A- A+
Economia
Bollette elettriche, cresce la rivolta. I moduli per "disobbedire" ai rincari

Prosegue la protesta per i rincari in arrivo nella prossima bolletta elettrica. Rincari che mirano a colmare il buco da 200 milioni che si è generato nel sistema per le bollette inevase dal 2016 da parte di clienti morosi nei confronti dei distributori di rete. Anche le associazioni dei consumatori fanno

sentire la propria voce, mentre cresce l'indigazione su Facebook di molti utenti che invitano gli altri intestatari di bollette elettriche a non pagare gli aggravi.

"Quello che qui si vuole integrare, sempre nel conto finale, sono i debiti generati dai furbetti del quartierino. E questo è inaccettabile", tuona infatti l’associazione consumatori Codici. Il coro di lamentele è partito dopo che, per una serie di ricorsi e sentenze del Tar e del Consiglio di Stato, il primo febbraio l’Autorità dell’energia (Arera) ha stabilito che una parte dell'ammontare delle bollette inevase sarà spalmata tra tutti gli utenti che pagano regolarmente. Una decisione per cui l'Authority ha avviato una consultazione pubblica (la 52/2018 sul sito dell'Arera) in cui gli intestatari delle bollette possono comprendere le motivazioni del regolatore e dire la propria a riguardo. 

bollette 01
 

Con questo provvedimento, l'Autorità per l'energia mira a recuperare gli oneri di sistema (voce che pesa per il 20% del costo della bolletta, risorse che servono per finanziare soprattutto gli incentivi alle fonti rinnovabili) già anticipati dai grandi distributori di energia come, ad esempio, Enel distribuzione. Soldi che poi la rete dei venditori sul territorio, prima della liberalizzazione del mercato partita a gennaio dello scorso anno, raccoglievano dai clienti finali retrocedendole in seconda battuta ai distributori.

Con la liberalizzazione del mercato che ha portato alla proliferazione dei venditori sul territorio (circa 500), il meccanismo dell'anticipo-rimborso però si è inceppato. Il motivo? Alcuni venditori sono stati messi in ginocchio da un numero crescente di clienti morosi, andati alla ricerca di tariffe sempre più convenienti dopo l'apertura del mercato (regime alternativo a quello di maggior tutela). Clienti che hanno deciso di passare ad un altro operatore senza saldare però il conto con il precedente.

Qual è stato il risultato a livello macro di questo turismo della bolletta? Una raffica di default fra i venditori e buchi nelle casse dei distributori di energia (che, nella filiera energetica, acquistano a loro volta l'elettricità dai produttori), che avevano già anticipato quelle imposte.

Per mettere una pezza al fallimento della partita di giro, lo scorso anno, l’Autorità di regolazione per energia aveva predisposto un paracadute, imponendo ai venditori finali delle fidejussioni in favore delle imprese distributrici, anche a copertura degli oneri generali di sistema. Un meccanismo di ultima istanza che garantiva i versamenti, ma che sul finire del 2017 è stato messo in crisi dalle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato.

Che cosa hanno deciso i giudici amministrativi? Che Arera non poteva imporre fidejussioni ai venditori, perché "è il cliente finale l’unico soggetto tenuto a pagare gli oneri di sistema". Conclusione: se alcuni non lo fanno, magari facendo andare in crack le aziende, pagano gli altri. E cioè i consumatori onesti che ora non ci stanno a vedersi addebitare l'aggravio e invitano alla disobbedienza collettiva.

Le associazioni come l'Adusbef hanno predisposto un modulo fac-simile "a disposizione di ogni utente dei servizi elettrici, già saccheggiato da delibere Arera, che non intende subire l'ennesimo sopruso, una diffida da inviare per mail anche alla procura della Repubblica di Milano, competente per territorio". La battaglia è appena iniziata.

 

 

 

Prima pagina fac simile
Il fac-simile Adusbef della diffida da inviare all'Arera e alla procura della Repubblica competente per territorio per non pagare i rincari nella bolletta elettrica
Tags:
bolletta elettricaoneri di sistemabollette elettriche costi in piùbollette enelbollette elettriche non pagate

in vetrina
Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Toninelli visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.