A- A+
Economia
Borsa, Toro a fine corsa: i manager vendono le azioni

 

La fine anno si avvicina e da Wall Street a Piazza Affari non sono pochi i trader che incrociano le dita sperando nel classico "rally natalizio", anche se coi listini asiatici ai massimi dell'ultimo decennio e la borsa di New York (anche oggi positiva in avvio) che ieri ha visto i tre indici principali indici chiudere la sessione simultaneamente a valori record per la 26esima volta da inizio anno, la tentazione di portare a casa qualche guadagno è alta anche tra gli "insider".

Sergio Marchionne, ad esempio, il 27 ottobre si è visto riconoscere 2,8 milioni di titoli Fiat Chrysler Automobiles per aver centrato gli obiettivi finanziari previsti dal piano industriale al 31 dicembre dello scorso anno e verosimilmente potrà ottenere due ulteriori "bis" centrando gli obiettivi previsti per quest'anno e il prossimo dal piano industriale 2014-2018. La stock option maturata da Marchionne vale 43,84 milioni di euro ai valori correnti (15,66 euro per azione) e visto che il titolo negli ultimi 12 mesi ha già guadagnato il 155% (ovvero l'81% circa da inizio anno) se il 65enne manager dal maglione blue portasse a casa il guadagno, come del resto aveva già fatto esattamente tre anni or sono, non ci sarebbe da gridare allo scandalo.

In casa Campari è invece Cedar Rock Capital, società di investimenti britannica "buy and hold" fondata dall'ex gestore di Morgan Stanley, Andy Brown, già azionista di lungo corso del gruppo, ad aver venduto, durante il mese di agosto, oltre 1,3 milioni di titoli a prezzi tra i 6,10 e i 6,15 euro circa per complessivi 7,92 milioni di euro. Cessioni che erano seguite a precedenti alleggerimenti in luglio (poco meno di 500 mila titoli tra 6,15 e 6,33 euro circa per altri 3,62 milioni circa) e prima ancora in maggio (circa 1,1 milioni di azioni tra i 6 e i 6,16 euro circa, per altri 6,65 milioni circa).

Anche così, con oltre 117 milioni di azioni Campari ancora in portafoglio la società di Brown ha il 10,11% del capitale ed è seconda solo ad Alicros Spa, la holding della famiglia Garavaglia che controlla il 51% di Davide Campari Spa, avendo quindi potuto beneficiare dell'ulteriore apprezzamento del titolo (che oggi sale a 6,755 euro a Piazza Affari, il 54% in più dei livelli a cui si trovava un anno fa).

Dal bere al lusso "made in Italy", in casa Moncler è stata Ecip, ossia Eurazeo, a cedere il 3,34% del capitale a 24,48 euro per azione, tramite un bookbuilding accelerato presso investitori istituzionali. Con la vendita, avvenuta il 25 ottobre con un "timing" a dir poco perfetto visto che il titolo al momento oscilla a 24,18 euro per azione, Eurazeo ha incassato 188 milioni di euro, ossia 6,7 volte l'investimento iniziale.

Ha invece preferito anticipare, e di molto (il 16 maggio) i  tempi Hydra, azionista di riferimento di Datalogic che ormai quasi 6 mesi fa ha collocato il 2,56% del capitale della società (1,5 milioni di azioni) sempre tramite un accelerated bookbuilding presso investitori istituzionali, incassando 25 euro per azione, per complessivi 37,5 milioni di euro. Visto che il lockup (ossia l'impegno a non vendere) aveva una durata di 180 giorni e che inizialmente Hydra si era detta pronta a cedere sino al 5% del capitale (2,92 milioni di azioni), sarà interessante vedere se col titolo a 32,5 euro l'azionista di controllo (64,65% del capitale, pari a quasi 37,8 milioni di azioni) non vorrà procedere ad un "bis" nelle prossime settimane.

Ha invece proceduto ad alleggerire la propria partecipazione a inizio settembre Ieh (Italian electronics holdings, facente capo a Rhone Capital II Lp), azionista di riferimento di Unieuro che ha ceduto a investitori istituzionali 3,5 milioni di titoli, pari al 17,5% del capitale, a 16 euro l'una, intascando circa 56 milioni. Dopo il collocamento che ha portato Ieh dal 65,49% al 47,99% del capitale, il titolo ha perso quota ed ora oscilla sui 14,55 euro per azione a Piazza Affari, con una capitalizzazione calata sotto i 300 milioni di euro.

Non ha portato troppo bene al titolo neppure il collocamento di un 12,3% di Ovs (pari a 28 milioni di azioni) da parte di CIE Management II Lp, fondo della scuderia di BC Partners di Francesco Loredan, dal 2011 azionista di controllo di Gruppo Coin Spa (a cui fa capo Ovs), che con l'operazione, avvenuta a fine settembre, è sceso sceso dal 30,169%  al 17,835% del capitale. I titoli erano stati ceduti a 6,53 euro l'uno, per complessivi 18,28 milioni, mentre ora Ovs a Piazza Affari vale 6,35 euro per azione (dopo aver toccato anche i 6,20 euro nella prima decade di ottobre), per una capitalizzazione di circa 1,45 miliardi.

 

Tags:
camparirecordatimonclerdatalogicfcavendita azioni insider

in vetrina
Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

i più visti
in evidenza
La moglie rompe il silenzio "Michael è un combattente e..."

Schumi, parla Corinna

La moglie rompe il silenzio
"Michael è un combattente e..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.