bullrich, già Ministro dell’Educazione : ‘ L’aborto rimane sempre un fatto drammatico anche se venisse fatto regolarmente in un ospedale. Il feto ha diritti costituzionali dal momento in cui viene concepito. L’obiettivo che abbiamo quindi raggiunto è di non ufficializzare questo atto drammatico con una legge e soprattutto, per il futuro, che in Argentina nn si facciano più aborti’.

 

 

 

 

Tags:
argentinaaborto argentina scontrichiesa cattolica

in evidenza
Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

Cronache

Quando finisce il caldo anomalo
Pronta l'irruzione di aria fredda

i più visti
in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.