A- A+
Home
Earth Day 2016, Mons. Bregantini: ‘Sposi affettuosi del creato e non amanti predatori’

Earth Day - Giornata della Terra è il giorno in cui si celebra l’ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra. Un appuntamento fissato dalle Nazioni Unite il il 22 aprile di ogni anno sin dal 1970.

Al tema della “Salvaguardia del Creato” è da tempo dedicata l’azione pastorale “larga” dell’Arcivescovo di Campobasso-Boiano, S. E. Mons. Giancarlo Maria Bregantini, già vescovo di Locri e presidente della Commissione C.E.I. problemi sociali e lavoro, giustizia e pace e salvaguardia del creato. E’ stato docente a Bari  nello Studentato interreligioso pugliese, nonché parroco di San Cataldo e cappellano del CTO. Ispiratore e in buona parte estensore delle encicliche papali “Caritas in veritate” di Benedetto XVI e “Laudato Si’” di Francesco. Attualmente è membro della Commissione Pontificia per il clero e la vita consacrata.

Bregantini 1160x775
 

“Riscoprire il fascino delle parole e la suggestione del linguaggio della natura”, è l’invito accorato che Mons. Bregantini ripete come un rosario, per perseguire: “il recupero del senso biblico del giardino. Per diventarne sposi affettuosi e non amanti predatori”. Ritrovare il tempo per contemplare, per riflettere e per consentire il radicarsi di una consapevolezza più responsabile. In altre parole, riscoprire il ruolo prezioso del giardiniere nella cura amorevole del Creato: il più globale dei beni comuni. Per salvarlo, esercitando la nostra funzione di “curatori temporanei”, nell’interesse dei nostri figli e in quello dei figli dei nostri figli.

Bregantini BenedettoXVI
 

Tra le esortazioni meglio articolate da Benedetto XVI nella sua enciclica “Caritas in veritate”, ricorda l’Arcivescovo di origini trentine, c’è: “L’assunzione del dovere di rendere conto a chi condivide con noi il mondo”. Che diventa impegno concreto per il “bene comune dei popoli”. Il sentiero sul quale avanzare per ridare, da cristiani, un senso alla politica e all’economia.

Earth Day 2016 900x506
 

Ha incrociato, questo percorso - sin dai primi passi - il bastone di Serge Latouche, il “Pellegrino della Decrescita”. Lungo il cammino del progetto sulla capacità di riuscire a rallentare la corsa sfrenata al consumo, agli sprechi e all’ossessione della crescita all’insegna del Pil. Una pratica per tornare ad incastrare l’economia nel sociale, in cui il rispetto del prossimo, il recupero della sobrietà e i sentimenti di solidarietà tornino ad avere la meglio sul consumo a prescindere, sui beni economici e sull’aridità dei valori etici.

Bregantini Francesco
 

Da qui il sostegno al pastorale papale di Francesco nell’enciclica ‘universale’, per una ‘coscienza universale’. Un’enciclica che come lo stesso Mons. Bregantini sottolinea: “Affronta sistematicamente tutti i problemi della salvaguardia del pianeta, tenendo presente questi assi portanti: ”l’intima relazione tra i poveri e la fragilità del pianeta; la convinzione che tutto nel mondo è intimamente connesso; la critica al nuovo paradigma e alle forme di potere che derivano dalla tecnologia; l’invito a cercare altri modi di intendere l’economia e il progresso; il valore proprio di ogni creatura; il senso umano dell’ecologia; la necessità di dibattiti sinceri e onesti; la grave responsabilità della politica internazionale e locale; la cultura dello scarto e la proposta di un nuovo stile di vita“.

tremiti1
 

Atmosfera in polluzione e surriscaldamento da CO2 incontenibile, mari avvelenati, colline e sottosuoli intossicati, etere sovraffollato, sono le spie in perenne e allarmante “rosso fisso” sul quadro di controllo del pianeta. Sul come reagire a tanto squallore l’indicazione, da navigato formatore di Mons. Bregantini, è di una dolcezza rivoluzionaria: “Lasciarsi travolgere di più dalla bellezza. L’antidoto più efficace alla pericolosa fragilità culturale delle nuove generazioni”.

"Youth - La giovinezza": la speranza a cui riservare le nostre attenzioni. Magari imparando a somministrare il prezioso antidoto con un insegnamento paziente e uno stimolo costante: “a valorizzare i colori che ognuno si porta dentro”. Per leggere, ad esempio, l’arcobaleno come “un segno di pace tra Dio e l’uomo, tra Cielo e Terra o tra natura e cultura”. Infine, ha esortato tutti a coltivare l’attenzione quotidiana “alla Marginalità, che nella sua Tipicità, trova forza nella Reciprocità. Per riproporre, in una moderna declinazione della Trinità, l’eterno amore di Dio per l’uomo”.  

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
earthdayterrabregantinisposiamanticreatolatouchefrancescobenedetto xvi

in vetrina
Inverno 2019, prime indicazioni: gelo e neve da record. Meteo inverno 2019

Inverno 2019, prime indicazioni: gelo e neve da record. Meteo inverno 2019

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Donald Trump visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Donald Trump visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
FCA e Atlantia: accordo per Telepass integrato sulle Jeep

FCA e Atlantia: accordo per Telepass integrato sulle Jeep

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.