A- A+
Economia
Assemblea Tim, Elliott vota per Genish, in Francia Bolloré fermato

Occhi puntati sull'assemblea degli azionisti Telecom Italia (Tim), che dopo l'approvazione del ricorso contro l'integrazione dell'ordine del giorno delibera unicamente sul bilancio 2017 dell'ex monopolista telefonico italiano, rinviando lo scontro sulla composizione del futuro Cda all'assemblea in calendario per il prossimo 4 maggio, ma il colpo di scena arriva al di fuori dell'assise.

Il finanziere francese Vincent Bolloré, cui fa capo il controllo di Vivendi, socia al 23,94% di Tim, è infatti stato fermato ("garde à vue") assieme al  anche il direttore generale del gruppo Bolloré, Gilles Alix, e al responsabile del polo internazionale di Havas, Jean Philippe Dorent, per essere poi sottoposto a interrogatorio dalla polizia giudiziaria di Nanterre (del dipartimento degli Hauts-de-Seine, alle porte di Parigi) in relazione ad una vicenda di  corruzione di funzionari pubblici africani. Un atto che dimostra come il finanziere abbia ormai visto sfiorire ogni rapporto con l'Eliseo.

Tutto parte da un'indagine, aperta nel luglio 2012, sulle concessioni ottenute nel 2010 da Havas (controllata della famiglia Bolloré che lo scorso anno si è fusa con Vivendi) per la gestione dei terminal per navi container nei porti di Conakry, in Guinea e di Lomé, in Togo, un business da 360 milioni di euro di fatturato solo lo scorso anno. Il sospetto è che Havas abbia fornito consulenze e consigli per sostenere l'arrivo al potere di alcuni dirigenti in cambio delle concessioni sui porti.

Per la stessa vicenda già nel 2016 era stata perquisita la sede del gruppo Bolloré Africa Logistics. Immediata la smentita di qualsivoglia "irregolarità" da parte del gruppo Bolloré, che si dice certo che l'audizione odierna del finanziere permetterà "di chiarire in modo utile alla giustizia" questioni "già oggetto di una expertise indipendente che ha concluso la perfetta regolarità delle operazioni".

Intanto però il titolo Vivendi a Parigi perde circa l'1%, mentre a Milano Telecom Italia perde oltre il 2,5% dopo la ratifica (presente in assemblea il 56% del capitale, dato che fonti di mercato prevedono possa essere superato il prossimo 4 maggio) della nomina a Ceo di Amos Genish. Dopo i la polemica tra Vivendi ed Elliott che secondo il vicepresidente Franco Bernabé ha toccato "toni eccessivi e poco consoni allo standing della nostra società", tutti i soci "in particolare quelli portatori di significativi interessi", auspica lo stesso Bernabè, dovrebbero avviare "una dialettica costruttiva".

Anche perché continuare a litigare comporterebbe il rischio di generare "gravi pregiudizi" per l'azienda, quando invece occorrerebbe "favorire la crescita della società". Bernabè, che pur essendo stato inserito nella lista di Vivendi in vista del rinnovo del Cda per un nuovo triennio tiene a precisare di "non tenere le parti di nessuno e agire negli interessi di tutti i soci" ha invitato così i soci a "guardare avanti, alle cose da fare e alle decisioni da assumere non a quelle che non vanno fatte".

Tra queste, ha sottolineato poi Genish, vi è il piano Digitim 2018-2020, pensato per stare al passo "coi grandi cambiamenti in atto nel settore delle tlc". "Lavoriamo assieme con tutti, questo è il mio auspicio per gli anni a venire" ha aggiunto il manager tra gli applausi dell'assemblea, ribadendo la sua fiducia nel progetto Netco, ossia nella societarizzazione della rete d'accesso di cui tuttavia Tim manterrebbe il controllo per assicurare "la sostenibilità nel lungo termine ai nostri investimenti nelle infrastrutture". Ipotesi che non collima necessariamente con l'interesse di Cdp, che in un logica di lungo periodo potrebbe voler favorire la convergenza tra la rete Tim e quella di Open Fiber.

La nomina del manager israeliano raccoglie peraltro anche i voti favorevoli di Elliott, ufficialmente per evitare "incertezze e discontinuità per l'azienda e il mercato". "Siamo molto ottimisti sulle sue opportunità di crescita e di creazione di valore nei prossimi anni con l'attuale management guidato dall'amministratore delegato Amos Genish, al quale va la nostra fiducia" ha sottolineato Giorgio Furlani, responsabile europeo di Elliott, pur ribadendo come a suo avviso Tim sia stata "fortemente penalizzata nel recente passato da una governance inadeguata" e pertanto necessiti "di un deciso cambio di rotta, sotto questo punto di vista".

Un cambio di rotta che forse il passo indietro di Vincent Bolloré, che negli scorsi giorni aveva già lasciato al figlio secondogenito (ed erede designato), Yannik, la presidenza del consiglio di sorveglianza di Vivendi, potrebbe accelerare, così come la disponibilità di Elliott a conservare intatta la squadra manageriale. Un punto importante per Genish, che nel precisare che la separazione della rete potrebbe essere completata in 12-18 mesi si è detto pronto a continuare il suo mandato a patto che gli sia confermata la "piena fiducia" da parte dell'azienda "anche nei mesi a venire".

Dopo tutte le polemiche, il 4 maggio si vota: dalla lista che otterrà la maggioranza dei consensi saranno scelti, come da statuto, 10 dei 15 consiglieri, gli altri 5 andando alla lista che arriverà seconda.  Per determinare il nome dei consiglieri eletti lo statuto di Telecom Italia prevede il cosiddetto "metodo dei quozienti": in sostanza si procede a creare una graduatoria unica, dividendo il numero dei voti di lista per il numero corrispondente al posizionamento di ciascun candidato nella rispettiva lista.

Visto che sia Vivendi sia Elliott hanno presentato liste di 10 nomi ciascuna e che, sicuri di essere nel Cda sono già ora Genish, De Puyfontaine, Bernabé, Marella Moretti e Fredric Crespin per Vivendi, Fulvio Conti, Alfredo Altavilla, Massimo Ferrari, Paola Giannotti de Ponti e Luigi Gubitosi per Elliott. Sugli ultimi cinque nomi si dovrebbe andare alla conta, ma non è detto che i due litiganti non trovino il modo di fare pace, ipotesi che spiegherebbe perché oggi il titolo, a fronte di un appeal speculativo in calo, abbia perso decisamente più del mercato (e di Vivendi stessa)

 

Tags:
vincent bollorévivenditelecom italiatimamos genishelliottfranco bernabè

in vetrina
Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

i più visti
in evidenza
"Mio figlio si è tolto la vita Vorrei il GF Vip come terapia"

LORY DEL SANTO CHOC

"Mio figlio si è tolto la vita
Vorrei il GF Vip come terapia"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Fiat 500L S-Design, dedicata a un pubblico giovane e metropolitano

Fiat 500L S-Design, dedicata a un pubblico giovane e metropolitano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.