A- A+
Economia
Borsa: Gedi vola dopo il no di Cir a offerta Carlo De Benedetti.Titolo sospeso
Foto La Presse

Gedi è bloccata ancora una volta in Borsa. L'azione, in asta di volatilità, segna un rialzo teorico del 16% a 0,29 euro. Il ritorno di interesse con un boom negli scambi (sopra 6 milioni i pezzi trattati contro i meno di 800.00 di venerdi' scorso) e' legato all'appeal speculativo riportato dalla mossa di Carlo De Benedetti con un'offerta, a un prezzo di 0,25 euro per azione, sul 29,9% della societa' editoriale fatta a Cir (azionista di Gedi col 43,8% circa) e respinta al mittente come "irricevibile". A Piazza Affari Cir prosegue in sordina (-0,2% a 0,93 euro) cosi' come Cofide (+0,33% a 0,45 euro). 

Gedi: monitoraggio di Consob su offerta De Benedetti

La Consob ha acceso un faro sulla proposta di acquisto del 29,9% delle azioni di Gedi da parte di Carlo De Benedetti. L'operazione - secondo quanto si apprende - viene monitorata con attenzione dagli uffici della commissione di borsa.

Gedi, CdB rivuole Repubblica dai figli. Offerta per il 29,9%. No di Cir

Carlo de Benedetti vuole ricomprarsi Repubblica dai figli, ma il Cda di Cir rispedisce al mittente un'offerta senza premio. Questa la mossa che nel weekend ha alzato il velo sui forti contrasti tra l'Ingegnere e i figli,  messi totalmente in piazza, a mezzo stampa sul futuro di Repubblica e Stampa. Secondo quanto ha fatto sapere lo stesso Carlo de Benedetti all’Ansa, l’imprenditore ha presentato venerdi' 11 ottobre alla Cir, attraverso la sua controllata al 99% Romed, un'offerta di acquisto cash del 29,9% delle azione Gedi (ex gruppo Espresso editrice dei quotidiani La Repubblica, La Stampa e il Secolo XIX) al prezzo di chiusura di giovedì, e cioè 0,25 euro per azione.

"Questa mia iniziativa è volta a rilanciare il gruppo al quale sono stato associato per lunga parte della mia vita e che ho presieduto per dieci anni, promuovendone le straordinarie potenzialità”, ha scritto de Benedetti nella lettera che accompagna l'offerta di acquisto delle azioni.

"E' chiaro che conoscendo bene il settore, mi sono note le prospettive difficili, ma credo che con passione, impegno, consenso e competenza, il gruppo possa avere un futuro coerente con la sua grande storia".

 Nella lettera firmata dal presidente del consiglio di amministrazione di Romed, Luigi Nani, che contiene l'"offerta irrevocabile" per l'acquisto delle azioni Gedi, si legge che "l'esatto quantitativo dovrà essere determinato tenendo conto delle azioni costituenti il capitale sociale e di quelle che eventualmente lo costituiranno in funzione di stock option o altre operazioni sulle azioni. La presente offerta irrevocabile non è condizionata all'espletamento di alcuna due diligence, ferma restando la garanzia sui bilanci e sulle situazioni infrannuali pubblicati.

"La presenta offerta Irrevocabile - si legge poi lettera - e' subordinata alle seguenti condizioni: - che i componenti il consiglio di amministrazione di Gedi di nomina Cir rassegnino le proprie dimissioni entro due giorni lavorativi dal trasferimento delle azioni oggetto della presente offerta alla nostra societa', ad eccezione dell'ing. John Philip Elkann e del dr. Carlo Perrone che potranno mantenere le attuali cariche e gli attuali poteri - e che, per le residue azioni che resteranno di sua proprietà, Cir si impegni a distribuirle ai propri soci (ovvero ai soci della società riveniente dalla fusione COFIDE/Cir) entro un anno dal trasferimento delle azioni oggetto della presente offerta alla nostra società"."Vi saremo grati - conclude la lettera - se vorrete sottoporre la nostra proposta al vostro prossimo consiglio di amministrazione, rimanendo la presente offerta irrevocabile efficace fino al termine del secondo giorno di Borsa aperta successivo alla data dello stesso". 

A stretto giro è arrivato il comunicato di Cir che rispedisce al mittente l'offerta e il figlio dell'Ingegnere, Rodolfo De Benedetti si dice "sconcertato" per "un'offerta non concordata". Il punto infatti è che la famiglia De Benedetti non è sola in Cir, perché ci sono nel capitale le minoranze di mercato e la questione non può essere risolta come se si trattasse di un riassetto privato. Inaccettabile, anche perché la cosa sarebbe osteggiata/bocciata dal mercato: un'offerta ai prezzi di Borsa di giovedì, quindi senza premio, non potrebbe essere gradita al mercato per smantellare una quota che oggi in Gedi è di maggioranza.

"La proposta", spiega la nota di Cir, "non è stata sollecitata, nè concordata e viene ritenuta "manifestamente irricevibile in quanto del tutto inadeguata a riconoscere a Cir e a tutti gli azionisti il reale valore della partecipazione e ad assicurare prospettive sostenibili di lungo termine a Gedi", tema su cui l'azienda "e' da sempre impegnata". 

"Sono profondamente amareggiato e sconcertato dall'iniziativa non sollecitata né concordata presa da mio padre e il cui unico risultato consiste nel creare un'inutile distrazione, della quale certo non si sentiva il bisogno", ha affermato poi sempre all'Ansa Rodolfo De Benedetti. Che ha aggiunto: "Sono amareggiato anche rispetto al lavoro delle tante persone impegnate quotidianamente a garantire un futuro di successo al Gruppo Gedi, che da anni opera in un settore dei più sfidanti. I miei fratelli ed io, come azionisti di controllo del Gruppo Cofide-Cir continueremo a dare il nostro pieno supporto al management in questo percorso".

Ma le dichiarazioni rilasciate dal presidente di Cir non vanno giù al padre che replica nuovamente: "Trovo bizzarre le dichiarazioni di mio figlio Rodolfo. È lo stessa persona che ha trattato la vendita del Gruppo Espresso a Cattaneo e Marsaglia. La gestione sua e di suo fratello Marco hanno determinato il crollo del valore della azienda e la mancanza di qualsiasi prospettiva, concentrandosi esclusivamente sulla ricerca di un compratore visto che non hanno né competenza. Né passione per fare gli editori. Ha distrutto valore negli ultimi anni. Nonostante l'età ho passione e idee per istituzionalizzare il gruppo assicurandogli un futuro di indipendenza ed autonomia". 

Secondo i rumors, Carlo de Benedetti, vorrebbe mettere Ezio Mauro alla presidenza di Gedi e chiamare Corrado Corradi alla guida, dandogli il ruolo di amministratore delegato al posto di Laura Cioli.  

 

Commenti
    Tags:
    borsaborsa gedicarlo de benedettide benedetti gedide benedetti repubblicagedi gruppo editorialegedi de benedetticir sparodolfo de benedettimarco de benedettirepubblicasecolo xixvendita gruppo gedivendita repubblica milanovendita gruppo espressola stampa
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    FERRAGNI, MANI SUL REGGISENO "COSI' DIMOSTRO CHE HO LE..."

    Katy Perry, sauna bollente

    FERRAGNI, MANI SUL REGGISENO
    "COSI' DIMOSTRO CHE HO LE..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    LEAF si trasforma in TREE per elettrizzare il Natale

    LEAF si trasforma in TREE per elettrizzare il Natale

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.