A- A+
Economia
Banche, le probabili inadempienze. La bomba di cui nessuno parla

di Andrea Boitani e Marco Giannantonio*

Prima di una eventuale nuova recessione le banche italiane dovrebbero mettere in sicurezza gli attivi. Oltre agli Npl, c’è un altro fronte: le inadempienze probabili. La loro gestione richiede competenze specialistiche, che non sempre gli istituti hanno.

Npl, perché se ne parla

Da un paio di mesi la febbre bancaria ha ripreso a salire, perché gli attivi delle banche italiane sono a rischio per una serie di motivazioni. Le maggiori preoccupazioni sono legate agli effetti dell’aumento dello spread sul valore dei titoli di stato italiani, con la conseguente riproposizione della spirale perversa fra debito sovrano e banche, e all’ingente mole di crediti deteriorati tutt’oggi presente.

Se i primi due aspetti sono esterni al sistema bancario, sui non-performing loan (Npl) le banche sono, almeno in parte, artefici del loro destino. Certo, la relazione tra andamento del Pil e quello dei crediti deteriorati è molto stretta: meno cresce (o più scende) il Pil e più aumentano i crediti deteriorati. Una nuova eventuale recessione avrebbe inevitabili ripercussioni negative sul livello e sulla dinamica degli Npl. È perciò di importanza cruciale mettere in sicurezza il prima possibile questa componente degli attivi bancari.

I numeri, pur in sensibile miglioramento rispetto agli ultimi anni, rimangono preoccupanti. Secondo i dati Eba, i bilanci delle principali banche italiane contabilizzano 159 miliardi di Npl (il 21 per cento su un totale europeo di circa 748 miliardi), con un Npl ratio che sfiora il 10 per cento. Nel dicembre 2015 avevano però raggiunto il livello record di 259 miliardi (22,5 per cento su un totale europeo di quasi 1.150 miliardi), con un Npl ratio di oltre il 16 per cento. Solo Grecia, Cipro e Portogallo, ancora oggi, sono in condizioni peggiori dell’Italia.

Figura 1 – Npl in Europa dal 2015 a oggi

tabella 1 boitani
 

Fonte: Elaborazione propria su dati Eba

I crediti deteriorati pesano sui bilanci delle banche italiane, con inevitabili contraccolpi sui vincoli patrimoniali che sono chiamate a rispettare e sull’erogazione di credito. È molto probabile che tutto ciò abbia rallentato e reso più anemica la ripresa dopo la (seconda) recessione del 2011-15. Il legame tra Npl e crescita del Pil, in altri termini, “scorre per entrambi i versi”. La discussione, tuttavia, è stata troppo spesso ricondotta unicamente al pur cruciale smaltimento delle “sofferenze”, trascurando le altre categorie di Npl: se ciò è ammissibile per le esposizioni scadute o sconfinanti deteriorate, dati gli esigui valori in gioco, non è giustificabile per le inadempienze probabili.

Inadempienze probabili, cosa e quante sono

Insieme alle sofferenze e alle esposizioni scadute o sconfinanti deteriorate, le inadempienze probabili sono una delle tre categorie di Npl previste nella normativa di riferimento di Banca d’Italia. Sofferenze e inadempienze probabili hanno razionali sottostanti profondamente diversi: le prime sono crediti con un grado di deterioramento irreversibile, essendo verso soggetti, di diritto o di fatto, insolventi mentre le seconde si rifanno al concetto probabilistico di unlikeliness to pay (improbabile adempimento) del debitore nell’adempimento integrale delle obbligazioni contrattuali, senza azioni ad hoc (per esempio, escussione di garanzie).

L’approccio richiesto per gestire le due categorie è profondamente diverso. Nel caso delle sofferenze la finalità è liquidatoria, trattandosi di crediti inesigibili in cui la controparte versa, generalmente, in una procedura fallimentare. Ben diversa è la situazione di una inadempienza probabile: qui la finalità è gestoria in quanto le controparti vivono una crisi temporanea e possono tornare in bonis.

Secondo i dati Banca d’Italia, a giugno 2018 gli Npl lordi in Italia erano pari a 225 miliardi, di cui 90 miliardi sono inadempienze probabili con una incidenza del 40 per cento. La fotografia muta radicalmente se si analizzano le esposizioni al netto degli accantonamenti: i crediti deteriorati netti totali sono 103 miliardi, mentre il sott’insieme delle inadempienze probabili tocca i 56 miliardi (incidenza di circa il 55 per cento), sorpassando le sofferenze, che sono vicine a 41 miliardi.

Figura 2 – Inadempienze probabili dal 2016 a oggi

tabella 2 boitani
 

Fonte: Elaborazione propria su dati Banca d’Italia

Cosa dobbiamo aspettarci?

Non a caso, dunque, dopo anni in cui parlare di Npl significava (quasi) esclusivamente parlare di sofferenze, l’attenzione degli addetti ai lavori si sta progressivamente spostando verso le inadempienze probabili e la recente accelerazione di alcune operazioni da parte di Mps e Unicredit ne è la riprova.

Come evolverà tale mercato? Difficile dirlo, tuttavia è presumibile che l’evoluzione regolamentare in termini di calendar provisioning (tempistica per gli accantonamenti) avrà risvolti sulla tempestività con cui gli operatori bancari interverranno sui nuovi flussi di inadempienze probabili – specie se non garantite (unsecured) – mediante la stipula di accordi quadro con gestori e studi legali specializzati che hanno le competenze per provare a sanare quei crediti.

Per quanto riguarda lo stock in essere, invece, è possibile che vi siano numerose operazioni ma con controvalori sensibilmente più contenuti rispetto alle operazioni monstre effettuate su portafogli a sofferenza da attori primari negli ultimi due anni (si pensi ai 17,7 miliardi ceduti da Unicredit nel luglio 2017, ai 24,1 miliardi ceduti da Mps nel maggio 2018 e alla partnership strategica fra Intesa Sanpaolo e Intrum dell’aprile 2018).

La gestione di inadempienze probabili ha un carattere altamente specialistico per cui occorrerà adottare logiche più focalizzate (potenzialmente anche “caso per caso”), che approfondiremo in un prossimo articolo. Le sofferenze non sono un rischio bensì una certezza per le banche, vista la finalità di liquidare le posizioni, mentre le inadempienze probabili, se ben gestite, possono normalizzarsi portando significativi guadagni. In ogni caso, non sarà possibile voltare la testa dall’altra parte, pena un ulteriore innalzamento della febbre bancaria nel nostro paese.

*Da Lavoce.info
 

Commenti
    Tags:
    bancheinadempienze banchenpl
    i più visti
    in evidenza
    Viaggi accessibili per il mondo In carrozzina da Torino a...

    L'idea dei giovani Danilo e Luca

    Viaggi accessibili per il mondo
    In carrozzina da Torino a...

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Renault kadjar, il SUV dallo stile deciso

    Nuovo Renault kadjar, il SUV dallo stile deciso

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.