A- A+
Dottori
Intervista al Dott. Bellesi

Oggi abbiamo incontrato il Dottor Paolo Bellesi, Urologo e Andrologo, per scoprire alcune curiosità sul suo percorso professionale e approfondire il suo punto di vista su alcuni temi di attualità legati alla Sanità.

 

1) Come mai ha scelto di fare il medico?
Volevo fare Ingegneria o Fisica, poi ho scelto Medicina perchè avevo diverse curiosità legate allo studio del corpo umano, e, soprattutto, mi piaceva una professione che desse la possibilità di avere un costante contatto umano con le persone e la chirurgia lo crea trovando spesso il paziente anche più fragile.


2) Perché proprio le specializzazioni in Urologia e Andrologia?
Non ho avuto fin da subito una vocazione specifica, volevo fare il chirurgo in una branca specialistica e dopo vari dubbi ho scelto l’Urologia e l’Andrologia, perché mi affascinava l’innovazione continua di queste branche, che in altre è meno presente.

 

3) Come è cambiata la sua professione grazie all’avanzamento tecnologico in medicina?
Come detto prima, le specializzazioni che ho scelto sono strettamente legate agli avanzamenti tecnologici. La litotripsia per i calcoli, l’endoscopia per tante patologie, il laser e la robotica sono solo alcune dimostrazioni di come la tecnologia abbia cambiato l’approccio terapeutico, senza dimenticare tutte le tecniche diagnostiche che si sono ampliate negli anni, come TAC, RMN, ecografie 3D, biopsie, citologie, Fish, esami urodinamici, esami ematici e molto altro.

 

4) Vivere in un mondo sempre connesso ad internet ha modificato, e se si come, il suo modo di rapportarsi con i pazienti?
Da sempre cerco di approcciarmi ai pazienti in modo da capire le loro esigenze e di essere sempre più chiaro e trasparente nelle risposte. Sicuramente internet ha cambiato radicalmente il modo in cui i pazienti si approcciano a noi specialisti, soprattutto in alcune fasce di età. Resta però a noi il compito di chiarire i punti che i pazienti credono di aver capito ma che hanno frainteso o hanno poco approfondito.

 

5) Internet ha modificato il modo in cui i pazienti affrontano la malattia? Si sente messo in competizione con il “Dottor Google”?
Quello che volevo far capire prima, è proprio che spetta a noi specialisti vivere questo rapporto in modo non competitivo ma complementare, aiutando a chiarire e spiegando ciò che a volte è appreso in maniera superficiale, e io spero di riuscire in questo compito.

 

6) Secondo lei sanità pubblica e privata come potrebbero integrarsi in futuro per fornire al cittadino un servizio migliore?
Purtroppo mi trovo in una Regione che ha messo queste due realtà in competizione, io, invece, credo che una collaborazione per incoraggiare alcune fasce di persone a ricorrere alla sanità privata, gioverebbe e sarebbe economicamente vantaggiosa anche per la sanità pubblica.

 

7) Lei come Urologo e Andrologo si è mai imbattuto in una particolare leggenda metropolitana che vorrebbe smentire?
Sì, ne ho sentite diverse nella mia carriera, dal sesso visto come un nemico della salute della prostata, al cibo interpretato sempre in modo personalistico, fino allo stile di vita seguito come moda ma che non soddisfa le reali esigenze del singolo soggetto.

 

8) Per concludere, ci racconti un aneddoto interessante che le è capitato nella sua carriera
Di aneddoti ne ho tanti, l’età elevata di alcuni miei pazienti spesso gioca a favore di errori clamorosi, ad esempio un signore una volta mi portò a studio la moglie, con la pretesa che operassi anche lei di prostata dato che dopo l’intervento la sua minzione era di molto migliorata.

Per quanto riguarda le patologie con cui mi scontro più di frequente, forse l’ipertrofia prostatica è quella su cui sono più esperto e che riesco a valutare a 360°, anche grazie alle moderne attrezzature che ho a disposizione nel mio studio, che mi permettono di eseguire diversi esami, come ecografie pubiche e transrettali, flussimetrie ed endoscopie.

 

Il Dott. Paolo Bellesi riceve nei suoi studi di Firenze e Scandicci, per maggiori informazioni o per prenotare un appuntamento potete visitare il suo profilo:

Visita il profilo

Tags:
intervistadottoreandrologourologointernetnuove tecnologiecomunicazione digitaleprivatizzazionepazientimedicinasanità pubblicasanità privataprostataecografia transrettaleuomoragazzomaschileapparato genitale

in vetrina
Grande Fratello Vip 3, Lory Del Santo nella Casa? Le parole di Scheri

Grande Fratello Vip 3, Lory Del Santo nella Casa? Le parole di Scheri

i più visti
in evidenza
"Mai amato Silvia Provvedi" Su Belen e Moric rivela che...

FABRIZIO CORONA CHOC

"Mai amato Silvia Provvedi"
Su Belen e Moric rivela che...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.