Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Bitcoin, anche la Russia li vieta. E la bolla spaventa Wall Street

Ecco perché le Borse crollerebbero

Di Luca Spoldi
Bitcoin, anche la Russia li vieta. E la bolla spaventa Wall Street

Non c’è due senza tre: stamane Sergei Shvetsov, primo vice-governatore della banca centrale russa parlando a una conferenza sui derivati finanziari ha anticipato che le autorità moscovite intendono impedire l’accesso a siti che offrono criptovalute come i Bitcoin. Nelle scorse settimane già la Cina e la Corea del Sud avevano deciso di vietare le Ico (Initial coin offering), ossia la raccolta di capitali privati da parte di startup attraverso la creazione e distribuzione di nuove criptovalute.

Secondo Shevtsov, che sembra condividere i timori dei suoi colleghi asiatici, le criptovalute sarebbero infatti uno strumento “dubbio”, che inizialmente è stato ritenuto illegale in quanto la loro emissione non viene preventivamente autorizzata dallo stato e per il fatto che potrebbero essere utilizzate per riciclaggio di denaro sporco. E anche se in seguito le autorità hanno dovuto accettare il boom del mercato di tali strumenti, si intende controllarne gli scambi o limitarne l’accesso.

bitcoin
 

“Non possiamo rimanere a guardare, non possiamo dare accesso diretto e agevole a simili dubbi strumenti agli investitori retail” ha aggiunto Shetsov, pur ammettendo che la banca centrale russa ha notato un crescente interesse nelle criptovalute a causa degli elevati ritorni che possono derivare dall’acquisto di simili strumenti. Difficile non credergli, visto che in questi anni il valore di un bitcoin è passato da 6 centesimi di dollari (nel luglio del 2010) agli attuali 4,803,74 dollari, avendo toccato un massimo storico di 4950,72 dollari alla chiusura del primo settembre (con quotazioni intraday anche superiori ai 5 mila dollari), il che significa che 10 dollari investiti in bitcoin sette anni fa si sarebbero trasformati in oltre 800 mila dollari attuali. Livelli che molti analisti e banchieri trovano da “bolla finanziaria, tanto che secondo l’economista Kenneth Rogoff “nel lungo periodo la tecnologia (del blockchain, ndr) crescerà, ma il prezzo del bitcoin crollerà”.

twitter wall street 500
 

“In teoria - ha spiegato Rogoff - è estremamente facile clonare o migliorare la tecnologia dei bitcoin. Quello che non è così semplice da replicare è la supremazia stabilita dai bitcoin in termini di credibilità e il grande ecosistema di applicazioni che si sono sviluppate attorno ad essi”. La prova del nove probabilmente verrà proprio a seguito delle spinte a regolamentare il settore delle criptovalute che già si nota non solo da parte delle banche centrali di paesi emergenti come Russia, Corea del Sud o Cina, ma anche di paesi sviluppati come il Giappone. Tokyo, probabilmente nel tentativo di diventare un centro fintech globale, ha sancito che l’utilizzo dei bitcoin come mezzo di pagamento è legale e gli Stati Uniti sembrano tentati da fare altrettanto, regolando il settore.

Ma non sono solo i bitcoin (il cui mercato vale 72 miliardi di dollari di capitalizzazione a livello mondiale) il desiderio proibito dei dirigenti di molte società della Silicon Valley: anche gli ethereum (28 miliardi di capitalizzazione a livello mondiale) hanno un’ambizione simile come portata a quella di Amazon, nota Rogoff: quella di permettere ai propri utenti di impiegare la stessa tecnologia generale per negoziare e scrivere “contratti intelligenti” per quasi tutto.

silicon valley
 

Neppure le banche sono state a guardare ed hanno sviluppato Ripple, una piattaforma che abbatte i costi per i trasferimenti interbancari e internazionali (che ha già raggiunto una capitalizzazione di 9 miliardi di dollari a livello mondiale). Tuttavia, ricorda Rogoff dando prova di quel buon senso che troppi “entusiasti” delle criptovalute sembrano avere smarrito, “è folle pensare che ai bitcoin sarà mai permesso di soppiantare le valute emesse delle banche centrali. Un conto è che i governi acconsentano piccole transazioni anonime con valute virtuali e questo, anzi, sarebbe auspicabile. Ma è una questione completamente differente per i governi consentire pagamenti anonimi su larga scala, il che renderebbe estremamente difficile il prelievo di tasse o la lotta contro le attività criminali”.

A questo si aggiungono gli avvertimenti lanciati da esperti come Joe Kinahan (capo strategista di TD Ameritrade), che ha sulle pagine del Wall Street Journal ha fatto notare come un eventuale scoppio della bolla speculativa sui bitcoin e le altre criptovalute rischia di influenzare pesantemente Wall Street, in particolare il settore high-tech e quello finanziario, con “danni collaterali” che potrebbero colpire “chi ha investito significativamente nell’infrastruttura”, una tecnologia, gli ha subito fatto eco Matthew Gertler, analista di Digital Asset Research, “che la gente cerca ancora di capire”.

Borsa
 

E comunque, ha aggiunto Gertler, il bitcoin non ha ancora dimostrato di poter sostituire il dollaro: “Per essere un successo dovrà conquistare ampie fette di diversi mercati” come le rimesse, i pagamenti e le carte prepagate. Ciò nonostante la tentazione di saltare sul carro in corsa è sempre più alta, proprio come ci si potrebbe aspettare nelle fasi di massima salita delle quotazioni che precedono lo scoppio di qualsiasi bolla, tanto che persino Goldman Sachs sta valutando di consentire il trading sui bitcoin, mentre Jp Morgan Chase mostra le quotazioni dei bitcoin sulla sua seguitissima newsletter diffusa quotidianamente prima dell’apertura di Wall Street, nonostante il suo numero uno, Jamie Dimon, li abbia definiti “una truffa”.

Ma se già ora qualche investitore particolarmente amante del rischio volesse provare ad operare in criptovalute, magari per fare trading base intraday, come potrebbe fare?

(Segue...)


In Vetrina

Grande Fratello Vip 2, Jeremias Rodriguez: "Non voglio più star qua". GF VIP 2 NEWS

In evidenza

Weinstein, Cara Delevingne "Mi chiese rapporto bisex"
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

SsangYong: presenta la nuova Rexton

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.