Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Aumento a segno per Talent Garden, startup della scuderia Tamburi

Talent Garden raccoglie 12 milioni per crescere in Italia (Torino, Roma e Napoli) e in Nord ed Est Europa

start up

Colpo grosso per Talent Garden: negli scorsi giorni la startup creata a Brescia 5 anni fa e guidata da Davide Dattoli (ex "facilitator" presso Startup Weekend, con precedenti esperienze come digital strategist per Condé Nast Italia e Viral Farm) che tra i soci vede Digital Magics e Tamburi Investment Partners (Tip), ha chiuso un aumento di capitale da 12 milioni di euro tra equity e debito, la maggiore operazione del genere nel settore, in Europa, che servirà a espandersi  ulteriormente in Italia e in Europa la propria rete di spazi coworking e a sviluppare attività di formazione, eventi e innovazione con le aziende.

Ma dove sbarcherà per prima cosa Tag Garden? Entro fine anno è previsto il lancio della nuova sede di Torino in collaborazione con Fondazione Agnelli, poi nel 2017 dovrebbe essere la volta di Roma e Napoli (la cui apertura era stata preventivata per il secondo semestre di quest'anno ma è poi slittata di qualche mese), quindi sarà la volta di almeno 10 nuovi uffici nel Nord e nell'Est Europa, cercando di intercettare il previsto flusso in uscita da Londra di startupper e talenti dovuto alla Brexit.

A fronte di un mercato, quello dei servizi alle startup, che anche in Europa inizia ad essere piuttosto affollato, Dattoli ha preferito lasciare a colossi come WeWork (128 uffici sparsi in 39 città del mondo, 1,69 miliardi di dollari già raccolti in 8 successivi round di finanziamento con una valutazione arrivata a 16 miliardi di dollari) e TechHub (oltre 750 startup collegate, più di mille eventi organizzati ogni anno) le località di "prima fascia" (tier 1) come Londra o Berlino per crescere nelle più economiche località di seconda fascia (tier 2), dove gli affitti costano meno e il margine di profitto per scrivania occupata può essere maggiore.

Ma Talent Garden, già presente a Genova, Padova, Torino, Bergamo, Pisa, Cosenza, Milano, Kaunas e Differdange oltre che a Brescia con un totale di 17 campus (13 dei quali in Italia) e 550 eventi, non intende fornire a startupper e talenti dei vari territori solo scrivanie e servizi centralizzati di cui hanno bisogno per realizzare un progetto di business, quanto soprattutto creando connessioni virtuose e occasioni di contaminazione e accelerazione reciproca per le 410 startup che stanno crescendo nei suoi spazi e per tutte quelle che occuperanno i futuri "giardini".

Per riuscirvi, in vista di uno sbarco in borsa atteso per il 2018, la società di Dattoli, che conta di chiudere l'anno con un fatturato di 5 milioni di euro (+300% rispetto al 2015) potrà contare su nuovi  investitori del calibro di 500 Startups, il più acceleratore e fondo di seed venture capital al mondo, con base a San Francisco e diretto da Dave McClure, piuttosto che Endeavor Catalyst, veicolo di co-investimento creato nel 1997 da Linda Rottenberg e Peter Kellner nel bel mezzo della crisi delle valute emergenti causata dal collasso del Bhat tailandese che ha tra i suoi partner Reid Hoffman, già fondatore di LinkedIn.

A supportare la crescita di Talent Garden ci sono però anche molti investitori italiani da Kartell ad Angelini, dai Dompé agli armatori D'Amico, fino ai fondatori di Volagratis, MutuiOnline, Buongiorno, Alkemy ed Esprinet, coordinati da Tamburi Investment Partners, che ha a sua volta partecipato all'aumento. Una filiera, quella costituita da Digital Magics, Talent Garden e Tip, che per ora non ha sbagliato una mossa.

Luca Spoldi


In Vetrina

Vittima di Weinstein accusa: "Claudia Gerini mi propose sesso a tre"
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.