A- A+
Economia
Amazon fa 11 miliardi di profitti. Ma nel 2018 ha pagato zero tasse negli Usa

Amazon: zero tasse nel 2018, e' polemica sulla riforma Trump 

Nell'anno fiscale 2018 Amazon ha registrato quasi 11 miliardi di dollari di profitti, circa il doppio dell'anno precedente, il miglior risultato di sempre per la societa' fondata e diretta da Jeff Bezos; e nonostante cio' non paghera' nulla di tasse; anzi, vanta un piccolo ma significativo credito fiscale. Come questo sia potuto accadere sta facendo molto discutere negli Stati Uniti. In un comunicato, Amazon ha replicato spiegando di pagare tutte le tasse dovute" nei paesi in cui opera, e ricordando che le tasse si pagano sui profitti non sugli incassi e i profitti di Amazon sarebbero ancora "modesti" a causa della competizione nel settore commerciale, dei piccoli margini del settore e dei pesanti investimenti. Una replica che non ha convinto tutti e che anzi apre pesanti interrogativi sulle falle del sistema fiscale americano e sulla riforma voluta dal presidente Trump e approvata dal Congresso nel 2017. Bernie Sanders, che si e' appena nuovamente candidato per la Casa Bianca per i Democratici, su Twitter ha scritto: "E' ora di cancellare tutti i regali che Trump ha fatto alle grandi corporation e al ricco 1 per cento della popolazione, e ricostruire la classe media". Insomma, se ne parla parecchio.    La notizia del "paradosso fiscale" di Amazon e' stata pubblicata il 13 febbraio sul blog JustTaxes, dell'Istituto sulle tasse e la politica economica. Nel post dell'analista finanziario Matthew Gardner, frutto della lettura dei documenti ufficiali della societa' depositati alla Consob americana (la SEC), si evidenziano alcune cose sorprendenti. La prima e' il grande risultato ottenuto nel 2018 da Amazon, che mai prima aveva registrato profitti a doppia cifra (10,8 miliardi di dollari): eranostati 5,6 miliardi di dollari nel 2017 (e anche allora, zero dollari di tasse); 4,5 nel 2016 e 2,0 nel 2015. Negli anni precedenti Amazon aveva sempre chiuso sotto il miliardo di dollari di profitti perche' nonostante il fatturato in forte aumento, aveva scelto di reinvestire quasi tutto. Una scelta che si sposa con il mantra del fondatore per cui ogni anno per Amazon va vissuto come se fosse il primo anno di vita di una startup. La seconda sorpresa viene da una analisi decennale: nonostante gli investimenti, tra il 2009 e il 2018 Amazon ha comunque registrato 27 miliardi di profitti sui quali ha pagato un miliardo di tasse. Una aliquota reale del 3 per cento.

