A- A+
Economia
Competitività, Vienna batte Berlino. Il segreto? Il costo del lavoro


Una recente ricerca del Cologne Institute for Economic Research (IW) ha evidenziato che l’Austria ha un alto grado di competitività nell’industria manifatturiera. In Germania, la produttività è maggiore rispetto agli altri paesi industrializzati analizzati nello studio, ed è maggiore anche rispetto all’Austria. Gli economisti hanno riportato che anche Francia e Austria hanno una produttività simile alla Germania, mentre altri paesi sono nettamente in distacco: il Regno Unito e il Canada di quasi un quinto; la Spagna, il Giappone e l’Italia di quasi il 40%. Tuttavia, l’alta produttività della Germania non è sufficiente a compensare lo svantaggio dettato dagli alti costi salariali.

“L’Austria si posiziona molto più favorevolmente rispetto alla Germania per quanto riguarda il costo unitario del lavoro”, afferma l’economista dell’IW Christoph Schröder.

Infatti, per quanto riguarda il parametro del costo unitario del lavoro nell’industria manifatturiera, secondo l’istituto il punteggio austriaco è pari a 88, il 12% in meno rispetto al costo in Germania (100). Il costo unitario del lavoro nell’Eurozona ha una media di 97 punti. L’Italia si posiziona al livello più alto, con un costo unitario del lavoro pari a 110, mentre negli Stati Uniti questi costi sono più bassi del 25 per cento rispetto alla Germania.

L’Austria continua a confermarsi come ambita sede di ricerca in Europa nei settori del futuro, come Bioscienze, Ambiente & Energia, Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC), Mobilità & Traffico. Nel 2013 il volume totale degli investimenti in R&S per la prima volta ha superato la soglia degli nove miliardi di euro. Con una quota del 2,9% del rapporto interno lordo dedicato alla Ricerca & Sviluppo l’Austria si attesta ben al di sopra della media UE (2,06%). La dinamica della forza innovativa si manifesta anche nell’obiettivo prefissato per il 2020: un ulteriore incremento della quota di ricerca fino ad arrivare al 3,76% – valore nettamente al di sopra del volume di investimenti in R&S del 3% del PIL, definito dall’Unione Europea nella strategia di crescita Europa 2020.

ABA-Invest in Austria è il punto di riferimento in Austria per le aziende straniere interessate a stabilirsi in questo paese. Si tratta di un ente governativo facente capo al Ministero Federale dell’Economia ed ha il compito di fornire ai potenziali investitori consulenza ed informazioni a titolo gratuito, sostenendo le imprese interessate nella scelta della sede, nelle questioni di natura fiscale e del diritto del lavoro, nella ricerca di partner di collaborazione e nei contatti con gli enti pubblici.
Attualmente ABA–Invest in Austria assiste 755 imprese internazionali che hanno concreti interessi ad insediarsi in Austria. Sono il 2,5 percento in più rispetto a gennaio 2015.

Tags:
austria
in vetrina
Lady Gaga e Bradley Cooper vivono insieme. GOSSIP CLAMOROSO SU LADY GAGA

Lady Gaga e Bradley Cooper vivono insieme. GOSSIP CLAMOROSO SU LADY GAGA

i più visti
in evidenza
MARA CARFAGNA SEXY IN BIKINI ELISA ISOARDI, CHE TOPLESS

GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

MARA CARFAGNA SEXY IN BIKINI
ELISA ISOARDI, CHE TOPLESS


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
PEUGEOT DESIGN LAB ridisegna le cabine di Bourbon Mobility

PEUGEOT DESIGN LAB ridisegna le cabine di Bourbon Mobility


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.