A- A+
Economia
Banca Carige, la crisi travolge Malacalza. Finora perdita di quasi 230 milioni
Crolla Banca Carige dopo le richieste della Bce


La crisi bancaria sembra attraversare una fase di accelerazione, e molti bei nomi della finanza e dell'industria rischiano di rimanere scottati, prima che la calma torni a regnare su un settore che in questi ultimi due anni ha dato l'impressione di continuare a tirar calci al barattolo, sospeso tra la speranza, delusa, di un "intervento di sistema", una bad bank sul modello spagnolo che si facesse carico dei crediti deteriorati, e il rischio che non potendo più ottenere aiuti di stato gli istituti più deboli sarebbero pesati su quelli più forti o sarebbero stati obbligati a passare per le forche caudine della "ricapitalizzazione precauzionale" (come nel caso di Mps e, con maggiore incertezza, di BpVi e Veneto Banca) se non addirittura per nuove risoluzioni (come accaduto a Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFano).
 
Tra gli imprenditori coinvolti in questa crisi vi è Vittorio Malacalza, entrato nel capitale di Banca Carige nel 2014 rilevando un primo 10,5% dall'ex socio di riferimento, Fondazione Carige, al prezzo di 6,2 centesimi per azione, pari ad un primo investimento di 66 milioni di euro. A questo fece seguito l'ulteriore acquisto del 4,6% dai soci francesi di Bpce e la partecipazione ai due aumenti di capitale da 800 milioni (nel 2014) e da ulteriori 850 milioni (nel 2015).

In tutto Malacalza ha finora investito 263,5 milioni di euro, in cambio di una partecipazione salita alla fine al 17,588%, poco distante dalla soglia del 20% oltre la quale scatterebbe l'Opa obbligatoria ma ampiamente sufficiente a far recitare all'imprenditore bobbiese, ma con forti interessi in Liguria, il ruolo di azionista di riferimento. A Malacalza, uscito con una buona plusvalenza dal ponte di comando di Camfin-Pirelli, investire di Carige era sembrato un buon affare, ma così non è stato. Alle quotazioni correnti di circa 23,5 centesimi di euro per azioni, e con una capitalizzazione attuale di appena 195 milioni, la partecipazione vale ormai poco più di 34 milioni, il che implica una minusvalenza latente di quasi 230 milioni, ossia dell'87%.

Non stupisce dunque che alla prospettiva di dover ulteriormente sottoscrivere un aumento da 450 milioni (che da solo significherebbe altri 80 milioni circa d'investimento) affiancato all'eventuale scorporo delle sofferenze da conferire a un veicolo finanziario le cui azioni sarebbero state assegnate pro quota agli attuali azionisti di Carige, la tensione che ormai covava tra Malacalza e l'amministratore delegato Guido Bastianini sia esplosa.

Ma quella di Carige è una crisi che viene da lontano: dopo aver continuato ad acquistare sportelli bancari fino al 2008, ad esempio da Intesa Sanpaolo e Mps, Banca Carige è stata travolta dalla crisi proprio nel 2014, con l'arresto di Giovanni Berneschi, ex presidente del Cda e per anni "dominus" incontrastato della banca ligure. Con uno scenario di settore profondamente cambiato e l'esigenza di rafforzare il capitale, nell'estate del 2014 l'amministratore delegato Piero Montani (ex numero uno di Bpm) provò anzitutto la via delle dismissioni, cedendo il 310 milioni di euro le attività assicurative (Carige Assicurazioni e Carige Vita Nuova) al fondo Apollo Management.

A distanza di tre anni Apollo e Carige sono però finite in tribunale: Carige accusa infatti Apollo di aver volutamente ritirato liquidità dai conti correnti che Amissima Holdings (in cui erano confluite le attività assicurative ex Carige) deteneva presso l'istituto al ritmo di 440 milioni di euro al mese, per proporsi successivamente di acquistare crediti deteriorati e quote societarie in modo tale da diventare il nuovo azionista di controllo dell'istituto. Non solo: Montani e i suoi manager, sempre secondo l'accusa di Carige, avrebbero snobbato una più vantaggiosa offerta (400 milioni) avanzata da Itas per le attività assicurative, così da favorire Apollo, che finora ha sempre rimbalzato le accuse definendo "temeraria" l'azione promossa dall'istituto ligure.

Così Vittorio Malacalza, industriale col fiuto per gli affari finanziari, partito dalla componentistica industriale e per l'edilizia, passato al comparto della costruzione di autostrade, al commercio di acciaio (diventando socio della Duferco di Bruno Bolfo), quindi divenuto un industriale dell'acciaio (con Trametal, venduta nel 2007 al gruppo bielorusso Mentivest) e consocio di Tronchetti Provera in Camfin-Pirelli, rischia la prima vera battuta d'arresto dopo anni di continue vittorie.

A meno che non riesca a trovare un nuovo partner, come CariParma, controllata di Credit Agricole già presente in Liguria attraverso la controllata CariSpezia, di cui si era parlato lo scorso anno quando Giampiero Maioli (attuale Ceo di CariParma) era sembrato poter diventare il successore di Montani. All'epoca Malacalza optò per Guido Bastianini (in tandem con Giuseppe Tesauro alla presidenza), con cui è entrato in rotta di collisione in questi giorni: ci sarà un ritorno di fiamma con Maioli e CariSpezia o la vicenda Carige riserverà ulteriori sorprese?

 

Tags:
malacalza banca carige
Loading...
in vetrina
Neve in pianura confermata! Neve a Milano (e non solo), ecco quando. Neve in città: ecco dove e quando. Meteo neve

Neve in pianura confermata! Neve a Milano (e non solo), ecco quando. Neve in città: ecco dove e quando. Meteo neve

i più visti
in evidenza
FERRAGNI, MANI SUL REGGISENO "COSI' DIMOSTRO CHE HO LE..."

Katy Perry, sauna bollente

FERRAGNI, MANI SUL REGGISENO
"COSI' DIMOSTRO CHE HO LE..."


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
LEAF si trasforma in TREE per elettrizzare il Natale

LEAF si trasforma in TREE per elettrizzare il Natale


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.