A- A+
Economia
Aston Martin, tesoretto miliardario. Flos e Sergio Rossi: i dossier di Bonomi

Aston Martin sbarcherà sul listino di Londra? Se ne parla ormai dalla scorsa primavera, vista l’ottima accoglienza ricevuta dalla Ferrari, ma forse stavolta ci siamo, per la gioia di Investindustrial, la società di private equity di Andrea Bonomi che dal 2013 ha assunto il controllo dell’iconico marchio di auto sportive di lusso britanniche, i cui modelli sono stati più volte ammirati nei film dedicati all’agente segreto 007, James Bond, in questi ultimi 50 anni.

Bonomi su Aston Martin ha puntato 190 milioni Bonomi aveva sottoscritto con la controllata Prestige Motor Holdings un aumento di capitale da 190 milioni di euro (sulla base di una valutazione di circa 940 milioni per il 100% della società) in cambio del 37,5% del produttore inglese e sebbene la parte restante del capitale fosse rimasta in mano alla due società d’investimento kuwaitiane Investment Dar e Adeem Investment e ai manager, al gruppo italiano era andato anche il 50% dei diritti di voto e la gestione operativa. Per il marchio inglese era stato una sorta di ritorno alle origini, visto che il primo modello della Aston Martin venne realizzato da Lionel Martin adattando un motore quattro cilindri Coventry-Simplex su un vecchio telaio Isotta Fraschini tipo FE.

Per Bonomi, comunque vada, l’operazione potrà rappresentare una exit di successo, con una plusvalenza potenziale tra i 780 milioni e gli 1,9 miliardi di euro. Grazie al “toro” può valere più di Ferrari Se infatti venissero applicati i multipli che hanno caratterizzato il debutto in borsa della Ferrari, Aston Martin potrebbe valere 2,3 miliardi di sterline (2,6 miliardi di euro) e la quota di Investindustrial varrebbe non meno di 970 milioni. Ma grazie ai multipli in espansione tipici del mercato “toro” si parla ormai della possibilità che il produttore inglese sia valutato attorno ai 5 miliardi di sterline (5,6 miliardi di euro), il che farebbe lievitare il valore della quota in mano a Bonomi ad oltre 2,1 miliardi. Il binomio industria-lusso ha sempre portato bene ad Investindustrial, che già nel 2006 era entrata in Ducati rilevando una partecipazione del 29,9% (così da restare sotto la soglia-Opa del 30%) per 40,6 milioni di euro, salita poi nel 2008 al 100% a seguito del lancio di un’Opa da 390 milioni (a 1,7 euro, ossia il doppio rispetto agli 85 centesimi pagati due anni prima) che portò al delisting del titolo da Piazza Affari.

Quando infine Bonomi rivendette Ducati all’Audi (gruppo Volkswagen) nel 2012, il valore di Ducati era salito a 860 milioni (esclusi i debiti, che i tedeschi si accollarono interamente). Se è vero che non c’è due senza tre, sarà interessante vedere a quanto il fondo di Bonomi riuscirà a cedere una partecipazione come quella in Flos, produttore di luci-arredo di lusso, dove è socio di maggioranza dopo aver rilevato l’80% nel settembre 2014 per una cifra attorno ai 400 milioni di euro.

Da allora il fatturato è salito da 160 a 206,8 milioni (a fine 2016), anche a seguito di acquisizioni mirate, mentre l’Ebitda ha raggiunto i 53,8 milioni. Numeri che portano a ipotizzare ad una valutazione già oggi non inferiore ai 600 milioni di euro, ma Bonomi ha dimostrato di sapere attendere il momento giusto per vendere, quindi non è da escludere che la cifra possa aumentare nei prossimi anni.

Lo stesso può dirsi per Sergio Rossi, marchio di calzature di lusso italiane ricomprato nel 2015 dalla francese Kering (che lo controllava, tramite Gucci, al 70% dal 1999 e al 100% dal 2005) per una cifra attorno ai 100 milioni di euro comprensiva di un aumento di capitale necessario a dotare l’azienda delle risorse per procedere al rilancio, dopo anni di risultati in calo che avevano portato il fatturato a 82 milioni di euro a fine 2014 contro i 99 milioni di dieci anni prima. Un giro d’affari sceso ulteriormente negli anni immediatamente successivi sino a 60 milioni nel 2016, ma che già lo scorso anno è risalito attorno ai 65 milioni e che dovrebbe risalire “ben oltre” i 100 milioni nei prossimi anni (l’obiettivo è arrivare a 140 milioni entro il 2021), con un ritorno all’utile atteso ufficialmente per il 2019 ma che potrebbe avvenire già a fine anno, se anche l’e-commerce da poco rilanciato farà la sua parte.

Andrea Bonomi, come detto, non ha fretta: il focus di Investindustrial sarà sempre più concentrato su aziende di lusso e design, puntando su aziende (italiane, ma non solo) alle prese con un turnaround, purché siano già internazionali e vogliano internazionalizzarsi ancora di più. Come con Ducati, come con Aston Martin, come con Flos e Sergio Rossi, appunto.

Luca Spoldi

Tags:
aston martinandrea bonomiportafoglio investindustrial

in vetrina
Ilaria D'Amico dice addio alla Serie A su Sky dopo 15 anni

Ilaria D'Amico dice addio alla Serie A su Sky dopo 15 anni

i più visti
in evidenza
Fedez-Ferragni: prove di nozze Le pubblicazioni... a Rozzano

Rozzano

Fedez-Ferragni: prove di nozze
Le pubblicazioni... a Rozzano

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La nuova DS7 Crossback mette il turbo da 225 CV

La nuova DS7 Crossback mette il turbo da 225 CV

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.