A- A+
Economia
Cdp Banca per gli investimenti? Il libro dei sogni di Di Maio. Ecco perché

A Luigi Di Maio, in campagna elettorale in Molise, Cassa depositi e prestiti piace un sacco: l’esponente grillino ha più volte indicato come il gruppo possa essere considerato una sorta di “mega banca, anche se non è una banca” da cui può nascere quella che lo stesso leader M5S chiama “Banca pubblica degli investimenti” (c'è un riferimento preciso nel programma pentastellato) con la quale finanziare piccole imprese, famiglie e agricoltori, facendo investimenti pubblici “nelle infrastrutture”, ma anche in grado di fornire alle imprese “l’accesso al credito a un tasso moderato, per poter fare innovazione in azienda a nuove linee di produzione che consentano di svilupparsi”.

andrea roventini ape
Andrea Roventini, ministro Economia in pectore M5S

Il perché anche M5S, come altri partiti prima di lui, abbia messo gli occhi su Cdp è evidente: il gruppo guidato da Claudio Costamagna (presidente, che sembra contare sul sostegno delle fondazioni bancarie socie al 15% di Cdp) e Fabio Gallia (amministratore delegato, dato in uscita a giugno) gestisce 253 miliardi di euro di risparmio postale oltre a custodire 25 miliardi di euro di partecipazioni strategiche in società quotate come Poste Italiane, Eni, Saipem, Ansaldo, Fincantieri, Sace, Fintecna, Italgas, Snam e Terna e pronta a spendere 600 milioni di euro per entrare con un 5% nel capitale di Telecom Italia, al fine di agevolare lo scorporo della rete d’accesso, che potrebbe poi essere integrata con quella di Open Fiber (50% CdP, 50% Enel).

Di maio sorridente Foto La Presse
 

Cdp è dunque già oggi una sorta di “Iri4.0” e ancora di più potrebbe diventarlo se, come sembra, dovesse muoversi per entrare nel capitale di Ilva e di Alitalia, aziende che peraltro sono state per decenni simbolo del fallimento dello stato imprenditore avendo bruciato miliardi di euro di contributi pubblici ma che gran parte del mondo politico, grillini compresi, gradirebbero ristabilissero un cordone ombelicale col “palazzo”. La proposta di far nascere da CdP una Banca pubblica degli investimenti spacca invece i sindacati: la Uil si dice “d’accordo con la proposta”, la Cgil sottolinea come il termine “si presta ad ambiguità per il sistema bancario”, che “ha delle regole diverse da quelle di Cassa deposito e prestiti”.

Non solo: mentre CdP potrebbe, come ipotizzato da alcuni, decidere anche di rilevare dal Tesoro la partecipazione di controllo di Mps una volta che l’istituto sia risanato, dotandosi così di un “braccio bancario”, ben diversamente sarebbe se volesse dare vita ex novo a un istituto d’investimento, non avendo personale e struttura adeguati e dovendo verosimilmente registrare perdite in caso di un avviamento da zero.

(Segue...)

Tags:
cdpdi maio cdpdi maio banca pubblica investimentiprogramma m5s cdp banca pubblica
in vetrina
Temptation Island 2019, Ilaria in lacrime per Massimo e Federica. TEMPTATION ISLAND 2019 NEWS

Temptation Island 2019, Ilaria in lacrime per Massimo e Federica. TEMPTATION ISLAND 2019 NEWS

i più visti
in evidenza
De Lellis-Iannone, che passione Il pilota le bacia i piedi. Lei.. Video

La coppia dell'estate. I gossip

De Lellis-Iannone, che passione
Il pilota le bacia i piedi. Lei.. Video


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nissan svela il concept van e-NV200 a zero emissioni per i gelati

Nissan svela il concept van e-NV200 a zero emissioni per i gelati


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.