A- A+
Economia
Brexit: la bistecca inglese potrebbe non arrivare sulle nostre tavole

BREXIT SENZA ACCORDO, EXPORT: A RISCHIO LA BISTECCA DI MANZO INGLESE

La ricca industria dell’esportazione di cibo nel Regno Unito potrebbe essere a rischio in caso di Brexit senza accordo, avverte un rapporto realizzato dal National Audit Office. Secondo quanto riportato dalla BBC, le spedizioni di alimenti e il bestiame potrebbero essere ritardate alle frontiere del Regno Unito se mancano i veterinari per analizzarli.

BREXIT CONSEGUENZE PER L'INGHILTERRA: ESPORTAZIONI ALIMENTARI A RISCHIO

Il Dipartimento per l'ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali (Defra) ha detto che ha rinforzato la sua forza lavoro e si sta preparando per una serie di scenari Brexit. Ma la presidente della commissione per i conti pubblici, Meg Hillier, laburista, ha dichiarato: "Stiamo rapidamente esaurendo il tempo".
Il Defra, uno dei dipartimenti governativi più colpiti dalla Brexit, ha garantito che manterrà gli standard ambientali, di benessere e di biosicurezza di modo da sostenere il commercio e "il flusso regolare delle merci". Ma i responsabili della spesa pubblica lo ha accusato di essere impreparato a uno scenario di Brexit senza accordo, dicendo che molti dei suoi piani sono di "scarsa qualità e mancanza di maturità".
Il Defra non è riuscito ad assumere abbastanza veterinari, il rapporto sottolinea che la ricerca di nuovi veterinari, che sarebbe dovuta iniziare ad aprile, non era ancora stato autorizzato dal governo.

BREXIT EFFETTI NEGATIVI: ESPORTAZIONI DI CARNE A RISCHIO

Sono necessari più veterinari per elaborare i certificati sanitari di esportazione - utilizzati per dimostrare che le esportazioni sono conformi agli standard e alle norme sulla salute degli animali - che aumenteranno se ci sara una Brexit senza accordo. Senza di loro, le spedizioni di cibo potrebbero essere ritardate alla frontiera o bloccate entro i confini del Regno Unito, ha detto la NAO.

Il Defra dovrà introdurre un equivalente britannico per ognuna delle 1.400 versioni diverse degli attuali certificati UE, che attualmente fanno riferimento al diritto dell'UE e concordare con 154 paesi per continuare ad esportare questi beni, si legge nel rapporto.

Secondo il rapporto il Defra potrebbe non essere in grado di raggiungere accordi con tutti i paesi Ue entro marzo 2019, quando la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea. Ciò potrebbe lasciare le aziende del Regno Unito impossibilitate ad esportare in paesi in cui gli accordi non sono ancora stati raggiunti per un periodo, avverte il rapporto.

BREXIT SENZA ACCORDO: RISCHIO ESPORTAZIONI ALIMENTARI 

Il Segretario all'ambiente Michael Gove ha dichiarato che il Defra si sta preparando a "ogni eventualità" e sta aumentando il numero di veterinari disponibili. "Non avremo cibo in decomposizione o carcasse di animali abbandonate sul lato della strada", ha detto Gove intervistato dalla BBC Radio 4
 

Commenti
    Tags:
    brexitbrexit senza accordobrexit rischibrexit esportazionibrexit export

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

    Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.