A- A+
Economia
Btp, migliora la fiducia nell'Italia. Collocati tutti i 6,5 mld. Tassi giù

Arrivano segnali positivi dalla prima asta italiana sul medio e lungo termine del 2019. Considerata da molti osservatori come il primo banco di prova per il Tesoro in vista del rilevante stock di emissioni a medio/lungo termine che dovra' collocare sul mercato nei prossimi 12 mesi (circa 250 miliardi di euro), l'asta di oggi, scrive l'agenzia Radiocor-Il Sole 24 Orenon solo ha fatto registrare un netto calo dei rendimenti ma anche un buon risultato in termini di domanda: a fronte dei 6,5 miliardi emessi le richieste hanno raggiunto i 9,8 miliardi

E' da segnalare come non ci fossero scadenze di titoli a sostenere la domanda e che il collocamento e' caduto poco dopo un dato negativo sulle prospettive di crescita dell'Italia (la battuta d'arresto della produzione industriale a novembre). "In seguito alla pubblicazione dei risultati, lo spread BTp/Bund ha stretto di circa 4 punti base, dopo averne concesso un paio nell'ora prima dell'asta

La 'full size' emessa, il rapporto tra domanda e offerta e i prezzi di emissione indicano un'ottima qualita' della domanda in asta", segnala Mps Capital Services nel suo commento. Tra i fattori di sostegno ci sono una opinione di mercato sull'Italia nettamente migliorata nelle ultime settimane e l'intonazione positiva sul mercato dei bond dopo le rassicurazioni della Fed sulle prossime mosse di politica monetaria negli Usa.  

L'asta di oggi partiva da premesse non proprio incoraggianti, considerando l'intensa attivita' che ha caratterizzato il mercato primario europei negli ultimi giorni. Nei primi giorni del 2019 molti emittenti sovrani si sono sovrapposti sul mercato primario coprendo un range di scadenza che vanno dai nuovi benchmark decennali emessi da Irlanda e Portogallo fino alle riaperture dei OaT a 30 anni da parte del Tesoro francese e alla emissione, sempre a 30 anni, dell'Austria. 

La pressione sul lato dell'offerta, tuttavia, non ha di fatto intaccato l'interesse per i BTp Italiani che, sulle scadenza a 3 e 7 anni, hanno registrato un discreto livello di overbidding (6 e 10 tick rispettivamente rispetto ai livelli del mercato secondario). Anche il BTp a 30 anni, per il quale ci si attendeva qualche concessione in asta, ha invece tenuto molto bene, collocandosi sui livelli del mercato secondario

Alla base della buona performance dei BTp, segnala UniCredit c'è una opinione di mercato sull'Italia che "e' nettamente migliorata, con lo spread BTp/ Bund che ha brevemente toccato i minimi a 250 punti base per poi correggere l'attuale area 265-270 punti base". Anche oggi sul mercato secondario i BTp stanno sovraperformando molti titoli della zona euro e al momento lo spread BTp/Bund si attesta a 258 punti base (265 punti base in avvio) con un rendimento del BTp decennale benchmnark che viaggia intorno al 2,83% (dal 2,90% delle prime battute). 

Restano per il momento sullo sfondo i fattori che potrebbero pesare sul piano di emissione predisposto dal Tesoro per il 2019 (come le incerte prospettive di crescita e le conseguenze sul rating italiano) che, secondo UniCredit, potrebbero tornare ad esercitare pressione sui BTp nel primo semestre dell'anno. 

Commenti
    Tags:
    btpspreadasta btp
    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Cesare Battisti visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Cesare Battisti visto dall'artista


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan presenta l’innovativo Concept-van NV300

    Nissan presenta l’innovativo Concept-van NV300

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.