Tutto cio' accade rispettando le norme fiscali americane. E nonostante gli obiettivi preposti della riforma voluta da Trump e che il Congresso ha approvato con il Tax Cuts and Jobs Act del 2017 che ha ridotto l'aliquota per le societa' dal 35 al 21 per cento proprio per incentivare le grandi corporation a versare al fisco il dovuto. Che nel caso di Amazon, per il 2018, sarebbe dovuto essere due miliardi e 268 milioni di dollari mentre invece ha chiuso con un credito di imposta di 129 milioni di dollari.    La cosa non riguarda solo Amazon, va detto. Qualche giorno fa sono stati resi noti i conti di Netflix: la societa' di Reed Hastings, che in qualche caso produce e sempre distribuisce online film e serie tv (e che e' in corsa per gli Oscar con il film Roma), ha chiuso il 2018 con 845 milioni di dollari di profitti per i quali non paghera' tasse. Sara' interessante vedere fra qualche giorno cosa accadra' agli altri colossi della Silicon Valley, per capire se e come hanno approfittato delle falle nel sistema fiscale americano. Intanto pero' vale la pena di spiegare meglio "il metodo Amazon". Sempre Bernie Sanders, nel tweet citato, ha calcolato che i profitti sommati di Amazon, Netflix, General Motors e Goodyear, ammontano a 24,5 miliardi di dollari e che le tasse incassate dagli Stati Uniti su questa somma sono zero dollari.    Secondo molti analisti, dire che Amazon non paghi tasse e' fuorviante. In particolare Tyler Cowen, blogger di Marginal Revolution, "la principale ragione per cui Amazon non paga imposte societarie e' perche' reinveste i suoi profitti"; in realta' "Amazon paga moltissimo se consideriamo le imposte sugli stipendi dei dipendenti, e quelle locali". Stephanie Denning su Forbes ha rivelato che il complesso delle altre imposte che Amazon ha pagato nel 2018 e' di un miliardo e 180 milioni di dollari.    Resta il fatto che la societa' di Bezos riesce a non pagare tasse sui quasi 11 miliardi di dollari di profitti. E questo e' possibile per tre ragioni. La prima e' l'ammontare degli investimenti in ricerca e sviluppo, che sono deducibili dal calcolo del reddito per le imposte: non ci sono ancora dati del 2018, ma nel 2017 Amazon ha investito 22,2 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo, piu' di qualunque altra societa' americana (Alphabet, la holding di Google, si e' fermata a 16,6 miliardi di dollari). La seconda ragione ha a che fare con gli investimenti in terreni, fabbriche e macchinari (quello che in Italia chiamiamo Industria 4.0 per cui esistono forti incentivi; negli Usa dopo la "riforma Trump" queste spese sono deducibili al 100 per cento). 

Da cinque anni questa voce per Amazon e' in forte crescita e nel 2018 si e' attestata attorno ai 60 miliardi di dollari. La terza ragione riguarda le stock option, ovvero la pratica (molto diffusa in Silicon Valley) per la quale molti dipendenti, invece di essere gratificati monetariamente ricevono dei pacchetti di azioni della societa'.    Questa politica di incentivi ha un effetto fiscale importante, perche' le stock option sono deducibili e l'ammontare della deducibilita' e' legato al valore delle azioni. Vuol dire che meglio vanno le azioni di una societa', e piu' grande sara' il vantaggio fiscale per la medesima. Nel caso di Amazon, il 2018 in Borsa e' stato un anno eccezionale (da 1229 dollari per azione a 1575): e l'aumento del valore delle azioni ha consentito di abbattere il reddito imponibile di un altro miliardo e cento milioni di dollari.    In sintesi, Amazon non paga imposte federali perche' investe in ricerca in sviluppo, investe in fabbriche e macchinari e retribuisce i dipendenti anche con le azioni della societa'. Tre buone pratiche che hanno pero' un effetto surreale. Come ha commentato l'agenzia finanziaria Bloomberg, "il piu' grande vincitore dell'Era di Trump" e' il suo acerrimo rivale Jeff Bezos.    Nonostante il presidente lo abbia attaccato e ridicolizzato a piu' riprese (anche per rispondere alle inchieste giornalistiche del Washington Post, che Bezos ha comprato nel 2013), chiamandolo "Jeff Bozo" e minacciandolo di far partire una procedura antitrust, da quando Trump e' arrivato alla Casa Bianca, Bezos e' diventato l'uomo piu' ricco del mondo con un patrimonio valutato 135 miliardi di dollari.    Ma il caso fiscale non sembra destinato a finire qui. Come dimostra la grande polemica che c'e' stata nei giorni scorsi per gli incentivi fiscali (tre miliardi di dollari) che la citta' di New York aveva deciso di garantire ad Amazon in cambio dell'apertura di una seconda sede, dopo quella di Seattle. Infatti la campagna sollevata dalla giovane deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez ha indotto Amazon ha ritirare la candidatura. 

Commenti
    Tags:
    amazontasseamazon profitti
    i più visti
    in evidenza
    Grande Fratello 16, doppia bomba Due ingressi clamorosi in Casa

    News e gallery

    Grande Fratello 16, doppia bomba
    Due ingressi clamorosi in Casa


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz Sprinter: con la giusta (at)trazione

    Mercedes-Benz Sprinter: con la giusta (at)trazione

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.