A- A+
Economia
Bce, la svolta di Draghi su Qe. Mutui, prestiti e risparmi: come comportarsi

Tutto come previsto o quasi: la Bce non tocca i tassi, che dunque restano pari a zero (il tasso di riferimento), a -0,40% (quello sui depositi presso la Bce) e a +0,25% (quello applicato sulle operazioni di rifinanziamento marginale), ma annuncia che il programma di quantitative easing (QE), in scadenza a fine settembre, verrà sì nuovamente prorogato, ma solo per altri 3 mesi, fino a fine anno, e ad un ritmo ulteriormente rallentato dagli attuali 30 a 15 miliardi di euro di acquisti di bond sul mercato al mese.

Cosa cambia operativamente per investitori e per chi ha contratto o vuole contrarre un prestito dopo l’annuncio di Eurotower? Per ora poco o nulla: dal primo gennaio dell’anno prossimo, infatti, gli acquisti di bond si interromperanno, ma seguendo l’esempio della Federal Reserve la Bce per un “esteso periodo di tempo” continuerà a reinvestire i titoli in portafoglio in scadenza, tra cui circa 356 miliardi di bond italiani che secondo un’analisi di Intesa Sanpaolo a quel punto l’istituto guidato da Mario Draghi dovrebbe avere in cassa, così da “mantenere favorevoli condizioni di liquidità e un elevato livello di accomodamento monetario”.

mario draghi
 

Lo stesso Draghi ha anche precisato che i tassi sull’euro resteranno fermi almeno per i prossimi 12 mesi, dunque fino a tutta l’estate 2019, un dettaglio che ha avuto un’immediata ripercussione sul mercato dei cambi con l’euro che è scivolato da 1,18 a 1,17 contro dollaro, quest’ultimo del resto sostenuto sia dal rialzo di un quarto di punto (il secondo da inizio anno) dei tassi sui Fed Funds annunciato ieri sera dalla Federal Reserve, sia dalla previsione della stessa di altri 2 rialzi dei tassi entro fine anno più altri quattro nel 2019. L’atteggiamento della Fed è dunque più restrittivo a questo punto del ciclo di quello della Bce tanto da venir giudicato persino troppo “aggressivo, nonostante il tocco apparentemente leggero” da Ronald Temple, Head of Us Equities presso Lazard Asset Management.

Per questo è probabile che l’euro possa tornare a perdere terreno contro dollaro anche nei mesi a venire, contribuendo a sostenere le esportazioni europee ed italiane e, indirettamente, le borse del vecchio continente (anche se Wall Street non dovrebbe soffrire eccessivamente neppure in termini relativi, visto la riaccelerazione in corso dell’economia a stelle e strisce), che infatti dopo l’annuncio della Bce si sono riportate in territorio positivo dopo una mattinata prudente.

mario draghi primo presidente delleuropa unita
 

Più tormentato appare il percorso di chi investe in obbligazioni e titoli di Stato: il mercato ormai si sta orientando a scontare una sia pure molto graduale “normalizzazione” che in Europa giungerà molto dopo che negli Stati Uniti, ma la reazione alla conferma che i tassi ufficiali non si muoveranno per almeno altri 12 mesi porta oggi gli investitori a riacquistare i titoli di tutta l’area europea, favorendo un calo pressochè lungo tutta la curva e su tutti i mercati.

Così il rendimento a 12 mesi sui titoli italiani, che lo scorso 29 maggio era arrivato a toccare l’1%, scivola sotto lo 0,31% contro lo 0,34% di ieri, mentre il tasso a 2 anni oscilla poco sopra quota 0,89% (da più di 0,96% di ieri), a 5 anni cala sotto l’1,87% (dall’1,917%) e a 10 anni rompe al ribasso la soglia del 2,8% (da 2,815%). Nonostante ciò lo spread rimane poco sopra i livelli di ieri appena sotto la soglia del 2,36% dopo una fugace “fiammata” attorno al 2,50%, perdendo leggermente terreno contro la Francia (che lo vede calare sullo 0,78%) ma recuperandone contro la Spagna (che lo vede in rialzo sull’1,42%). Il consiglio per chi volesse investire a reddito fisso è dunque di mantenersi su titoli di buona qualità e con una duration non eccessiamente lunga.

Per quanto riguarda infine mutui e prestiti, l’Euribor è sostanzialmente invariato sui valori della vigilia, coi tassi a 3 e a 6 mesi (i più utilizzati per i mutui a tasso variabile) ancora negativi e rispettivamente pari a -0,321% e -0,268%. L’Irs, utilizzato solitamente per i mutui a tasso fisso, resta a sua volta assolutamente immobile, con una curva fortemente schiacciata, e per il momento e pari allo 0,38% sulla scadenza dei 5 anni, allo 0,99% a 10 anni, all’1,34% a 15 anni, all’1,49% a 20 anni e all’1,54% a 30 anni.

In buona sostanza se avete ancora molti anni da pagare sul vostro mutuo potrebbe essere quasi arrivato il momento di passare al tasso fisso, se già non l’avete fatto, mentre se avete solo più pochi anni vi conviene rimanere ancorati al tasso variabile, se già l’avete. Difficilmente, infatti, l’inflazione subirà un’accelerazione così rapida e duratura da indurre la Bce ad imitare la Fed e accelerare il passo della sua “normalizzazione” con una serie di rialzi dei tassi ufficiali a ritmo serrato.

Luca Spoldi

Tags:
bceqe draghi bcefine quantitative easing bceottobre qe

i più visti
in evidenza
Shorts aderenti, colori fluo e... Moda uomo: nuove tendenze

Costume

Shorts aderenti, colori fluo e...
Moda uomo: nuove tendenze

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nissan Qashqai,, con la tecnologia ProPILOT il SUV diventa intelligente

Nissan Qashqai,, con la tecnologia ProPILOT il SUV diventa intelligente

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.