A- A+
Economia
Bce, Draghi all'Italia: "Ora i fatti. Danni dalle parole dei politici"

Il “mercoledì delle banche centrali” (si riunivano i comitati monetari della Banca centrale europea, della Bank of England e della Banca centrale della Turchia) ha rispettato quasi del tutto le attese, con Bce e Boe (in equilibrio tra dati macro più forti delle attese e timori di un mancato accordo sulla Brexit) che hanno mantenuto i tassi invariati come previsto, mentre la banca centrale della Turchia ha ignorato i “desiderata” del presidente Recep Tayyip Erdogan alzado i tassi Repo a una settimana sulla lira turca anche più del previsto, al 24% (con un incremento del 6,25%, doppio del 3,25% atteso, che ha consentito alla lira turca, debole in mattinata, di recuperare terreno).

L’attenzione maggiore, soprattutto a Roma e dintorni, era tuttavia per quello che avrebbe detto il presidente della Bce ed ex governatore di Banca d’Italia, Mario Draghi, nella consueta conferenza stampa post riunione. Se Lega e M5S speravano in una sponda per la prossima manovra, sono rimasti delusi: “il mandato della Bce è la stabilità dei prezzi e il quantitative easing è uno degli strumenti con cui lo perseguiamo” ha esordito Draghi. Ma, ha proseguito il banchiere, “il mandato della Bce non è assicurare che i deficit dei governi siano finanziati in qualsiasi condizione”.

Parole dure, che spengono sul nascere la speranza coltivata neppure troppo segretamente dal governo italiano di un intervento della Bce in funzione di “pompiere” per evitare eccessivi allargamenti dello spread Btp-Bund nel caso di una (ennesima) manovra in deficit.

Non solo: per meglio ribadire il concetto Draghi ha aggiunto: “in Italia da parte degli esponenti di governo negli ultimi due mesi le affermazioni sono cambiate più volte, ora aspettiamo fatti, che sono la legge di bilancio e la successiva discussione parlamentare”. Come dire: nonostante gli sforzi di Giovanni Tria, il governo italiano non ha ancora convinto Eurotower circa la volontà e capacità di rispettare gli impegni in tema di controllo dei conti pubblici.

Solo dopo la conclusione dell’iter parlamentare di approvazione della legge di bilancio, ha concluso Draghi, “gli investitori si faranno la loro idea. Purtroppo però abbiamo visto che le parole hanno creato danni, con una crescita dei rendimenti che hanno colpito sia le famiglie che le imprese”, anche se la Bce vuole rimanere a quello che “il premier italiano, il ministro dell’Economia e il ministro degli Esteri” hanno affermato, ossia “che l’Italia rispetterà le regole”.

Il “rischio Italia” non ha peraltro avuto significativi impatti su altri paesi ha notato Draghi, come dire che il problema del debito resta esclusivamente un problema italiano e non europeo. In realtà, ha notato il banchiere, “il debito (pubblico, ndr) è alto, ma quello privato è in realtà diminuito. La riduzione della leva finanziaria è stata significativa” tanto che i bilanci di famiglie, banche e imprese oggi “sono molto più forti”.

E proprio questa ritrovata forza ha concluso Draghi, “è il motivo per cui diciamo che i paesi con un elevato debito pubblico dovrebbero essere i primi a ricostruire lo spazio fiscale, approfittando dei bassi tassi di interesse”. Non proprio quello che i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, che in estate hanno più volte evocato lo sforamento del 3% del rapporto deficit/Pil salvo assicurare negli ultimi giorni che gli impegni saranno rispettati, avrebbero voluto sentire. Ma a Draghi per ora le “sparate” elettorali degli esponenti populisti italiani non interessano, almeno finché le cinture di sicurezza reggeranno ossia finché l’impegno a rispettare i patti sarà formalmente ribadito.

Commenti
    Tags:
    mario draghibce

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Tria e Di Maio visti dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

    Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.