A- A+
Economia
Bpm, Poste e CdP pronte a creare il terzo polo del risparmio gestito

Di Luca Spoldi

Se (non) vinci, prova ancora: mancato il bersaglio grosso col passaggio di Pioneer Asset Management dal gruppo Unicredit alla francese Amundi, la cordata Banco Bpm-Poste Italiane-CdP riprende le manovre in vista del varo di un nuovo polo di risparmio gestito tricolore. Secondo quanto riporta la stampa italiana, infatti, i tre gruppi starebbero studiando come integrare le rispettive attività nel settore del risparmio gestito sotto Anima Holding, così da dare vita a un gruppo con masse gestite per circa 186 miliardi di euro in base ai dati complessivi di Assogestioni di fine maggio (circa 170 miliardi secondo i calcoli di Banca Imi).

Il nuovo gruppo si posizionerebbe subito dietro i tre colossi del settore in Italia, ossia al gruppo Generali (470,43 miliardi di gestito a fine maggio), a Intesa Sanpaolo (circa 384,16 miliardi tra Eurizon e Fideuram) e ad Amundi-Pioneer (che vanta oltre 196,8 miliardi tra Pioneer e Amundi). Attualmente Poste Italiane con 77 miliardi di patrimonio in gestione è quarta nella classifica dei principali gestori italiani, Anima Holding è quinta con 75 miliardi mentre Banco Bpm è quattordicesimo con appena più di 34 miliardi.

Il progetto prevederebbe tre passaggi chiave da realizzare in tempi brevi. Anzitutto il conferimento di Aletti Gestielle Sgr (controllata al 100% da Banco Bpm) in Anima Sgr (di cui è azionista al 14% la stessa banca) dietro un corrispettivo superiore al mezzo miliardo di euro; le due società prolungherebbero anche l’accordo di distribuzione già in essere.

Poi, entro l’anno, BancoPosta Fondi Sgr verrebbe conferita sempre ad Anima da parte di Poste che così salirebbe dall’attuale 10,3%, fino al 25%; infine Poste Italiane cederebbe a CdP (già primo azionista di Anima col 35%) tra il 10% e il 15% di Anima, ridiscendendo tra il 15% e il 10%.

Il nuovo polo, per il quale si prevede una capitalizzazione tra i 3 e i 4 miliardi rispetto agli attuali 2 miliardi scarsi di Anima, vedrebbe CdP come azionista di riferimento con una quota tra il 45% e il 50% del capitale mentre Banco Bpm e Poste Italiane rimarrebbero azionisti di minoranza, complice anche la ridefinizione della strategia di Poste Italiane dove Matteo Del Fante sembra non ritenere più così strategica la presenza nel risparmio gestito rispetto al suo predecessore, Francesco Caio.

La reazione della borsa all’indiscrezione è stata subito positiva: Banco Bpm chiude con + 1,18% a 3,0980, dopo un picco in mattinata a 3,168 euro per azione, mentre Anima Holding chiude con il 6,16% a 6,8050 euro e Poste Italiane chiude a sui 6,08 euro (+0,25%), attorno ai prezzi di chiusura di venerdì, con gli investitori che attendono di capire quale potrà essere la redditività e il focus del gruppo guidato da Del Fante.

Positivi anche i primi commenti da parte dagli analisti: Banca Imi ha confermato il proprio “buy” e il prezzo obiettivo a 6,8 euro su Anima Holding, il cui Cda potrebbe esaminare il potenziale acquisto di Aletti Gestielle già in giornata. Secondo gli esperti, infatti, l’eventuale acquisto di Aletti Gestielle per circa 600 milioni di euro potrebbe portare “a un aumento degli utili di oltre il 15% per Anima Sgr a partire dal 2018”, mentre per Banco Bpm l’operazione potrebbe avrebbe un impatto positivo sul Cet1 ratio intorno ai 60 punti base, evidenziando quasi 440 milioni di euro di plusvalenze latenti.

Tags:
banco bpmposte italianecdpanima

in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

i più visti
in evidenza
Grande Fratello Vip 3 terremoto 10 in nomination: TUTTI I NOMI

Grande Fratello Vip News

Grande Fratello Vip 3 terremoto
10 in nomination: TUTTI I NOMI

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Honda CR-V: primo contatto con la nuova generazione

Honda CR-V: primo contatto con la nuova generazione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.