A- A+
Economia
CDP: dal 2010 investimenti per 3 miliardi in edilizia scolastica
Insegnante

Ammonta a oltre 2 miliardi l’investimento di Cassa Depositi e Prestiti per finanziare interventi di progettazione, costruzione, ammodernamento, efficientamento energetico e sicurezza antisismica nelle scuole. Oltre a ciò, i numerosi progetti di student housing e di promozione della cultura del risparmio.

All’avvio del nuovo anno scolastico, Cassa Depositi e Prestiti rende noto l’investimento fatto dal 2010 in edilizia scolastica. Un totale di circa 3 miliardi di euro, a testimonianza dell’impegno a supporto di tutto il sistema scolastico. 

Un impegno che continua. Gli ultimi dati semestrali evidenziano, infatti, come nei primi sei mesi del 2019 CDP abbia finanziato investimenti in 91 edifici scolastici: in pratica, una scuola ogni due giorni.

Ammontano invece a oltre 2 miliardi di euro le nuove risorse a disposizione degli enti territoriali per interventi di progettazione, realizzazione e ammodernamento degli edifici destinati all’istruzione: dalla scuola dell’infanzia all’università, dall’alta formazione artistica musicale e coreutica alle residenze universitarie. A questo si aggiunge l’impegno per la realizzazione di progetti di student housing con l’obiettivo di completare nei prossimi anni la realizzazione di circa 6.500 posti letto nelle principali città universitarie italiane, e per la promozione della cultura del risparmio nelle scuole attraverso il programma sviluppato con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca e Poste Italiane “Il Risparmio che fa scuola”, che punta a coinvolgere fino a 1 milione di studenti attraverso l’educazione ad un risparmio consapevole e sostenibile.

Cassa Depositi e Prestiti: con il MIUR sul Piano di edilizia scolastica 2018-2020

Tra il 2010 e il 2018 CDP ha concesso agli enti locali mutui per oltre 2,4 miliardi di euro, risorse destinate al finanziamento di opere di edilizia scolastica, e così distribuite su tutto il territorio nazionale: 44% al nord, 23% al centro e 33% al sud. 

Tali finanziamenti sono stati erogati grazie alle risorse raccolte attraverso Buoni e Libretti postali emessi da CDP e grazie al contributo della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), che ha messo a disposizione di CDP una provvista di oltre 1,1 miliardi di euro nel triennio 2015-2017. La collaborazione fra le due istituzioni è stata rinnovata lo scorso 29 luglio ed estesa anche alla Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa (CEB) con la firma di due nuovi contratti di provvista – il primo con BEI per 1,25 miliardi di euro e il secondo con CEB per 300 milioni di euro – per attuare il Piano di edilizia scolastica 2018-2020 del MIUR.

Cassa Depositi e Prestiti: il social bond per edilizia scolastica e riqualificazione urbana

Per sostenere il settore, a marzo 2019, CDP ha arricchito la propria raccolta emettendo un social bond del valore di 750 milioni di euro collocato presso investitori istituzionali e volto al finanziamento di interventi di edilizia scolastica e riqualificazione urbana, con focus particolare sulla sicurezza.

Cassa Depositi e Prestiti: i progetti di student housing dedicati ai ragazzi

L’impegno del Gruppo CDP per lo sviluppo di infrastrutture funzionali alle esigenze della formazione e dei giovani si concretizza anche nell’attività del settore immobiliare del Gruppo, tramite il sostegno finanziario a progetti di student housing. Attraverso CDP Immobiliare SGR, infatti, CDP ha messo a disposizione le proprie risorse anche per la realizzazione di residenze convenzionate per studenti con un investimento che ad oggi ha raggiunto circa 300 milioni di euro distribuiti su 12 interventi.

Si tratta di strutture specializzate, moderne, con spazi comuni e materiali innovativi che, a tariffe calmierate, sostenibili per il budget delle famiglie, facilitano la crescita della mobilità degli studenti e del personale universitario fuori sede, configurando una maggiore attrattività dei nostri atenei.

Cassa Depositi e Prestiti: promuovere la cultura del risparmio nelle scuole, con MIUR e Poste

L’impegno di CDP per la scuola e i giovani non si esaurisce nel sostegno all’edilizia scolastica, ma si estende anche alla promozione della cultura del risparmio presso le giovani generazioni. Ne è un esempio il progetto di educazione finanziaria “Il Risparmio che fa scuola”, realizzato in collaborazione con il MIUR e Poste Italiane, che nell’arco di quattro anni punta a coinvolgere oltre 1 milione di studenti di età compresa fra i 6 e i 18 anni di 20 mila scuole italiane. Uno dei punti di forza del progetto, riguarda la promozione di specifici percorsi didattici di educazione al risparmio rivolti alle realtà scolastiche più esposte al disagio socio-economico.

Commenti
    Tags:
    cassa depositi e prestiti edilizia scolasticaedilizia scolasticaedilizia scolastica sostenibilesicurezza nelle scuolecdp finanziamenti edilizia scolasticacultura del risparmio cdpposte italianemiurammodernamento scuole italianesicurezza scuole italianestudent housing cdpedifici scolasticibanca europea per gli investimenti beibanca di sviluppo del consiglio d’europa ceb
    i più visti
    in evidenza
    Eva Henger 'guarda avanti' E la foto del suo LATO B...

    Ashley Graham nuda al 100%

    Eva Henger 'guarda avanti'
    E la foto del suo LATO B...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    FCA: avviati i primi test di produzione della Jeep® Compass, ibrida plug-in

    FCA: avviati i primi test di produzione della Jeep® Compass, ibrida plug-in

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.