A- A+
Economia
Camusso, la nuova lotta ai voucher 2.0. Dietro la guerra la voglia di Palazzo?

L’abuso nel forsennato ricorso ai voucher, almeno sulla carta, dovrebbe esser stato neutralizzato. Già, perché l’introduzione dei libretti famiglia e del contratto di prestazione occasionale per le piccole imprese con nuovi tetti per le prestazioni occasionali (5 mila euro per ciascun lavoratore e datore, con un ulteriore limite di 2.500 euro l’anno per le prestazioni al singolo datore) di fatto pone da un limite all’approfittarsi da parte degli imprenditori per quelle mansioni occasionali che possono venire regolarizzate con un “vero contratto” . Allo stesso tempo, salva il principio per cui erano nati i tanto vituperati voucher. E cioè l’emersione del lavoro nero che in Italia, soprattutto al Sud, viaggia a livelli molto alti all’interno dell’area Ocse.

landini camusso ape
 

Eppure, dopo la durissima battaglia portata avanti con la raccolta firme per il referendum, la barricadera leader della Cgil Susanna Camusso ha promesso che dissotterrerà l’ascia di guerra dopo l’ok bipartisan in Commissione Bilancio alla Camera all’emendamento Di Salvo al decreto legge sulla manovra correttiva. Emendamento che reintroduce lo strumento dei buoni lavoro. Un via libera che ha provocato lo strappo nel Centrosinistra, con Mdp che ha fatto sapere che non voterà la fiducia al maxi-decreto in aula.

Susanna Camusso, che prossimo anno lascerà la segreteria di Corso d’Italia in quanto ormai ineleggibile dopo un doppio mandato (i nomi per la successione sono quelli di Serena Sorrentino, Vincenzo Colla e di Maurizio Landini), ha fatto sapere che la nuova lotta cigiellina contro i voucher 2.0 partirà prima con la raccolta delle firme per una petizione a difesa della democrazia, poi con l’organizzazione il 17 giugno di una manifestazione a Roma e, se necessario, promuoverà un ricorso alla Corte costituzionale.

Bersani Speranza ape
 

Ma perché se, come commentato da numerose associazioni, la nuova configurazione dei buoni lavoro dà un contributo importante alla lotta al sommerso, tema caro per definizione anche al sindacato, la Camusso non ha deposto definitvamente le armi? Certo, mancano come denuncia giustamente la numero uno di Corso d'Italia tutte le tutele (malattia, ecc...), ma lo strumento è perfettibile con altri interventi legislativi. Ma non è il caso di cancellarlo del tutto.

C’è chi dice che dietro questa sua presa di posizione ci sia l’allineamento in funzione anti-renziana con Mpd, nelle cui fila potrebbe presto candidarsi. E siamo già in clima da campagna elettorale. 

Rispettosa della tradizionale separazione fra politica e sindacato, la diretta interessata, sdegnata, ha smentito anche il più celato retropensiero. “Mi produce tristezza il fatto che si trasformi tutto ciò che si fa in un’azione di rappresentanza collettiva in meri obiettivi personali. Non solo non ci sono gli obiettivi personali ma rimangono scelte che si compiono in ragione di una funzione di rappresentanza “, ha sottolineato. Ma nel Palazzo , c'è chi non gli crede. Com’è che si dice? “A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca…”.

Tags:
cgilsusanna camussosindacatovoucher

in vetrina
Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Toninelli visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.