A- A+
Economia
Amazon accelera sull'alimentare. Così ruba Deliveroo a Uber Eats

Amazon tira il fiato a Wall Street, dopo tre giorni di continui rialzi e la notizia che il gruppo ha guidato un nuovo round di investimenti da 575 milioni di dollari nella britannica Deliveroo, il cui servizio è ormai presente in oltre 500 città in tutto il mondo. Round a cui hanno peraltro preso parte anche gli attuali azionisti della startup di food delivery, ossia T. Rowe Price, Fidelity Management and Research Company e Greenoaks. Se per questi ultimi l’investimento è effettuato con un’ottica da private equity, in vista di una ricca exit tra qualche anno, per Amazon la mossa sembra avere una maggiore valenza strategica.

Da tempo infatti il gruppo di Jeff Bezos (che dopo qualche scivolone in borsa capitalizza poco meno di 940 miliardi di dollari) sta puntando sul settore del “fresco”, avendo rilevato nell’agosto del 2017 la catena statunitense di supermercati bio Whole Foods per 13,7 miliardi di dollari e potenziato il servizio Prime Now che già oggi porta a casa la spesa in tempi rapidi. Una scommessa coerente con una strategia tesa sempre più a integrare le attività online con quelle fisiche “su strada”, che non è sola di Amazon ma di molti gruppi di e-commerce e che segna una netta inversione rispetto alla tendenza ad andare “solo online” prevalente fino a pochi anni fa.

Intendiamoci: ad Amazon i negozi e supermercati “classici” con decine di addetti per punto vendita non interessano in sé e per sé. Semmai interessano come punti vendita fisici, distributori in cui introdurre, ad esempio, gli Amazon Lockers (ossia quei grandi armadi gialli spuntati come funghi anche presso le principali catene di supermarket italiani che fungono da punto di ritiro self-service per gli acquisti effettuati su Amazon). Proprio il maggior utilizzo di questi ultimi ha portato nel primo trimestre dell’anno ad un incremento del traffico presso i punti vendita Whole Foods, traffico trainato dal +10% messo a segno dalle “microvisite”.

Queste ultime sono visite di durata non superiore ai 5 minuti e di solito sono tipiche di chi in negozio va (quasi) solo per ritirare le merci ordinate online ed in attesa negli armadi gialli di Bezos. Perché è così importante per Bezos unire una presenza “fisica” (che ha già scatenato una reazione da parte di gruppi come Wal-Mart) a quella online? Perché pur crescendo a due cifre decimali su base annua (+23,1% negli Usa lo scorso anno) le vendite di generi alimentari online, dove Amazon è leader indiscusso col 62,5% del giro d’affari complessivo, rappresentano ancora solo il 2,2% del fatturato del settore (quest’anno dovrebbero salire al 2,9%).

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    amazonfoodorawhole foodsjeff bezosberkshire hathawaywarren buffett
    i più visti
    in evidenza
    Icardi, Wanda Nara spiazza tutti 'Magari qualcuno all'Inter gli ha...'

    Maurito, rivelazioni a Tiki Taka

    Icardi, Wanda Nara spiazza tutti
    'Magari qualcuno all'Inter gli ha...'


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Porsche Taycan: la rivoluzione comincia dagli interni

    Nuova Porsche Taycan: la rivoluzione comincia dagli interni

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.