A- A+
Economia
Banche, Bce: Italia resta al top per le sofferenze in Europa con 153 miliardi

Nel terzo trimestre del 2018, i più ampi volumi di crediti deteriorati erano detenuti dagli enti significativi italiani (153 miliardi di euro), seguiti da quelli francesi (130 miliardi di euro), spagnoli (95 miliardi di euro) e greci (90 miliardi di euro). E' quanto emerge dal rapporto Bce sull'attività di sorveglianza bancaria pubblicato oggi. Le percentuali più significative di crediti deteriorati sono state riscontrate nelle banche significative di Grecia, Cipro e Portogallo, con medie ponderate per il terzo trimestre del 2018 rispettivamente del 43,4 per cento, del 20,7 per cento e del 14,5 per cento.

Analizzando l'andamento nel tempo, l'incidenza dei Npl delle banche significative e' diminuita in modo rilevante, nel periodo di riferimento, a Cipro (13,3 punti percentuali), in Slovenia (5,3 punti percentuali), in Irlanda (3,7 punti percentuali), in Portogallo (3,6 punti percentuali), in Grecia (3,2 punti percentuali) e in Italia (2,5 punti percentuali). Nel rapporto Bce si indica che nei bilancio delle banche significative della zona euro, i volumi dei crediti deteriorati si sono attestati a 628 miliardi di euro nel terzo trimestre del 2018, in calo rispetto ai mille miliardi di euro di inizio 2015.

Tra il terzo trimestre del 2017 e il terzo trimestre del 2018 i volumi dei crediti deteriorati sono diminuiti di 131 miliardi di euro e la loro quota sul totale dei prestiti lordi e' scesa di un punto percentuale, al 4,2 per cento. La diminuzione e' avvenuta a ritmi piu' sostenuti negli ultimi due anni ed e' stata particolarmente rapida nei paesi con elevata incidenza di crediti deteriorati.

"Ciononostante, il livello aggregato dei crediti deteriorati nel settore bancario europeo rimane elevato rispetto agli standard internazionali e la pulizia dei bilanci richiedera' piu' tempo', indica la Bce. Nel 2018 i crediti deteriorati sono stati una delle principali priorita' per la vigilanza bancaria della Bce e lo rimarranno nel 2019; le attivita' su questo terreno 'mireranno a consolidare i progressi compiuti, in particolare mediante il coinvolgimento degli enti interessati nella definizione per le banche coinvolte di aspettative di vigilanza specifiche all'interno di un quadro armonizzato'. Lo scopo e' 'assicurare ulteriori progressi nel contenimento dei rischi derivanti dal passato e ottenere nel medio termine una copertura coerente dei crediti deteriorati preesistenti e di quelli futuri". 

Commenti
    Tags:
    banchenplbcemario draghi
    i più visti
    in evidenza
    Ed Sheeran incanta San Siro Il pubblico più vasto del 2019

    Costume

    Ed Sheeran incanta San Siro
    Il pubblico più vasto del 2019


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Peugeot 2008: il SUV giovane che piace a tutti

    Nuovo Peugeot 2008: il SUV giovane che piace a tutti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.