A- A+
Economia
Carige non come le banche del Pd. Le differenze nei salvataggi di Mps&C

L’assordante silenzio della politica sulla vicenda Banca Carige si è interrotto ieri sera quando il governo, al termine di un Consiglio dei ministri straordinario, ha varato un decreto legge per introdurre misure urgenti che permettano alla banca “di accedere a forme di sostegno pubblico della liquidità”.

In particolare il Tesoro garantirà le nuove emissioni obbligazionarie, cosa che potrebbe sbloccare la rinegoziazione del bond subordinato Tier2, su cui al momento l’istituto deve pagare un 16% di interesse annuo, sottoscritto per 320 milioni dallo Schema Volontario del Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd), ossia dalle principali banche italiane (incidentalmente concorrenti della stessa Banca Carige).

banca etruria ape
 

Non solo: il Tesoro garantirà anche eventuali “finanziamenti erogati discrezionalmente dalla Banca d’Italia”, il tutto “in stretto raccordo con le istituzioni comunitarie” e “nel pieno rispetto della normativa in materia di aiuti di stato”. Aiuti di stato che potrebbero, in estrema ratio, tradursi in una ricapitalizzazione precauzionale come già fu nel caso di Mps, sempre che, ovviamente, la Commissione Ue ne ravvisi la necessità e dia il suo benestare.

L’intervento del governo gialloverde ha naturalmente fatto esplodere immediate polemiche in merito all’opportunità o meno di tale mossa e portato a immediati paragoni con quanto è stato fatto in precedenza.

mps
 

In cosa dunque la soluzione alla crisi di Banca Carige è simile e in cosa diversa rispetto al precedente di Banca Etruria, Banca Marche, Carichieti e Cariferrara, poste in “risoluzione” nel novembre 2015, al caso di Mps, nel cui capitale il Tesoro è divenuto azionista di maggioranza col 68% del capitale nella primavera del 2016, piuttosto che a quello delle ex popolari venete Bpvi e Veneto Banca, la cui parte “sana” fu rilevata per 1 euro da Intesa Sanpaolo nel giugno 2017 mentre la parte “a rischio” venne rilevata dalla Sga?

Va ricordato che nel caso di Banca Carige l’intervento dello stato non prevede, per ora, alcun esborso per i contribuenti, avviene a fronte di un istituto che non ha passato gli “stress test” ma risulta pienamente solvibile e ben patrimonializzato dopo l’intervento dello Schema volontario Fitd e dovrebbe fungere da “ponte” per favorire la cessione di 2,5-3,5 miliardi di crediti deteriorati di vario tipo (Npl) da Banca Carige alla Sga, condizione necessaria perché qualche altra banca (Unicredit, Cariparma, Bper Banca e Ubi Banca i nomi più gettonati) possa farsi avanti per rilevare l’istituto ligure e chiudere definitivamente la vicenda.

carige
 

Quando si ricorse alla “risoluzione” di Banca Etruria, Banca Marche, Carichieti e Cariferrara stava invece per entrare in vigore la normativa europea sul “bail in” ossia la direttiva Bddr, tuttora in vigore, che prevede espressamente che una banca in dissesto (come apparivano gli istituti in questione, dopo 1,7 miliardi di euro di perdite e 6 miliardi di crediti deteriorati) dovrebbe essere mantenuta in attività “mediante l’uso di strumenti di risoluzione ricorrendo, per quanto possibile, a fondi privati, attraverso la vendita o la fusione con un acquirente del settore privato o previa svalutazione delle passività dell’ente, ovvero previa conversione del debito in capitale per effettuare una ricapitalizzazione”.

veneto banca ape
 

Alla fine al Fondo di risoluzione, pagato dalle altre banche italiane, andò un conto di 5 miliardi, mentre Banca Marche, Banca Etruria e Carichieti furono ceduti a Ubi Banca per 1 euro e Cariferrara finì a Banca Bper, sempre al prezzo simbolico di 1 euro.

Destino differente per Mps: Siena, dopo aver varato 13 miliardi dei euro di aumenti di capitale negli anni precedenti, provò ancora una volta a ricorrere al mercato assistita da Jp Morgan a fine 2016, ma questa volta gli investitori risposero picche. Così lo stato italiano intervenne concordando con la Commissione Ue, dopo una conversione di una serie di prestiti obbligazionari in capitale, una ricapitalizzazione precauzionale che è costata 5,4 miliardi di euro ai contribuenti italiani in cambio di una partecipazione che vale oggi meno di 1,2 miliardi.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    banca carigempsbanca popolare dell'etruria
    i più visti
    in evidenza
    Nadia Toffa torna coi suoi capelli "Non sono guarita, ma..."

    LE IENE, LA BELLA NOTIZIA

    Nadia Toffa torna coi suoi capelli
    "Non sono guarita, ma..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Kia PROCEED shooting brake, l'alternativa alle tradizionali station wagon

    Kia PROCEED shooting brake, l'alternativa alle tradizionali station wagon

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.